PROVA

Honda SH 300i 2011

Era e rimane il migliore
Lo scooter più amato dagli italiani non conosce flessioni e continua fare registrare ottimi dati di vendita. L'ultimo aggiornamento risale al 2010 e ha "portato in dote" una maggiore stabilità alte velocità e una cura maggiore nei dettagli. Tra le sue doti l'agilità e un'ottima accelerazione. Unica pecca il vano sottosella un po' piccolo, ma di serie c'è il bauletto.
Prezzo: 
€ 4.600
Cilindrata: 
279,1 cm3
Peso: 
163,0 kg
Potenza: 
21,3 CV
Velocità: 
141,9 km/h
 
  • Comfort: 
    3
  • Posizione di guida: 
    3
  • Tenuta di strada: 
    3
  • Finiture: 
    4
  • Consumo: 
    2
  • Prestazioni: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Cambio: 
    3
  • Freni: 
    3
  • Vano sottosella: 
    1
  • Sospensioni: 
    3
Era e rimane il migliore
Pregi: 
Tenuta di strada
Sicura estabile anche alle alte velocità.
Motore
Potente, fluido epronto a tutte le andature.
Agilità
Facile da guidare incittà, divertente nel misto.
 
Difetti: 
Sottosella
Il vano è piccolo, ma c'è il bauletto di serie.
Protezione
Lo scudo è stretto e manca un riparo per il busto.
Serbatoio
Se si sfrutta il motore, l'autonomia è scarsa.
Lo scooter più amato dagli italiani? Potrebbe essere lo slogan dell'SH300, visto che sin dal lancio nel 2006 il "ruote alte" della Honda è costantemente ai primissimi posti nelle classifiche di vendita. E dopo il recente restyling il primato è divenuto ancora più netto, come dimostrano i dati di questi primi mesi del 2011.



Nuova strumentazione più leggibile

Le doti di agilità, potenza e qualità costruttiva sono ben note a chi ha avuto modo di usare questo scooter: ma la nuova versione in queste pagine è ulteriormente migliorata, in particolare negli assemblaggi e nella ciclistica. Rinnovato nelle linee e nelle plastiche verniciate alternate alle cromature, l'SH è assemblato con cura quasi maniacale: un particolare per tutti, il vano portaoggetti anteriore è perfettamente a filo con il retroscudo. Anche la nuova strumentazione è più ordinata e ha un disegno più leggibile anche di giorno.




Più stabile alle alte velocità

Per quanto riguarda la ciclistica, l'assetto è stato irrigidito ed è cambiato il pneumatico posteriore. È sempre da 16 pollici ma ora di tipo radiale per migliorare la stabilità (già buona) alle alte velocità. Questi interventi non influiscono sul comfort in città, elevato anche su rotaie e pavé grazie a una particolare articolazione della sospensione posteriore. La sella ridisegnata è sempre morbida e alla giusta altezza: l'SH non stanca neanche dopo ore e ore in sella.
PROVE CORRELATE
  • 19 Gennaio 2021
    Nuove linee e nuove doti per l’SH 125. Ha più spazio sottosella, il motore Euro 5 consuma pochissimo e le finiture sono curate. Non costa poco, ma ha l’ABS e il controllo di trazione di serie
  • 13 Novembre 2020
    L'erede della Hornet interpreta l'attualità del settore naked con uno stile essenziale e prestazioni di tutto rispetto. Finiture adeguate e un prezzo corretto la rendono una moto che si fa volere bene subito, a patto di non essere "troppo" alti
  • 11 Febbraio 2019
    Va forte e pesa poco, ma è facile da guidare e si può usare tutti i giorni. Ottime le finiture, qualche vibrazione ai medi, prezzo un po’ alto

Honda SH

  • Prezzo€ 4.790
  • Peso167 Kg
  • Serbatoio9,0 l
  • Altezza sella79 cm
  • Lunghezza210 cm
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • BMW Serie F R/GT F 900 R 2021
    La media bavarese monta un bicilindrico frontemarcia, ha finiture curate e una dotazione tecnologica all'avanguardia. Chi la compra è al riparo da sorpese non gradite, ma il prezzo non è proprio d'attacco considerando gli optional "obbligatori"
  • Kawasaki W800 2020
    Elegante e sempre attuale, la classica di Akashi è una moto facile e appagante senza essere impegnativa. La media giapponese si guida con la patente A2, è perfetta in città, ma il motore è sufficientemente corposo per portare a spasso anche un passeggero per qualche gita fuori porta
  • Fantic Motor Caballero 500 Rally 2021
    Il nome riporta alle origini delle scrambler, ma la monocilindrica veneta è una moto moderna, divertente e facile da guidare. Il prezzo è corretto e l'allestimento strizza l'occhio a chi vuole sporcare le ruote su qualche strada bianca