PROVA

Yamaha Tracer 700 2017

Yamaha Tracer 700, com'è divertente questa tuttofare
 La Tracer 700 è comoda, spaziosa, pratica e divertente da guidare come la naked da cui deriva. Migliorabile la sospensione posteriore. Prezzo molto interessante
Prezzo: 
€ 7.890
Peso: 
187,0 kg
Potenza: 
69,3 CV
Velocità: 
183,8 km/h
 
  • Comfort: 
    4
  • Posizione di guida: 
    4
  • Tenuta di strada: 
    4
  • Finiture: 
    4
  • Consumo: 
    4
  • Prestazioni: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Cambio: 
    4
  • Freni: 
    4
  • Vano sottosella: 
    1
  • Sospensioni: 
    4
Yamaha Tracer 700, com'è divertente questa tuttofare
Pregi: 
Il motore e la ciclistica a punto, ci si diverte e si macinano km in tutta tranquillità. Il prezzo, visto ciò che promette (e mantiene), è decisamente interessante
Difetti: 
La regolazione del precarico del mono è scomoda, ci vorrebbe un “manopolone”. Si sentono un po’ di vibrazioni, mai fastidiose però 
Sviluppata a partire dalla MT-07, la Tracer 700 è una crossover snella e spaziosa, perfetta per i viaggi più o meno impegnativi ma anche per il semplice commuting casa-lavoro. Una “moto totale” creata migliorando la protezione aerodinamica e il comfort di marcia rispetto alla naked da cui deriva, attraverso una serie di semplici quanto efficaci modifiche. 

La base è identica ma il risultato...
Come la sorellina MT-07, la Tracer 700 monta il bicilindrico da 689 cm3 da 69,3 CV (rilevati alla ruota) inserito in un telaio in acciaio “a diamante”. Rispetto alla naked cambia il forcellone che qui è in alluminio e più lungo di 50 mm, per migliorare la stabilità a velocità elevate. Le sospensioni hanno la stessa escursione (130 mm) della MT, ma la taratura è stata rivista per offrire un comfort maggiore nei lunghi tragitti e viaggiando in coppia. Cupolino e semicarene laterali sono compatti ma proteggono bene, mentre il parabrezza che sovrasta il doppio gruppo ottico anteriore si può regolare manualmente su due posizioni. Apprezzabile anche il serbatoio da 17 litri, grazie al quale l’autonomia a velocità autostradali sfiora i 390 km. La frenata è garantita da due dischi da 282 mm con pinze a quattro pistoncini e dietro da uno da 245 mm, controllati dall’ABS di serie. Tanti gli accessori disponibili, dal parabrezza “maggiorato” alle borse laterali e al bauletto da 39 litri.
PROVE CORRELATE
  • 03 Febbraio 2021
    La tout terrain di Iwata è disponibile anche in versione da 35 kW, guidabile con patente A2. Facile e divertente, la si può usare 365 giorni l'anno, per andare al lavoro o in vacanza. Robusta e curata, ma senza fronzoli, ha la sella alta e la ruota da 21" all'anteriore. Poca elettronica, tanta sostanza e un prezzo d'attacco
  • 14 Settembre 2020
    La media di Iwata è una supersportiva in scala ridotta: precisa in curva e con un allungo entusiasmante. Sa regalare grandi emozioni, ma chiede mani esperte al pilota che la sceglie
  • 10 Agosto 2019
    Con la Niken tra le curve si va alla stessa andatura di una moto “normale” con metà dell’impegno, lo stesso divertimento e il doppio della sicurezza. Comoda e ben costruita, va bene per viaggiare ma ripara poco dall’aria. Prezzo adeguato alle doti tecniche e alla qualità

Yamaha Tracer

  • Prezzo€ 7.990
  • Peso196 Kg
  • Serbatoio17,0 l
  • Altezza sella84 cm
  • Lunghezza214 cm
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • KTM 890 Adventure 2021
    Sin dai primi metri su strada si apprezza la grande agilità ed efficacia della 890 Adventure, merito del peso ridotto e dei fianchi strettissimi per via del serbatoio collocato tutto in basso per abbassare il baricentro. Sugli sterrati poi tira fuori la sua anima KTM e si dimostra efficace in tutte le situazioni
  • Honda Africa Twin CRF 1100 L Urban 2020
    La bicilindrica di Tokyo cresce nella cilindrata, ma non nelle dimensioni e nel peso. È più potente e con l'allestimento Urban è perfetta nell'uso quotidiano, eppure non disdegna lo sterrato.Elettronica e dotazione di serie sono al top
  • KTM Duke 890 R 2020
    La naked di Mattighofen non tradisce la sua essenza, anche nella cilindrata media: una moto sportiva senza carene, agile nel misto e tecnologicamente avanzata. Il motore si fa sentire, la dotazione di elettronica è ottima e la ciclistica da "vera" KTM