PROVA

Yamaha MT-07 2021

Yamaha M7-07: divertimento senza troppe complicazioni
La naked media di Yamaha è costruita bene, è molto versatile e non costa un'esagerazione: ha tutti gli ingredienti per divertirsi in ogni condizione, con un motore sincero e una dotazione all'altezza della categoria
Prezzo: 
€ 6.999
Cilindrata: 
689,0 cm3
Peso: 
184,0 kg
Potenza: 
69,2 CV
Velocità: 
198,9 km/h
 
  • Comfort: 
    4
  • Posizione di guida: 
    4
  • Tenuta di strada: 
    5
  • Finiture: 
    4
  • Consumo: 
    5
  • Prestazioni: 
    5
    Average: 5 (1 vote)
  • Cambio: 
    5
  • Freni: 
    5
  • Vano sottosella: 
    3
  • Sospensioni: 
    4
Yamaha M7-07: divertimento senza troppe complicazioni
Pregi: 
Il motore brillante, la posizione di guida azzeccata, la stabilità in velocità, l’agilità tra le curve e in città, il prezzo basso
Difetti: 
Il cruscotto è “solo” lcd, la posizione del passeggero è sacrificata, la mancanza di elettronica di assistenza (a parte l’ABS obbligatorio) può mettere in difficoltà i meno esperti in caso di bagnato
La Yamaha MT-07 è una moto che ha avuto un buon successo, con il passaggio all’omologazione Euro 5, Yamaha ha rinnovato il motore della MT-07: il brillante bicilindrico da 689 cm3 ha un nuovo condotto di aspirazione dell’aria, un sistema di iniezione rivisto, un inedito scarico 2-in-1 e una nuova centralina. Queste modifiche hanno reso l’erogazione più fluida e lineare, mentre la potenza rispetto alla versione Euro 4 cala di poco: da 69,8 a 69, 2 CV (rilevati alla ruota).
Il faretto anteriore a led, simile a quello della MT-09, fa discutere gli appassionati. Di sicuro è originale e - cosa più importante- funziona molto bene. La linea è sicuramente originale in tutti i dettagli: la MT-07 my 21 ha nuovi convogliatori ai lati del serbatoio (ridisegnato anch’esso), ma non offre alcun “aiutino” elettronico al pilota. Tutto nuovo il cruscotto che utilizza uno schermo LCD negativo, con indicazioni grandi e chiare per orologio, cambio, contachilometri e contagiri. I nuovi blocchetti al manubrio permettono al pilota di utilizzare i comandi in modo più semplice e rapido. L’impianto frenante può contare su un disco da 245 mm al posteriore e dischi da 298 mm di diametro all’anteriore (prima erano da 282 mm). Sotto il sellino del passeggero c’è un piccolo pozzetto dove si possono tenere a portata di mano i documenti della moto e la “trousse”di attrezzi.
PROVE CORRELATE
  • 03 Febbraio 2021
    La tout terrain di Iwata è disponibile anche in versione da 35 kW, guidabile con patente A2. Facile e divertente, la si può usare 365 giorni l'anno, per andare al lavoro o in vacanza. Robusta e curata, ma senza fronzoli, ha la sella alta e la ruota da 21" all'anteriore. Poca elettronica, tanta sostanza e un prezzo d'attacco
  • 14 Settembre 2020
    La media di Iwata è una supersportiva in scala ridotta: precisa in curva e con un allungo entusiasmante. Sa regalare grandi emozioni, ma chiede mani esperte al pilota che la sceglie
  • 10 Agosto 2019
    Con la Niken tra le curve si va alla stessa andatura di una moto “normale” con metà dell’impegno, lo stesso divertimento e il doppio della sicurezza. Comoda e ben costruita, va bene per viaggiare ma ripara poco dall’aria. Prezzo adeguato alle doti tecniche e alla qualità

Yamaha MT-07

  • Prezzo€ 6.999
  • Peso184 Kg
  • Serbatoio14,0 l
  • Altezza sella81 cm
  • Lunghezza209 cm
Eicma 2021
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Ducati SuperSport 2021
    La bicilindrica di Borgo Panigale non lascia niente a desiderare in termini di prestazioni, ma è anche una moto che si può usare nella vita quotidiana, quasi in ogni situazione
  • Kawasaki Ninja 1000 SX 2021
    La "verdona" è una Ninja a tutti gli effetti, ma strizza l'occhio a chi cerca una moto da usare anche per qualche gita senza stancarsi troppo, e all'occorrenza guidabile pure in città. La dotazione di serie ne fa una moto moderna, che "aiuta" il pilota a non andare mai in difficoltà
  • Energica Eva EsseEsse9 2021
    Linea riuscita e prestazioni convincenti fanno apprezzare subito questa SBK elettrica: la cura dei dettagli è da "tedesca", il prezzo è elevato, ma tra incentivi e risparmi alla colonnina, i conti vanno fatti sul lungo periodo