PROVA

Yamaha SR 400 2016

Yamaha SR 400, una classica moto anni 70
Questa non è la solita moto in stile retrò: la SR 400 è così da 40 anni, più o meno immutata. Guida facile, prestazioni limitate, fascino e prezzo elevati 
Prezzo: 
€ 5.990
Peso: 
169,5 kg
Potenza: 
20,5 CV
Velocità: 
124,4 km/h
 
  • Comfort: 
    4
  • Posizione di guida: 
    5
  • Tenuta di strada: 
    3
  • Finiture: 
    4
  • Consumo: 
    4
  • Prestazioni: 
    2
    Average: 2 (1 vote)
  • Cambio: 
    4
  • Freni: 
    3
  • Vano sottosella: 
    3
  • Sospensioni: 
    3
Yamaha SR 400, una classica moto anni 70
Pregi: 
La guida è facile anche per i neofiti, l’erogazione regolare, le finiture sono curate e il comfort di marcia più che discreto
 
Difetti: 
Il prezzo è elevato per una 400 “basica” come la SR, le prestazioni scarse e il freno a tamburo ha poco mordente
La prima SR fu introdotta in Giappone alla fine degli anni 70 e divenne un “cult” nel paese del Sol Levante, ma non ebbe molto successo in Italia. Ora è finalmente arrivata, rivista in chiave moderna ma con lo stesso, identico “appeal” della sua antenata, con addirittura la stessa (ma non unica) colorazione originale, nera con i profili arancio. Scompare quindi il carburatore per una più attuale iniezione elettronica ma rimane l’avviamento a pedale.
Ultraclassico il motore monocilindrico raffreddato ad aria: ha una cilindrata di 399 cm3, la distribuzione a due valvole e la lubrificazione a carter secco. Il telaio ha una solida struttura a culla chiusa in tubi di acciaio, come il forcellone. Semplice ed elegantissima l’estetica con il classico serbatoio del carburante a goccia, i fianchetti in plastica (il destro ospita gli attrezzi di bordo), i parafanghi cromati, come il lungo terminale di scarico e le ruote, rigorosamente a raggi, da 18”. Il reparto sospensioni propone una forcella tradizionale con steli da 35 mm di diametro e due ammortizzatori posteriori regolabili nel precarico. “Classico” anche l’impianto frenante: davanti ci sono un grosso disco anteriore da 298 mm di diametro e una pinza a due pistoncini, dietro un semplice tamburo. Di indiscutibile fascino ma tecnicamente “basica”, la SR 400 è proposta a un prezzo elevato: costa infatti 5.990 euro.  
PROVE CORRELATE
  • 14 Settembre 2020
    La media di Iwata è una supersportiva in scala ridotta: precisa in curva e con un allungo entusiasmante. Sa regalare grandi emozioni, ma chiede mani esperte al pilota che la sceglie
  • 10 Agosto 2019
    Con la Niken tra le curve si va alla stessa andatura di una moto “normale” con metà dell’impegno, lo stesso divertimento e il doppio della sicurezza. Comoda e ben costruita, va bene per viaggiare ma ripara poco dall’aria. Prezzo adeguato alle doti tecniche e alla qualità
  • 22 Settembre 2018
    Il motore è brillante, la maneggevolezza buona e la dotazione ricca. Nel sottosella ci stanno due caschi integrali. Sospensioni un po’ rigide in città

Yamaha SR

  • Prezzo€ 5.990
  • Peso174 Kg
  • Serbatoio12,0 l
  • Altezza sella79 cm
  • Lunghezza209 cm
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Kawasaki Ninja 125 2019
    La Ninja 125 è una sportivetta bella, ben rifinita, facile da guidare e parecchio divertente. Noi l'abbiamo messa alla frusta su strada e in pista, ecco come va
  • Moto Morini Milano 2020
    La naked di Moto Morini è ben fatta, piacevole da usare tra le curve e in città. Buone le prestazioni, efficace la frenata
  • Zontes ZT 310-V 2019
    Zontes è un marchio del gruppo cinese Tayo Motorcycle, da poco presente in Italia. La ZT 310-V rappresenta una entry level nel settore crusiser: monta un monocilindrico di 312 cm3, il telaio è a traliccio e al posteriore monta due ammortizzatori posteriori. Il design moderno, un prezzo contenuto e la facilità di utilizzo sono i suoi punti di forza