PROVA

Ducati SuperSport S 2017

Ducati Supersport S - Carenata per la strada
Sembra una moto da pista, in realtà è una sportiva utilizzabile ogni giorno e abbastanza comoda persino in città
Prezzo: 
€ 14.690
Peso: 
204,0 kg
Potenza: 
104,3 CV
Velocità: 
230,5 km/h
 
  • Comfort: 
    3
  • Posizione di guida: 
    4
  • Tenuta di strada: 
    5
  • Finiture: 
    5
  • Consumo: 
    5
  • Prestazioni: 
    5
    Average: 5 (1 vote)
  • Cambio: 
    4
  • Freni: 
    5
  • Vano sottosella: 
    1
  • Sospensioni: 
    5
Ducati Supersport S - Carenata per la strada
Pregi: 
Il peso contenuto e la posizione di guida abbastanza confortevole. L’elettronica è presente, ma interviene solo quando necessario e in modo discreto.
Difetti: 
Il manubrio trasmette un po’ di vibrazioni che disturbano anche la visuale degli specchi. Il passeggero è scomodo
Non è la prima volta che Ducati propone una carenata “da viaggi”, meno estrema delle superbike da pista: l’ultima è stata la ST2 nata esattamente 20 anni fa, mentre prima di lei c’era stata la leggendaria Paso disegnata da Massimo Tamburini negli anni 80. Moto bellissime da guidare, ma poco aggressive e di scarso successo tra i veri “ducatisti”. La SuperSport in queste pagine ha invece un aspetto “racing” ed è aggressivo anche il nome, utilizzato in casa Ducati dal 1972 per le sportive stradali. In realtà si tratta di una “tuttofare” molto veloce ma adatta ai percorsi di ogni giorno che si pone tra le superbike Panigale e le naked Monster.

dotazione ricchissima
La nuova SuperSport utilizza il bicilindrico Testastretta da 937 cm3 con raffreddamento a liquido e distribuzione a quattro valvole per cilindro con comando desmodromico (ovviamente) che già equipaggia Multistrada e Hypermotard, con una potenza massima di 104,3 CV e una coppia massima di 9,1 kgm (rilevati alla ruota). Il telaio è a traliccio in tubi d’acciaio, mentre il forcellone monobraccio è in alluminio. Questa versione S monta sospensioni Öhlins completamente regolabili (la forcella è a steli rovesciati da 48 mm, il mono ha il serbatoio integrato), mentre l’impianto frenante è tutto Brembo e analogo a quello delle sportive della casa. La ricca dotazione elettronica comprende l’ABS (regolabile o disinseribile), tre riding mode e il controllo di trazione DTC selezionabile su otto diversi livelli di intervento.
PROVE CORRELATE
  • 19 Ottobre 2021
    La bicilindrica di Borgo Panigale non lascia niente a desiderare in termini di prestazioni, ma è anche una moto che si può usare nella vita quotidiana, quasi in ogni situazione
  • 27 Dicembre 2020
    La crossover di Borgo Panigale è il riferimento della categoria, come tecnologia e come prezzo: il bicilindrico da 158 cavalli permette di togliersi ogni tipo di soddisfazione, ben assistito da sospensioni Ohlins e da un'elettronica raffinata. La cifra da spendere per mettersi nel box il gioiello di Ducati è superiore ai 25mila euro
  • 17 Dicembre 2020
    La moto di Borgo Panigale è nata per rompere gli schemi: linee muscolose, gomme ultralarghe, indole sportiva. A metà tra un dragster e una cruiser, impressiona per la dotazione tecnica e il prezzo, non alla portata di tutte le tasche

Ducati SuperSport

  • Prezzo€ 15.190
  • Peso184 Kg
  • Serbatoio16,0 l
  • Altezza sella81 cm
  • Lunghezza0 cm
Eicma 2021
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Kawasaki Ninja 1000 SX 2021
    La "verdona" è una Ninja a tutti gli effetti, ma strizza l'occhio a chi cerca una moto da usare anche per qualche gita senza stancarsi troppo, e all'occorrenza guidabile pure in città. La dotazione di serie ne fa una moto moderna, che "aiuta" il pilota a non andare mai in difficoltà
  • Ducati SuperSport 2021
    La bicilindrica di Borgo Panigale non lascia niente a desiderare in termini di prestazioni, ma è anche una moto che si può usare nella vita quotidiana, quasi in ogni situazione
  • Energica Eva EsseEsse9 2021
    Linea riuscita e prestazioni convincenti fanno apprezzare subito questa SBK elettrica: la cura dei dettagli è da "tedesca", il prezzo è elevato, ma tra incentivi e risparmi alla colonnina, i conti vanno fatti sul lungo periodo