PROVA

Yamaha Niken 2018

Yamaha Niken, due sono meglio di una
Con la Niken tra le curve si va alla stessa andatura di una moto “normale” con metà dell’impegno, lo stesso divertimento e il doppio della sicurezza. Comoda e ben costruita, va bene per viaggiare ma ripara poco dall’aria. Prezzo adeguato alle doti tecniche e alla qualità
Prezzo: 
€ 14.990
Peso: 
252,5 kg
Potenza: 
98,3 CV
Velocità: 
190,3 km/h
 
  • Comfort: 
    4
  • Posizione di guida: 
    4
  • Tenuta di strada: 
    5
  • Finiture: 
    4
  • Consumo: 
    4
  • Prestazioni: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Cambio: 
    4
  • Freni: 
    4
  • Vano sottosella: 
    2
  • Sospensioni: 
    5
Su strada
Da fermo non è proprio un fuscello e anche le dimensioni incutono un certo timore, ma una volta partiti ci si dimentica di tutto, doppia ruota anteriore inclusa, e ci si ritrova a guidare come se fosse una moto “normale”...  fin quando non ci si trova ad affrontare strade bagnate o sporche di brecciolino. In queste situazioni potenzialmente pericolose le due ruote anteriori fanno la differenza: l’avantreno granitico è nettamente più stabile e rende la guida molto meno impegnativa. Queste sono le doti più importanti della Yamaha a tre ruote, caratteristiche a cui si fa l’abitudine molto in fretta. La posizione di guida col busto eretto è molto comoda, perfetta per macinare chilometri in tutto relax.  Il motore è il solito, ottimo 900 tre ciindri di Yamaha, potente ma con un’erogazione fluida e ben controllabile in tutte le situazioni. Le modifiche hanno migliorato la coppia e la spinta a tutti i regimi, ma il maggiore peso rispetto alle sorelle a due ruote lo rende meno cattivo del solito: solo in D-mode 1 (la mappa più “cattiva”) tira fuori un po’ di grinta, mentre in  D-mode 2 la Niken diventa una bella granturismo dall’erogazione fluida, grazie anche ai rapporti azzeccati del cambio  dotato di quickshift (attivo solo in accelerazione, non in scalata). Meno positivo invece il giudizio sui freni che tendono a diventare un po’ spugnosi se sfruttati a fondo nella guida sportiva:  di certo gli oltre 260 kg della moto non aiutano, ma è anche colpa del piccolo diametro dei dischi anteriori (imposti dalle ruote da 15”). Ineccepibile invece il comportamento dell’ABS che entra in funzione con discrezione quando è necessario.

In autostrada
Viaggiando su strade normali e rispettando i limiti, il piccolo parabrezza di serie se la cava dignitosamente, ma in autostrada la protezione offerta è scarsa: il casco e le spalle sono esposti all’aria, solo le gambe sono ben protette dal grande serbatoio. Per viaggiare con la Niken (ma anche solo per affrontare le tangenziali nel percorso casa-ufficio) bisogna montare il parabrezza “alto” (optional) e anche i paramani. Peccato, perché la Yamaha a tre ruote è comoda e spaziosa anche viaggiando in due. Aspettiamo di provarne una con il bauletto: probabilmente è la soluzione migliore per caricare e sostenere il passeggero.



In città
Il raggio di sterzo non è male, ma quando ci si infila tra un auto e il marciapiede bisogna ricordare che davanti ci sono due ruote! Per fortuna ci si abitua in fretta, evitando ogni pericolo. Non ci si abitua mai invece agli specchietti retrovisori che disturbano parecchio quando si manovra tra le auto in coda (meglio sostituirli con altri “normali” sul manubrio). Per il resto la sicurezza che le tre ruote garantiscono sul pavé (anche bagnato), sui tombini e sui binari del tram è ineguagliabile. Unica critica al mono posteriore, che sulle buche più profonde ha una risposta piuttosto “secca” a causa dell’assetto piuttosto rigido.
PROVE CORRELATE

Yamaha Niken

  • Prezzo€ 14.990
  • Peso263 Kg
  • Serbatoio18,0 l
  • Altezza sella82 cm
  • Lunghezza215 cm
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Yamaha Niken 2018
    Con la Niken tra le curve si va alla stessa andatura di una moto “normale” con metà dell’impegno, lo stesso divertimento e il doppio della sicurezza. Comoda e ben costruita, va bene per viaggiare ma ripara poco dall’aria. Prezzo adeguato alle doti tecniche e alla qualità
  • Kawasaki Ninja 400 2018
    La Ninja per 18enni (e non solo) è ben fatta e controllabile, ma tira fuori le unghie quando c’è da guidare sul serio. Prezzo OK
  • BMW Serie R GS R 1250 GS Adventure Exclusive 2019
    La R 1250 GS ha una spinta ai bassi impressionante e un allungo da sportiva. La ciclistica è all’altezza delle prestazioni, la dotazione di serie è buona. Il prezzo è alto e sale ancora con gli  optional “obbligati “