PROVA

Yamaha Xmax 300 2021

Yamaha XMax 300: si rinnova lo scooter tuttofare
L’Xmax 300 è la soluzione "midi" di Yamaha per chi cerca uno scooter capace di accompagnarlo tanto nel tragitto casa-lavoro che negli allunghi fuori porta. Ben equipaggiato e rifinito, ha un prezzo in linea con i diretti concorrenti della propria categoria


 
Prezzo: 
€ 6.299
Cilindrata: 
292,0 cm3
Peso: 
175,0 kg
Potenza: 
26,2 CV
Velocità: 
144,0 km/h
 
  • Comfort: 
    4
  • Posizione di guida: 
    4
  • Tenuta di strada: 
    4
  • Finiture: 
    5
  • Consumo: 
    0
  • Prestazioni: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Cambio: 
    4
  • Freni: 
    4
  • Vano sottosella: 
    5
  • Sospensioni: 
    3
Yamaha XMax 300: si rinnova lo scooter tuttofare
Pregi: 
Lussuoso e ben costruito, è stabile in velocità grazie a una ciclistica a punto. Controllo di trazione ben tarato. Ampio il vano sottosella
Difetti: 
Le sospensioni sono un po’ rigide, gli specchietti piccoli limitano la visuale, la sella è comoda ma larga e alta da terra
L'XMax 300 è comodo ma ha una ciclistica quasi “da moto” e se la cava bene nei tratti più veloci. La dotazione è ricca: monta controllo di trazione, smart key e parabrezza regolabile già nella versione base, ma c'è la possibilità di acquistare il Tech Max - con dettagli più lussuosi- a 6.399 euro. L'upgrade è riconoscibile per la luce posteriore fumé, le pedane poggiapiedi con inserti in alluminio, i cerchi color oro e la cornice cromata del cruscotto. 
Il parabrezza regolabile in altezza (con gli appositi attrezzi) è stretto: ripara il busto del pilota, ma lascia scoperte le spalle. Lo scudo largo invece protegge bene le gambe, evitando fastidiosi spifferi. Il cruscotto ha un disegno classico: il display lcd centrale è ricco di informazioni che scorrono premendo un tasto sul manubrio. L’XMax ha due vani dietro lo scudo: quello di sinistra offre una presa da 12 Volt. La chiusura è centralizzata. Il vano sottosella è grandissimo e ha una forma regolare: può ospitare comodamente due caschi integrali e altri oggetti nella parte centrale, dove si trova anche la luce di cortesia. 
 

L’evoluzione Euro 5 del motore “Blue Core” Yamaha mantiene le prestazioni della versione precedente, mentre i consumi sono addirittura migliorati grazie a soluzioni che riducono le perdite di potenza e aumentano l’efficienza termodinamica. Nuove le valvole e la camera di combustione, che ora è più compatta. L’impianto frenante dell’XMax può contare su due dischi anteriori da 267 mm con pinze flottanti a 2 pistoncini e un disco da 245 mm al posteriore. La frenata è molto efficace e decisa. Il controllo di trazione è un bell’aiuto sul bagnato. Si può disinserire, solo a veicolo fermo, tramite il menu sul cruscotto
PROVE CORRELATE
  • 24 Giugno 2022
    La bicilindrica di Yamaha si è fatta apprezzare per il motore sfruttabile senza eccessi, il peso contenuto e la linea sempre attuale. È facile da guidare, ci si può fare tutto e costa il giusto
  • 19 Maggio 2022
    Un po’ naked, un po’ granturismo, questa crossover ha ruote da 17” un motore potente e con grinta da vendere. La dotazione di serie è ricca e completa e lo spazio buono anche viaggiando in coppia. Siete pronti a partire?
  • 27 Dicembre 2021
    La naked media di Yamaha è costruita bene, è molto versatile e non costa un'esagerazione: ha tutti gli ingredienti per divertirsi in ogni condizione, con un motore sincero e una dotazione all'altezza della categoria

Yamaha Xmax

  • Prezzo€ 5.999
  • Peso180 Kg
  • Serbatoio13,0 l
  • Altezza sella80 cm
  • Lunghezza219 cm
PROVE PER MARCA
LE ULTIME PROVE
  • Triumph Tiger 1200 Rally Explorer 2023

    La maxi crossover inglese punta al trono della categoria, grazie a un motore potente, a una dotazione di serie ricca e a una personalità decisa, unita a una qualità costruttiva elevata

  • BMW R 1250 GS Adventure 2023

    Da anni è la preferita del segmento e uno dei best seller assoluti del mercato. È un investimento impegnativo, ma la qualità è molto alta, così come le prestazioni e il comfort. Tanta elettronica aiuta a non fare sentire il peso

  • Royal Enfield Scram 411 2022

    È indiana, ma ha un'anima inglese, una struttura semplice e un motore piccolo e affidabile, perfetto per chi vuole muoversi agilmente in città senza cedere alla comodità dei "soliti" scooter. Non pesa poco ed è vietato chiederle troppo in termini di prestazioni, ma il prezzo è d'attacco

Eicma 2022
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
Green Planet