Salta al contenuto principale

L'Honda SH 350i: scattante nel traffico e veloce in tangenziale

Dal 2007 è il punto di riferimento per la categoria: nel tempo però l’SH è cresciuto di cilindrata passando da 270 a 329 cm3, migliorando prestazioni e stabilità. Il peso è contenuto, affidabilità e qualità al top della categoria
Pregi

Pregi

Il motore grintoso, la pedana piatta, il peso contenuto, i consumi bassi, le finiture curate, la dotazione ricca
Difetti

Difetti

Il parabrezza alto è molto vicino al busto, la sella dura, il serbatoio piccolo, lo scudo stretto che ripara poco

In sintesi

Il motore monocilindrico ha distribuzione monoalbero a 4 valvole ed è raffreddato a liquido ed è inserito in un telaio a semi doppia culla in tubi d’acciaio, alleggerito rispetto al “vecchio” SH 300 di un chilogrammo, grazie a tubi e piastre di rinforzo a spessore differenziato. La marmitta è ben schermata e non trasmette calore eccessivo. I due ammortizzatori sono regolabili nel precarico molla su cinque posizioni. 
 

L’SH ha entrambe le ruote da 16” e la pedana piatta. Le luci frontali (tutte a led) sono divise in 3 gruppi come quelle degli SH 125-150, mentre dietro c’è un faro sdoppiato. Lo scudo rimane lontano dalle ginocchia, lo spazio per i piedi è discreto: si può anche caricare uno zainetto. Il retroscudo è ben scavato e al centro c’è un comodo gancio portaborse. Il cruscotto digitale è uguale a quello utilizzato sugli SH di taglia più piccola. È formato da due display facilmente leggibili anche sotto il sole. Ma non si connette al cellulare. In compenso però l’SH è dotato di serie di paramani molto utili per riparare dal freddo e dalla pioggia. L’SH offre inoltre di serie un robusto parabrezza alto in policarbonato che protegge bene da aria e acqua, ma è vicino al casco se si guida in punta di sella.
Le ruote alte offrono una buona stabilità anche in autostrada. Il freno anteriore è efficace. Il bauletto da 37 litri è incluso nella dotazione di serie. La serratura si sblocca con la smart key e il bottone di apertura è nascosto sotto il bauletto.

Come va

Sull’SH la posizione è naturale, ma piuttosto “raccolta”. Il manubrio è alto e vicino al pilota, mentre la pedana piatta (spaziosa per un “ruote alte”) permette di spostare i piedi e anche di caricare uno zainetto. La sella è ampia, ma alta: se non ci si siede in punta, chi è sotto il metro e 75 tocca terra a fatica. L’SH offre al passeggero una bella porzione di sella, completa di uno schienalino integrato nel bauletto. Le pedane sono ampie e le maniglie al posto giusto con un’impugnatura comoda.
 

In movimento l’SH è rapido nell’impostare le curve, anche se ha perso l’estrema agilità delle prime serie da 300 cm3, a vantaggio - va detto- della migliore stabilità quando si alza il ritmo. Se si parla di prestazioni, l’SH è tra i migliori: il motore di grande cubatura è pronto fin dai primi metri e ha una accelerazione bruciante. È migliorato anche in ripresa, sopra i 90 km/h. La tenuta di strada è sicura: l’anteriore è preciso in velocità, ma anche svelto nello scendere in piega. Ottima l’agilità. In città risulta un po’ rigido di sospensioni, ma comunque digerisce bene buche e pavé. Il cambio è preciso, ma deciso nell’inserimento della marcia, la partenza al semaforo è immediata. I due dischi garantiscono spazi di arresto contenuti e l’ABS entra in gioco raramente.
In autostrada o tangenziale l’SH offre un ottimo riparo perché parabrezza e paramani di serie fanno un ottimo lavoro, ma innescano un “effetto vela” che può dare fastidio perché genera dei vortici alle spalle del pilota. 
L’anteriore “leggero” permette all’SH di sgattaiolare tra le auto in coda con un’agilità davvero proverbiale. Utile per la sicurezza il sistema di lampeggio delle frecce dell’SH che entra in funzione quando si frena bruscamente. Non pesa molto e il motore grosso non influisce sui consumi, alti solo quando si viaggia “al limite”.

Rilevamenti

Velocità massima (km/h) 124,5
Accelerazione secondi
0-400 metri 17,1 
0-1000 metri 35,1 
0-100 km/h 9,9
Ripresa (da 50 km/h) secondi
400 metri 15,2
1000 metri 33,1
Potenza massima alla ruota  
CV/kW 23,1/17,2
Giri al minuto 7.043
Frenata metri
Da 100 km/h 20,0
Consumi km/l
Autostrada 17,9 
Extraurbano 29,9
A 90 km/h 30,1 
A 120 km/h 18,8 
Al massimo 14,1
Autonomia km
A 120 km/h 165,6 
Al massimo 124,3
 
Acquisizione dati con CORRYS-DATRON DAS1A.
Banco prova Dynojet's 150 Dynamometer.
Bilancia Computer Scales Longacre 7263.

Dati tecnici

Dati tecnici dichiarati dalla casa

Motore 4 tempi monocilindrico
Cilindrata (cm3) 329,2 
Cambio automatico 
Potenza CV(kW)/giri 29,4 (22,3)/7.500 
Freno anteriore a disco da 256 mm 
Freno posteriore a disco da 256 mm 
Pneumatico anteriore 110/70-16” 
Pneumatico posteriore 130/60-16” 
Altezza sella (cm) 81 
Peso (kg) 174
Capacità serbatoio (litri) 7+1
Autonomia (km) 165,6
Velocità massima (km/h) 124,5
Tempo di consegna -

Dimensioni rilevate da inSella

Passo
145.00
Lunghezza
216.00
Altezza sella
81.00
Leggi altro su:
Honda SH 350 350i 2021
Prezzo Prezzo
5.790
Cilindrata Cilindrata
329
cm3
Peso Peso
174,00
kg
Potenza Potenza
23,10
CV
Velocita Velocità
124,50
km/h
Voto medio
4
Comfort
4
Tenuta di strada
4
Consumo
4
Cambio
3
Vano sottosella
5
Posizione di guida
4
Finiture
4
Prestazioni
4
Freni
4
Sospensioni
4

Honda SH 350 350i 2021

Ti piace questa moto?

Condividi il tuo giudizio! Clicca sulle moto qui sopra per valutare questa moto.

I voti degli utenti
3
0
0
0
2
Voto medio
3,4
3.4
5 voti
Aggiungi un commento