PROVA

Triumph Tiger 900 Rally Pro 2020

Triumph Tiger 900 Rally Pro: fa tutto bene
L'inglese è una endurona da usare in città, nei lunghi trasferimenti e anche quando finisce l'asfalto. Elettronica e dotazione di serie sono al top, l'aumento di cilindrata rispetto alla vecchia 800 migliora decisamente le prestazioni 
Prezzo: 
€ 16
Cilindrata: 
888,0 cm3
Peso: 
201,0 kg
Potenza: 
87,0 CV
Velocità: 
194,8 km/h
 
  • Comfort: 
    5
  • Posizione di guida: 
    5
  • Tenuta di strada: 
    4
  • Finiture: 
    5
  • Consumo: 
    4
  • Prestazioni: 
    5
    Average: 5 (1 vote)
  • Cambio: 
    5
  • Freni: 
    5
  • Vano sottosella: 
    3
  • Sospensioni: 
    5
Triumph Tiger 900 Rally Pro: fa tutto bene
Pregi: 
Il motore a tre cilindri è tra i più godibili in circolazione, la dotazione elettronica è ricchissima ed è notevole la precisione di guida su strada
Difetti: 
La posizione di guida è meno adatta al fuoristrada e c’è qualche vibrazione di troppo sul manubrio agli alti regimi
Le maxienduro con ruota anteriore da 21” e sospensioni a lunga escursione sono tra le moto più desiderate per la loro immagine “avventurosa”, ma soprattutto perché sono valide sull’asfalto quanto nel fuoristrada leggero. La Triumph Tiger 900 Rally Pro è tra quelle che interpretano al meglio questa filosofia costruttiva, seppure con soluzioni tecniche non comuni e quell'animo british che la distinguono dalla numerosa concorrenza. La nuova Tiger resta fedele al noto tre cilindri, che in quest’ultima versione da 888 cm3 è davvero un gran motore. Ciclistica e dotazione elettronica sono di altissimo livello, con sospensioni regolabili e a lunga escursione per superare qualunque ostacolo. Tanto per intenderci, con la Triumph siamo stati nel deserto del Marocco (qui sotto il video della nostra prova).

 

Come la “vecchia” 800,anche la Tiger 900 è disponibile in numerosi allestimenti. Alla “base” si affiancano due versioni con allestimento più stradale (le Tiger 900 GT e GT Pro) e altre due con allestimento e accessori più offroad: la Tiger 900 Rally e la Rally Pro della nostra prova. Le differenze tra le versioni si riflettono ovviamente sui prezzi. Già a una prima occhiata, l’endurona inglese ha il suo perché: sfoggia una fanaleria “full Led” con luci diurne DRL, il parabrezza è regolabile in altezza di 50 mm senza attrezzi. Molto bello l’ampio cruscotto TFT da 7” a colori che permette di gestire l’elettronica di bordo, in maniera davvero facile e intuitiva. La Tiger 900 monta di serie anche il sistema My Triumph che consente di connette il cellulare alla moto, una funzione ormai indispensabile soprattutto nelle moto da viaggio. La tre cilindri monta una forcella Showa a steli rovesciati con un’escursione utile di ben 240 mm e completamente regolabile. La versione Rally della Tiger è destinata agli sterrati, come dimostrano la ruota da 21” e i robusti cerchi a raggi di serie, mentre gli pneumatici hanno un'impronta più stradale. Ci sono le barre di protezione al motore, mentre sotto la sella è ricavato un piccolo vano con il fondo coperto di schiuma imbottita, dove lasciare ben protetto il cellulare e anche ricaricarlo, grazie all'apposito attacco. Le manopole non sono troppo affollate e permettono di trovare con rapidità quello che si cerca. Le finiture sono di livello premium.
PROVE CORRELATE
  • 13 Gennaio 2021
    La bicilindrica inglese è la perfetta incarnazione dello stile modern classic: il suo motore spinge a sufficienza per divertirsi, le linee non passano mai di moda e il parafango alto dona alla 900 un look aggressivo. Se lo stile è retrò, la dotazione elettronica è al passo con i tempi e offre grande sicurezza
  • 13 Dicembre 2020
    Esagerata fin dalle linee, la Rocket 3R è una moto che stupisce da fuori, ma ha anche tanta sostanza. Il tre cilindri da 2,5 litri è un missile da 142 cavalli, la dotazione tecnica ha tutto quello che serve per tenere sotto controllo una potenza e una coppia da supersportiva. L'aspetto non deve ingannare: la Triumph è sufficientemente agile nonostante dimensioni non proprio compatte
  • 12 Ottobre 2020
    La bicilindrica inglese monta un bicilindrico di cubatura generosa, ma nonostante i 1200cc è potente il giusto e facile da guidare. Interpreta in chiave moderna i classici del settore: telaio doppia culla e due ammortizzatori al posteriore, sella ampia e comoda, anche se non è una moto per viaggiare

Triumph Tiger

  • Prezzo€ 16.200
  • Peso201 Kg
  • Serbatoio20,0 l
  • Altezza sella85 cm
  • Lunghezza0 cm
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Harley-Davidson CVO Road Glide 2021
    Esagerata nelle dimensioni e nello sfoggio di muscoli, questa bicilindrica è nata per macinare chilometri sognando grandi spazi aperti. La dotazione di serie è ricca, la guida più semplice di quello che si può immaginare osservandola da ferma. Cilindrata e prezzo sono quelle di una media...a quattro ruote!
  • KTM 390 Adventure 2021
    La piccola di Mattighofen si guida già a 18 anni e promette tanto divertimento a un prezzo contenuto. La dotazione di serie però è da "maxi" e il motore permette di fare tutto, senza strafare
  • BMW Serie F GS F 850 GS Rallye 2020
    Il GS negli ultimi anni ci ha abituato a cilindrate e prestazioni "maxi", ma anche nella versione 850 la bicilindrica bavarese sa essere una moto completa e anzi, più gestibile. La versione rallye aumenta la voglia di lasciare l'asfalto per l'off road. Il prezzo? Sempre al top della categoria