PROVA

Ducati SuperSport S 2017

Ducati Supersport S - Carenata per la strada
Sembra una moto da pista, in realtà è una sportiva utilizzabile ogni giorno e abbastanza comoda persino in città
Prezzo: 
€ 14.690
Peso: 
204,0 kg
Potenza: 
104,3 CV
Velocità: 
230,5 km/h
 
  • Comfort: 
    3
  • Posizione di guida: 
    4
  • Tenuta di strada: 
    5
  • Finiture: 
    5
  • Consumo: 
    5
  • Prestazioni: 
    5
    Average: 5 (1 vote)
  • Cambio: 
    4
  • Freni: 
    5
  • Vano sottosella: 
    1
  • Sospensioni: 
    5
su strada
La somiglianza con la Panigale mette un po’ in apprensione quando ci si trova davanti alla SuperSport, poi una volta in sella si scopre una moto sportiva ma non scomoda, facile da gestire in gran parte delle situazioni che si incontrano di ogni giorno. Il merito va sicuramente alla posizione di guida corretta e non estrema: le pedane sono arretrate e rialzate il giusto, la sella lunga e ben imbottita è sagomata correttamente, mentre il manubrio in due pezzi rialzato non carica troppo i polsi. Anche l’assetto da sportiva “stradale” è abbastanza confortevole. Su strada la SuperSport sfoggia le migliori doti di casa Ducati, in particolare quelle del telaio che garantisce un’ottima stabilità ad alta velocità, ingressi e percorrenze di curva esemplari, ma anche una maneggevolezza che rende tutto più semplice, anche per chi non ha esperienze di questo genere di moto. Quanto al motore, la sua erogazione vigorosa e progressiva ci era piaciuta sulla Multistrada e ancora di più su questa “rossa” carenata. Difetti? A parte la sistemazione del passeggero, ci sono gli specchi retrovisori che vibrano e non assicurano una visuale corretta.

in autostrada
Grazie alla carenatura non troppo “attillata” e al plexiglas regolabile (si può alzare e abbassare di 5 cm) protegge discretamente ad andature “legali”, basta inserirsi bene all’interno della carena, sagomata per ospitare piloti di tutte le taglie. A 130 km/h il bicilindrico Testastretta gira tranquillo: ci sono leggere vibrazioni al manubrio, ma diventano fastidiose solo sulle lunghe percorrenze. Le sospensioni hanno una taratura azzeccata per l’utilizzo  “turistico veloce”, ma il  comportamento è più che dignitoso anche nell’uso in coppia, grazie alle possibilità di regolazione. Per l’eventuale passeggero i problemi non vengono dalle sospensioni, quanto dalla posizione della gambe e dalla sagoma della sella: migliore della classica “unghia” da superbike, ma lontanissima dal comfort di una vera GT.

in città
Una sportiva stradale come questa non può essere la “prima scelta” di chi si muove prevalentemente in città. Tuttavia la SuperSport nel traffico si muove in scioltezza, ben oltre le attese. Non sono tutte rose e fiori, ovviamente: sui dossi artificiali (quegli odiosi “rallentatori” sempre più diffusi)   e sulle buche le sospensioni hanno una risposta piuttosto secca, mentre il ridotto angolo di sterzo crea qualche problema in manovra e passando tra le auto. Però nel complesso la SuperSport se la cava bene: merito soprattutto del motore dall’erogazione “educata”, specie se si utilizza il riding mode Urban (consigliabile in città e d’obbligo sul bagnato) che limita la potenza a 75 CV e addolcisce la spinta del motore. Ci è piaciuto parecchio il cambio DQS, utilizzabile senza frizione: nato per la pista, è comodissimo nel traffico, sembra di guidare una moto semiautomatica.
PROVE CORRELATE

Ducati SuperSport

  • Prezzo€ 14.990
  • Peso184 Kg
  • Serbatoio16,0 l
  • Altezza sella81 cm
  • Lunghezza0 cm
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Yamaha Niken 2018
    Con la Niken tra le curve si va alla stessa andatura di una moto “normale” con metà dell’impegno, lo stesso divertimento e il doppio della sicurezza. Comoda e ben costruita, va bene per viaggiare ma ripara poco dall’aria. Prezzo adeguato alle doti tecniche e alla qualità
  • Kawasaki Ninja 400 2018
    La Ninja per 18enni (e non solo) è ben fatta e controllabile, ma tira fuori le unghie quando c’è da guidare sul serio. Prezzo OK
  • BMW Serie R GS R 1250 GS Adventure Exclusive 2019
    La R 1250 GS ha una spinta ai bassi impressionante e un allungo da sportiva. La ciclistica è all’altezza delle prestazioni, la dotazione di serie è buona. Il prezzo è alto e sale ancora con gli  optional “obbligati “