PROVA

Triumph Tiger 1200 Explorer 2012

Triumph Tiger Explorer, tre giorni e 1200 km
Abbiamo percorso circa 1200 km con la Triumph Explorer 1200, partendo da Milano con destinazione Dolomiti, passando per il Lago di Garda e Bolzano. Convincono motore e comfort, le dimensioni abbondanti si sentono nella guida allegra, mentre i consumi sono sotto controllo
Prezzo: 
€ 15.290
Cilindrata: 
1.215,0 cm3
Peso: 
259,0 kg
Potenza: 
137,0 CV
Velocità: 
214,5 km/h
 
  • Comfort: 
    4
  • Posizione di guida: 
    3
  • Tenuta di strada: 
    3
  • Finiture: 
    3
  • Consumo: 
    3
  • Prestazioni: 
    3
    Average: 3 (1 vote)
  • Cambio: 
    3
  • Freni: 
    3
  • Vano sottosella: 
    2
  • Sospensioni: 
    2

In autostrada si viaggia comodi

La Triumph Explorer 1200 è una viaggiatrice e nel lungo tragitto autostradale tra Milano e Bolzano, abbiamo avuto modo di verificare queste sue doti. La Explorer si è rivelata una macinatrice di chilometri, con un pizzico di comfort in più rispetto alle dirette concorrenti: la protezione dall’aria è molto buona (il parabrezza è regolabile), la posizione di guida corretta (anche il manubrio è regolabile su due livelli) e la sella ben conformata e regolabile in altezza (da 84 a 86 cm). Il Cruise Control “di serie” è una comodità di cui poi è difficile fare a meno: basta selezionare la velocità desiderata e vi dimenticate dell’acceleratore. Convince la tenuta di strada, anche con l’asfalto bagnato dell’andata la Explorer procede sicura. Contenute le vibrazioni e buoni i consumi: a 120 km/h si fanno 17,4 km/l. 



Fra le curve diverte, ma…

Le strade alpine, in alcuni tratti rese umide e scivolose dalle piogge del giorno precedente e dall’umidità della mattina, si sono rivelate un banco di prova impegnativo per la ciclistica e il tre cilindri di 1.215 cm3 (da 112,7 CV alla ruota rilevati). Il motore ha una gran spinta e in uscita di curva sfodera una grinta quasiinsospettabile, riprendendo fluido a tutti i regimi. Invece iul Controllo di Trazione “di serie”, il TTC (Triumph Traction Control regolabile su due posizioni e disinseribile): se da un lato, con l’asfalto umido e scivoloso, in un paio di situazioni si è rivelato "prezioso", dall’altro dà la sensazione di essere sempre leggermente in ritardo nell'entrare in azione. Secondo i tecnici Triumph, è una caratteristica del sistema, studiato per essere poco invasivo e tagliare l'erogazione del motore a ogni minima perdita di aderenza della ruota posteriore.



Ciclistica equilibrata e ABS a punto

Se nella guida veloce si apprezza il buon equilibrio generale della ciclistica, regalando una guida fluida e divertente, fra le curve più lente e affrontate sportivamente, i 259 kg in ordine di marcia si sentono tutti, bisogna adottare una guida di corpo e fare i conti con una forcella che affonda vistosamente nelle staccate più violente. In questa situazione vengono fuori i limiti delle gomme di serie, pensate più per la guida turistica e per la resa chilometrica, che non per la guida "allegra". In ogni caso si può sempre contare su un impianto frenante efficace: ottimo il comportamento dell’ABS di serie (disinseribile) che si è rilevato ben tarato: all’anteriore non è mai entrato in funzione, se non nelle staccate più violente. 

Triumph Tiger

  • Prezzo€ 15.290
  • Peso259 Kg
  • Serbatoio20,0 l
  • Altezza sella83 cm
  • Lunghezza225 cm
COMMENTI
Ritratto di topomoto
19 Ottobre 2012 ore 09:33
confortevole e versatile
Ritratto di SportsterDan
19 Ottobre 2012 ore 15:42
Un incrociatore come questo è adatto per il turismo a lungo raggio, ma per il misto strettissimo di alcuni passi alpini non ce lo vedo proprio
Ritratto di JoeyD
JoeyD Suzuki V-Strom DL 1000 2002-2006
19 Ottobre 2012 ore 16:18
Forse la più bella esteticamente di tutte le maxi endurone bisontiche. Però mi sa che quella che va meglio è sempre il GS
Ritratto di Babonzolo
19 Ottobre 2012 ore 17:44
sensato. Tra le maxi, è quella che comprerei. Certo, la GS forse è migliore, ma piuttosto che comprarmi una tedesca straccio la patente.
Ritratto di 46 Luca 58
46 Luca 58 Ducati Multistrada 1200 Sport 2010
21 Ottobre 2012 ore 20:09
la concorrenza spietata di questa categoria di moto ha permesso di tirare fuori moto quasi eccellenti e per tutti i gusti,vuoi il blasone?compri un GS..vuoi una superbike?compri Multistrada..vuoi spendere il giusto?compri Tenere e questa Triumph. Nessuna delle moto citate ha mai deluso chi le ha comprate.. a questa Tiger invidio il cruise,in autostrada deve essere una pacchia..
Ritratto di Ivan Ragionieri
01 Gennaio 2013 ore 19:27
la migliore Triumph in rapporto a divertimento/confort e prezzo e' la Tigher 1050.. ed e' tra le migliori anche verso le concorrenti di altri marchi! Questa e' bella, ma se come scrivono i Tester, e' un po pesantuccia nel misto.. manca gia di qualcosa.. La migliore e' ancora la 1200GS (quella ad aria) che ho avuto, ma mi sembra che la nuova sia da provare prima di acquistare a scatola chiusa.. le gomme sono piu larghe e il serbatoio e' finito in alto in posizione classica, e per me queste due cose voglion dire minor scioltezza nella guida.. cmq.. si vedra' Una bella motina economica cui non manca niente e' anhe la Kava Versys1000, anche se quel faro doppio deve piacere.. Per me il Multi e' la "piu" in tutto, purtroppo anche nel prezzo..! Mi piacerebbe provare anche il nuovo hyper "strada".. per i giretti brevi/medio raggio e tanto divertimento deve essere il max! Sauti!
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Kawasaki Ninja 125 2019
    La Ninja 125 è una sportivetta bella, ben rifinita, facile da guidare e parecchio divertente. Noi l'abbiamo messa alla frusta su strada e in pista, ecco come va
  • Ducati XDiavel S 2016
    Borgo Panigale ha inventato la "cruiser sportiva": una moto divertente, con un motore desmodronico "esagerato" che regala grandi emozioni. Qualità e design sono all'altezza del prestigio del marchio. Ha sospensioni raffinate ma nei lunghi trasferimenti stanca parecchio il pilota
  • Zontes ZT 310-V 2019
    Zontes è un marchio del gruppo cinese Tayo Motorcycle, da poco presente in Italia. La ZT 310-V rappresenta una entry level nel settore crusiser: monta un monocilindrico di 312 cm3, il telaio è a traliccio e al posteriore monta due ammortizzatori posteriori. Il design moderno, un prezzo contenuto e la facilità di utilizzo sono i suoi punti di forza