PROVA

BMW R nineT Scrambler 2017

BMW R nineT Scrambler, sarà modaiola, ma quanto va bene...
Manubrio e scarico rialzati, motore raffreddato ad aria e design minimalista  per la bella Scrambler di BMW. Non va bene per viaggiare, per tutto il resto sì ed è un piacere da guidare. Dotazione scarsa, visto il prezzo
Prezzo: 
€ 14.000
Peso: 
211,5 kg
Potenza: 
100,1 CV
Velocità: 
224,5 km/h
 
  • Comfort: 
    3
  • Posizione di guida: 
    4
  • Tenuta di strada: 
    4
  • Finiture: 
    4
  • Consumo: 
    3
  • Prestazioni: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Cambio: 
    4
  • Freni: 
    4
  • Vano sottosella: 
    1
  • Sospensioni: 
    4
BMW R nineT Scrambler, sarà modaiola, ma quanto va bene...
Pregi: 
L’estetica azzeccata, la versatilità d’uso del bicilindrico, la qualità costruttiva, la frenata potente e modulabile
Difetti: 
Il prezzo alto, vista anche la dotazione ridotta (persino il TCS è optional), la sella alta e poco imbottita, le pedane che disturbano nelle soste 
Parlando della Scrambler, all’inizio pensavamo che fosse una R Nine T “semplificata”. Non è così: nell’aspetto e nella sostanza questa moto ha un’identità ben precisa, come del resto tutte le versioni della gamma BMW Heritage, dalla prima R nine T (che continua la sua carriera) alle varie Pure, Racer e Urban GS presentate ai saloni autunnali e presto in commercio. La Scrambler è la “tuttoterreno anni 70” della famiglia con sella in pelle marrone, faro tondo in tinta carrozzeria, cruscotto ridotto all’osso, forcella tradizionale con soffietti parapolvere in gomma e scarico alto con gli splendidi  terminali sovrapposti Akrapoviç. Il motore è sempre il bicilindrico boxer a quattro valvole con raffreddamento ad aria (riservato ormai solo alle R nine T) e omologato Euro 4, per il quale abbiamo rilevato 100 CV alla ruota. Rispetto alla  versione naked in commercio da un paio d’anni, cambiano le quote ciclistiche: il cannotto di sterzo più aperto (28,5° contro i 25° della R nine T) per ospitare la ruota anteriore da 19” ha fatto aumentato i valori di avancorsa (+ 35 mm) e interasse (+ 8,2 mm). Semplice ma di pregio l’impianto frenante, con pinze a quattro pistoncini ad attacco assiale e ABS di serie.  
PROVE CORRELATE
  • 26 Marzo 2020
    La “piccola” GS è una poco impegnativa e comoda per l’uso quotidiano. Il motore “spinge il giusto” e su strada è efficace sia quando si passeggia, sia quando si vuole forzare il ritmo. Buona la qualità percepita, ma gli optional “obbligati” fanno lievitare il prezzo
  • 17 Maggio 2019
    La R 1250 GS ha una spinta ai bassi impressionante e un allungo da sportiva. La ciclistica è all’altezza delle prestazioni, la dotazione di serie è buona. Il prezzo è alto e sale ancora con gli  optional “obbligati “
  • 27 Aprile 2018
    Sembra nata per le avventure, in realtà è una gran bella stradale, divertente come tutte le R nine T, con cui fare un po’ di sterrato. Ha buone prestazioni, dotazione essenziale, prezzo un po’ alto

BMW R nineT

  • Prezzo€ 14.000
  • Peso220 Kg
  • Serbatoio17,0 l
  • Altezza sella82 cm
  • Lunghezza218 cm
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Kawasaki Ninja 125 2019
    La Ninja 125 è una sportivetta bella, ben rifinita, facile da guidare e parecchio divertente. Noi l'abbiamo messa alla frusta su strada e in pista, ecco come va
  • Moto Morini Milano 2020
    La naked di Moto Morini è ben fatta, piacevole da usare tra le curve e in città. Buone le prestazioni, efficace la frenata
  • Zontes ZT 310-V 2019
    Zontes è un marchio del gruppo cinese Tayo Motorcycle, da poco presente in Italia. La ZT 310-V rappresenta una entry level nel settore crusiser: monta un monocilindrico di 312 cm3, il telaio è a traliccio e al posteriore monta due ammortizzatori posteriori. Il design moderno, un prezzo contenuto e la facilità di utilizzo sono i suoi punti di forza