PROVA

Kawasaki Versys 650 Grand Tourer 2016

Kawasaki Versys 650 GT, molto comoda e ben dotata
Comoda e ben rifinita, ha un motore brillante e regolare, frena bene e ha l’ABS di serie, ma vibra un po’ in alto. Prezzo interessante anche in  versione “granturismo”
Prezzo: 
€ 9.290
Peso: 
204,0 kg
Potenza: 
64,1 CV
Velocità: 
180,9 km/h
 
  • Comfort: 
    4
  • Posizione di guida: 
    4
  • Tenuta di strada: 
    4
  • Finiture: 
    4
  • Consumo: 
    5
  • Prestazioni: 
    3
    Average: 3 (1 vote)
  • Cambio: 
    4
  • Freni: 
    4
  • Vano sottosella: 
    2
  • Sospensioni: 
    4
Kawasaki Versys 650 GT, molto comoda e ben dotata
Pregi: 
Comoda per due e divertente da guidare, ha un motore allegro e poco assetato. Buona la protettività del parabrezza e la grande autonomia
 
Difetti: 
Manca il cavalletto centrale, l’acceleratore ha la corsa troppo lunga e vibra ancora un po’ ai regimi medio-alti
Ha un nuovo “vestito”, ma nella sostanza la Versys rimane la moto che ben conosciamo: una comoda viaggiatrice (soprattutto nella versione Grand Tourer in queste pagine con tre valige, paramani e fari supplementari di serie) a suo agio anche tra le curve. In realtà, oltre che nell’estetica, la Versys my15 migliora anche nelle doti “turistiche”. Il telaio è sempre in tubi d’acciaio, ma il reggisella è stato irrobustito per consentire il montaggio delle valige laterali da 28 litri e di un bauletto da 47 litri. Crescono anche la capienza del serbatoio (da 19 a 21 litri), la superficie del parabrezza e migliora lo spazio per il pilota: il manubrio più largo e le pedane collocate in posizione più bassa (15 mm) e avanzata (20 mm) rendono la posizione di guida molto più comoda.
Il motore bicilindrico frontemarcia è stato aggiornato per offrire una migliore risposta ai regimi medio-alti e trasmette meno vibrazioni, grazie a nuovi supporti in gomma che lo collegano al telaio. Cambiamenti anche nella ciclistica dove troviamo una nuova forcella Showa da 41 mm dotata di regolazioni per precarico e ritorno, mentre il monoammortizzatore si può regolare solo nel precarico molla, grazie a un pratico pomello sul fianco destro. Migliorato anche l’impianto frenante, con pinze più efficaci e sistema ABS Bosch 9.1 di ultima generazione.
PROVE CORRELATE
  • 30 Agosto 2021
    La "verdona" è una Ninja a tutti gli effetti, ma strizza l'occhio a chi cerca una moto da usare anche per qualche gita senza stancarsi troppo, e all'occorrenza guidabile pure in città. La dotazione di serie ne fa una moto moderna, che "aiuta" il pilota a non andare mai in difficoltà
  • 18 Febbraio 2021
    Elegante e sempre attuale, la classica di Akashi è una moto facile e appagante senza essere impegnativa. La media giapponese si guida con la patente A2, è perfetta in città, ma il motore è sufficientemente corposo per portare a spasso anche un passeggero per qualche gita fuori porta
  • 14 Settembre 2020
    La categoria delle "medie" non fa più tendenza come in passato, ma la moto di Akashi ha più di un buon motivo per andare controcorrente: divertente da guidare, è la compagna perfetta per chi non vuole finire in soggezione con mezzi troppo sportivi

Kawasaki Versys

  • Prezzo€ 9.490
  • Peso216 Kg
  • Serbatoio21,0 l
  • Altezza sella84 cm
  • Lunghezza217 cm
Eicma 2021
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Ducati SuperSport 2021
    La bicilindrica di Borgo Panigale non lascia niente a desiderare in termini di prestazioni, ma è anche una moto che si può usare nella vita quotidiana, quasi in ogni situazione
  • Kawasaki Ninja 1000 SX 2021
    La "verdona" è una Ninja a tutti gli effetti, ma strizza l'occhio a chi cerca una moto da usare anche per qualche gita senza stancarsi troppo, e all'occorrenza guidabile pure in città. La dotazione di serie ne fa una moto moderna, che "aiuta" il pilota a non andare mai in difficoltà
  • Energica Eva EsseEsse9 2021
    Linea riuscita e prestazioni convincenti fanno apprezzare subito questa SBK elettrica: la cura dei dettagli è da "tedesca", il prezzo è elevato, ma tra incentivi e risparmi alla colonnina, i conti vanno fatti sul lungo periodo