PROVA

BMW R nineT Urban G/S 2017

BMW R nine T Urban G/S - Fascino Tassellato
Sembra nata per le avventure, in realtà è una gran bella stradale, divertente come tutte le R nine T, con cui fare un po’ di sterrato. Ha buone prestazioni, dotazione essenziale, prezzo un po’ alto
Prezzo: 
€ 14.400
Peso: 
211,0 kg
Potenza: 
100,2 CV
Velocità: 
224,5 km/h
 
  • Comfort: 
    4
  • Posizione di guida: 
    4
  • Tenuta di strada: 
    4
  • Finiture: 
    4
  • Consumo: 
    3
  • Prestazioni: 
    5
    Average: 5 (1 vote)
  • Cambio: 
    4
  • Freni: 
    4
  • Vano sottosella: 
    2
  • Sospensioni: 
    4
BMW R nine T Urban G/S - Fascino Tassellato
Pregi: 
È molto equilibrata, sia di ciclistica sia di motore, sempre divertente. Bella la tonalità di scarico piuttosto “vigorosa”.  
Difetti: 
Dotazione elettronica ridotta all’osso, abitabilità passeggero scarsa e leggere vibrazioni agli alti regimi.
La BMW R nine T è nata per essere personalizzata: la casa tedesca lo ha sottolineato fin dalla sua presentazione, provvedendo a omologare una serie di componenti e di accessori di vario genere. I suoi creatori forse pensavano che i clienti avrebbero creato solo “café racer” e altre versioni più o meno sportive. Oltre a queste stradali però gli appassionati e i “customizer” di tutto il mondo hanno realizzato tante “fuoristrada” con ruote tassellate. E così anche BMW, dopo la Scrambler (elegante, ma poco offroad), ha deciso di proporre una R nine T “replica Dakar”, simile cioè alla mitica R 80 G/S Paris-Dakar del 1986, la versione speciale realizzata per celebrare i trionfi africani di Auriol e Rahier. è nata così  la splendida Urban G/S della nostra prova, dall’aspetto aggressivo ma destinata soprattutto all’utilizzo stradale e urbano.

nata per la strada
Le R nine T sono le ultime BMW a montare il classico bicilindrico boxer da 1.170 cm3 raffreddato ad aria e olio da 100,2 CV (rilevati alla ruota). Il telaio è in tubi d’acciaio, la forcella è una Showa con steli tradizionali da 43 mm regolabile nel precarico, dietro c’è il Paralever con forcellone monobraccio in alluminio e trasmissione integrata. La dotazione elettronica comprende solo l’ABS (di serie come impone la Euro 4) e il controllo di trazione ASC (optional, costa 350 euro). Le gomme di serie sono le stradali Metzeler Tourance ma, come optional gratuito, si possono montare le tassellate Continental TKC80 come la moto della prova. 
PROVE CORRELATE
  • 26 Marzo 2020
    La “piccola” GS è una poco impegnativa e comoda per l’uso quotidiano. Il motore “spinge il giusto” e su strada è efficace sia quando si passeggia, sia quando si vuole forzare il ritmo. Buona la qualità percepita, ma gli optional “obbligati” fanno lievitare il prezzo
  • 17 Maggio 2019
    La R 1250 GS ha una spinta ai bassi impressionante e un allungo da sportiva. La ciclistica è all’altezza delle prestazioni, la dotazione di serie è buona. Il prezzo è alto e sale ancora con gli  optional “obbligati “
  • 15 Maggio 2017
    Manubrio e scarico rialzati, motore raffreddato ad aria e design minimalista  per la bella Scrambler di BMW. Non va bene per viaggiare, per tutto il resto sì ed è un piacere da guidare. Dotazione scarsa, visto il prezzo

BMW R nineT

  • Prezzo€ 14.400
  • Peso221 Kg
  • Serbatoio17,0 l
  • Altezza sella85 cm
  • Lunghezza218 cm
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Vespa GTS Super 300 Tech hpe 2019
    La Super Tech è la versione top della nuova gamma GTS con motore 300 hpe. Si collega al cellulare e lo controlla con i comandi al manubrio
  • Zero Motorcycles SR/F
    Ha un motore da 119 CV e una batteria da 14,4 kWh che garantiscono tanto divertimento e una autonomia paragonabile alle moto a benzina. Ciclistica OK ed elettronica raffinata con MSC Bosch di serie. Finiture discrete, prezzo alto ma non troppo
  • BMW Serie F GS F 750 GS 2020
    La “piccola” GS è una poco impegnativa e comoda per l’uso quotidiano. Il motore “spinge il giusto” e su strada è efficace sia quando si passeggia, sia quando si vuole forzare il ritmo. Buona la qualità percepita, ma gli optional “obbligati” fanno lievitare il prezzo