PROVA

Yamaha

Yamaha XSR 900 ABS - Bella fuori e cattiva dentro
 Costruita sulla (ottima) base della MT-09, è comoda e divertente da guidare. Buona dotazione, prestazioni elevate e prezzo d’attacco
Prezzo: 
€ 9.590
Peso: 
185,5 kg
Potenza: 
102,6 CV
Velocità: 
212,7 km/h
 
  • Comfort: 
    4
  • Posizione di guida: 
    4
  • Tenuta di strada: 
    0
  • Finiture: 
    4
  • Consumo: 
    4
  • Prestazioni: 
    5
    Average: 5 (1 vote)
  • Cambio: 
    4
  • Freni: 
    4
  • Vano sottosella: 
    1
  • Sospensioni: 
    4
Yamaha XSR 900 ABS - Bella fuori e cattiva dentro
Pregi: 
La posizione di guida è perfetta per avere tutto sotto controllo, il motore esaltante e la maneggevolezza da prima della classe
Difetti: 
In mappa A c’è un leggero effetto on-off. Le pedane del passeggero sono alte. Serbatoio piccolo e autonomia scarsa.  
La aspettavamo, questa XSR 900. Nel “primo contatto” di qualche mese fa ci aveva colpiti, ora volevamo vederla in azione sulle nostre strade: ci sarebbe piaciuta come la prima volta? A questa domanda rispondiamo subito: sì, ci è piaciuta, quanto e forse ancora più della prima volta. In effetti questa XSR 900, seconda moto della gamma Faster Sons (le stradali “neo-classiche” di casa Yamaha) è una delle moto più interessanti in circolazione, come del resto la MT-09 da cui riprende sospensioni, telaio in alluminio e, soprattutto, il motore a tre cilindri di 847 cm3 con una potenza di 102,6 CV (rilevati alla ruota), omologato Euro 4.
Di serie ci sono ABS, acceleratore elettronico e tre mappature della centralina motore (Std, A e B), migliorate rispetto a quelle delle MT-09: la Standard “base” va bene dappertutto, la A più sportiva offre una risposta prontissima ai bassi e medi regimi, mentre la B ora rende il tre cilindri  realmente dolce e adatto ai fondi scivolosi. Di serie anche il controllo di trazione,  disinseribile oppure regolabile su 2 diversi livelli. Compresa nel prezzo anche l’efficace frizione antisaltellamento che evita il bloccaggio della ruota posteriore quando si frena bruscamente scalando le marce.
Rivista anche la taratura delle sospensioni, più “sostenuta” che nella MT-09. Oltre ai due colori standard (grigio e blu metallizzato), la XSR 900 è disponibile anche con la “storica” giallo-nera realizzata per festeggiare il 60esimo compleanno della casa.
PROVE CORRELATE
  • 14 Settembre 2020
    La media di Iwata è una supersportiva in scala ridotta: precisa in curva e con un allungo entusiasmante. Sa regalare grandi emozioni, ma chiede mani esperte al pilota che la sceglie
  • 10 Agosto 2019
    Con la Niken tra le curve si va alla stessa andatura di una moto “normale” con metà dell’impegno, lo stesso divertimento e il doppio della sicurezza. Comoda e ben costruita, va bene per viaggiare ma ripara poco dall’aria. Prezzo adeguato alle doti tecniche e alla qualità
  • 22 Settembre 2018
    Il motore è brillante, la maneggevolezza buona e la dotazione ricca. Nel sottosella ci stanno due caschi integrali. Sospensioni un po’ rigide in città
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Suzuki GSX-S 750 Yugen Carbon 2019
    La 4 cilindri di Hamamatsu ha muscoli da vendere e li mette in mostra. Generosa ma guidabile, la 750 è una naked sportiva che se la cava bene anche nel traffico. L'elettronica in dotazione è quanto basta, le sospensioni sono abbastanza rigide e il passeggero un po' sacrificato
  • BMW R nineT Pure 2020
    Una linea inconfondibile, un bicilindrico generoso, la qualità tedesca: la R nineT non si smentisce. Con la Pure la casa bavarese va all'essenza del concetto di modern classic: poca elettronica e la giusta dose di cavalli e uno stile che non passa inosservato
  • Honda CB 650 R
    L'erede della Hornet interpreta l'attualità del settore naked con uno stile essenziale e prestazioni di tutto rispetto. Finiture adeguate e un prezzo corretto la rendono una moto che si fa volere bene subito, a patto di non essere "troppo" alti