PROVA

Yamaha Ténéré 700 2019

Yamaha Ténéré 700 35 kW: la media enduro per iniziare a sognare il deserto
La tout terrain di Iwata è disponibile anche in versione da 35 kW, guidabile con patente A2. Facile e divertente, la si può usare 365 giorni l'anno, per andare al lavoro o in vacanza. Robusta e curata, ma senza fronzoli, ha la sella alta e la ruota da 21" all'anteriore. Poca elettronica, tanta sostanza e un prezzo d'attacco
Prezzo: 
€ 9.799
Cilindrata: 
689,0 cm3
Peso: 
195,5 kg
Potenza: 
41,2 CV
Velocità: 
162,9 km/h
 
  • Comfort: 
    4
  • Posizione di guida: 
    4
  • Tenuta di strada: 
    4
  • Finiture: 
    4
  • Consumo: 
    5
  • Prestazioni: 
    5
    Average: 5 (1 vote)
  • Cambio: 
    5
  • Freni: 
    5
  • Vano sottosella: 
    2
  • Sospensioni: 
    5
Yamaha Ténéré 700 35 kW: la media enduro per iniziare a sognare il deserto
Pregi: 
Il prezzo concorrenziale (per una endurona di fascia alta), le prestazioni con “soli” 48 CV, la guida in fuoristrada, la qualità generale, le sospensioni Kayaba regolabili e già ben tarate.
Difetti: 
La mancanza di sistemi elettronici, l’altezza sella a ben 88 cm da terra, il vano sottosella scarso
La Ténéré 700 è stata una moto attesissima, che è andata a occupare una fascia di mercato piuttosto sguarnita: il bicilindrico frontemarcia di 698 cm3 da 35 kW è uguale (a parte i condotti di aspirazione e la centralina) a quello della “normale”, che però raggiunge regimi più alti ed eroga una potenza superiore. La coppia massima è simile tra le due versioni e con una minima spesa si può comunque riportare a“potenza piena”. La Ténéré ha un aspetto da vera “dakariana” grazie al cupolino che avvolge il gruppo ottico con 4 faretti. Nella vista posteriore risalta il grande serbatoio da 16 litri. La ciclistica è più che adeguata al fuoristrada leggero, e pure qualcosa di più: all'anteriore c'è una generosa forcella a steli rovesciati, al posteriore troviamo un forcellone in alluminio sul quale lavora un mono Kayaba con escursione di 200 mm, completamente regolabile. Anche il voluminoso terminale di scarico laterale richiama i rally: ha un aspetto grintoso ed è ben rifinito, col fondello e la fascetta in alluminio. Il cruscotto è un grosso pannello LCD, chiaro e ben leggibile, che si sviluppa in verticale. È ben leggibile, anche nella guida in piedi. Di serie la T7 (come la chiamano in Yamaha) monta un’ampia piastra paracolpi in alluminio che ripara la parte bassa del bicilindrico dagli urti in fuoristrada. La Ténéré è una moto comoda anche per viaggiare in due: lo spazio è buono e le pedane sono alla giusta distanza dalla seduta. Peccato solo per le maniglie piccole e scomode da usare. Il vano sottosella è piccolo, ma c'è: sotto la seduta del passeggero si cela una piccola vaschetta dove si può portare un piccolo bloccadisco o qualche attrezzo.

PROVE CORRELATE
  • 14 Settembre 2020
    La media di Iwata è una supersportiva in scala ridotta: precisa in curva e con un allungo entusiasmante. Sa regalare grandi emozioni, ma chiede mani esperte al pilota che la sceglie
  • 10 Agosto 2019
    Con la Niken tra le curve si va alla stessa andatura di una moto “normale” con metà dell’impegno, lo stesso divertimento e il doppio della sicurezza. Comoda e ben costruita, va bene per viaggiare ma ripara poco dall’aria. Prezzo adeguato alle doti tecniche e alla qualità
  • 22 Settembre 2018
    Il motore è brillante, la maneggevolezza buona e la dotazione ricca. Nel sottosella ci stanno due caschi integrali. Sospensioni un po’ rigide in città

Yamaha Ténéré

  • Prezzo€ 9.799
  • Peso204 Kg
  • Serbatoio16,0 l
  • Altezza sella88 cm
  • Lunghezza237 cm
Eicma 2021
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Kawasaki Ninja 1000 SX 2021
    La "verdona" è una Ninja a tutti gli effetti, ma strizza l'occhio a chi cerca una moto da usare anche per qualche gita senza stancarsi troppo, e all'occorrenza guidabile pure in città. La dotazione di serie ne fa una moto moderna, che "aiuta" il pilota a non andare mai in difficoltà
  • Ducati SuperSport 2021
    La bicilindrica di Borgo Panigale non lascia niente a desiderare in termini di prestazioni, ma è anche una moto che si può usare nella vita quotidiana, quasi in ogni situazione
  • BMW R nineT Pure 2021
    La stradale tedesca è immediatamente riconoscibile alla prima occhiata, il boxer è garanzia di una guida sempre piacevole e la dotazione è quella "di sostanza" tipica delle moto bavaresi. Chi prende una R Nine T lo fa a ragion veduta... Ma anche il prezzo è da BMW