Salta al contenuto principale

Multistrada 1260 Pikes Peak: una Ducati per fare tutto

La crossover di Borgo Panigale è il riferimento della categoria, come tecnologia e come prezzo: il bicilindrico da 158 cavalli permette di togliersi ogni tipo di soddisfazione, ben assistito da sospensioni Ohlins e da un'elettronica raffinata. La cifra da spendere per mettersi nel box il gioiello di Ducati è superiore ai 25mila euro
Pregi

Pregi

Le prestazioni a livello di una SBK, la dotazione elettronica di serie completa e i blocchetti al manubrio retroilluminati.
Difetti

Difetti

Il parabrezza poco protettivo, l’erogazione ai bassi irregolare e il prezzo elevato, pur tenendo conto della dotazione della Pikes Peak e delle prestazioni.

In sintesi

La Multistrada costa assai, ma con un solo contratto si portano a casa almeno due moto: innanzitutto una supersportiva equipaggiata con il Testastretta, forcella a steli rovesciati e monoammortizzatore Öhlins pluriregorabili, ma anche una maxi da viaggio, comfortevole anche per due persone. La protezione dall'aria, i generosi maniglioni, il cruscotto a colori da fare invidia a un'automobile invitano a partire per destinazioni lontane. Oltre alla verniciatura speciale, l’allestimento Pikes Peak include tra l’altro lo scarico Termignoni omologato e numerose parti in carbonio tra cui parafango anteriore, cupolino e cover laterali. Le prese d’aria nel becco frontale alimentano l’airbox. Il doppio faro a led è potente: altrettanto efficaci, ma esposte agli urti, le frecce anteriori nei paramani. La Ducati monta un doppio faro anteriore con luci a led. Da segnalare lo spegnimento automatico degli indicatori di direzione dopo le curve o un certo tempo di inutilizzo. Potentissimo l’impianto frenante Brembo: davanti sfoggia due grandi dischi da 330 mm di diametro e pinze monoblocco Evo M50 ad attacco radiale.

Come va

Appena si monta in sella si percepisce subito la posizione sportiva, ma corretta: è piuttosto d’attacco, cioè caricata in avanti per “sentire” la ruota. Il comfort è comunque buono, col pilota ben “inserito” nella moto e protetto dall’aria. Tanto spazio anche per il passeggero, che non ha niente di cui lamentarsi. La tenuta di strada è ottima: sicura, stabile e maneggevole, sembra di guidare una sportiva da pista, ma col manubrio alto. Il bicilindrico della Multistrada 1260 ha un’erogazione fluida e regolare ai bassi e medi regimi e in generale è molto più “educato” del 1200 delle precedenti versioni. Ma resta un motore Ducati con un’indole sportiva e un’erogazione piena e corposa tra i 3 e i 6.000 giri: se si spalanca il gas i suoi 143 CV (rilevati alla ruota) sembrano molti di più. La Ducati vanta una coppia massima di 117,9 Nm a 7.700 giri e il pilota deve impegnarsi a fondo per tenere sempre il mezzo sotto controllo.
La Ducati è imbattibile nei percorsi guidati e nel misto stretto, grazie alla maneggevolezza e alla rapidità degni di una supermotard. Il motore però è da supersportiva e urla come una moto da pista! Il cambio è morbido e preciso negli innesti anche quando si alza il ritmo, come quelli delle “rosse” da pista. L’impianto frenante è come quelli delle superbike di Borgo Panigale: basta un dito per fermarsi in pochi metri.
La Multistrada sfoggia un cupolino basso e rastremato, bello da vedere ma non efficacissimo in autostrada. Utile e ben fatto invece il cruise control, tra l'altro di serie. I consumi sono discreti: con una andatura ragionata si riesce a tenere una media di 17,3 km, ma se si insiste sull'acceleratore il discorso cambia decisamente. Nonostante la cavalleria, grazie alla mappa Urban la Ducati diventa utilizzabile senza problemi anche nel percorso casa-ufficio, anche se il motore Ducati va tenuto sopra i 2500-3000 giri. La maneggevolezza è buona, nonostante il peso in ordine di marcia superiore ai 230 kg.


 

Rilevamenti

Velocità massima (km/h) 230
Accelerazione secondi
0-400 metri 11,2 
0-1000 metri 21,3 
0-100 km/h 3,4
Ripresa (da 50 km/h) secondi
400 metri 13,2
1000 metri 23,9
Potenza massima alla ruota  
CV/kW 143/106,6
Giri al minuto 9.400
Frenata metri
Da 100 km/h 37,5
Consumi km/l
Autostrada 15,3
Extraurbano 21,2
A 90 km/h 22,8
A 120 km/h 17,5
Al massimo 10,1
Autonomia km
A 120 km/h 297,4 
Al massimo 171,8

Acquisizione dati con CORRYS-DATRON DAS1A.
Banco prova Dynojet's 150 Dynamometer.
Bilancia Computer Scales Longacre 7263.

Dati tecnici

Dati tecnici dichiarati dalla casa

Motore 4 tempi bicilindrico
Cilindrata (cm3) 1262
Cambio a 6 rapporti
Potenza CV(kW)/giri 158 (116,2)/9.500 
Freno anteriore a doppio disco da 330 mm 
Freno posteriore a disco da 265 mm 
Pneumatico anteriore 120/70-17” 
Pneumatico posteriore 190/55-17”
Altezza sella (cm) 83
Peso (kg) 229
Capacità serbatoio (litri) 20+4,8
Autonomia (km) 297,4
Velocità massima (km/h) 230
Tempo di consegna -

Dimensioni rilevate da inSella

Image
Passo
158.50
Lunghezza
227.00
Altezza sella
83.00
Leggi altro su:
Ducati Multistrada 1260 Pikes Peak 2018
Prezzo Prezzo
25.690
Cilindrata Cilindrata
1.262
cm3
Peso Peso
229,00
kg
Potenza Potenza
158,00
CV
Velocita Velocità
230,00
km/h
Voto medio
4
Comfort
4
Tenuta di strada
5
Consumo
3
Cambio
4
Vano sottosella
2
Posizione di guida
5
Finiture
5
Prestazioni
5
Freni
5
Sospensioni
5

Ducati Multistrada 1260 Pikes Peak 2018

Ti piace questa moto?

Condividi il tuo giudizio! Clicca sulle moto qui sopra per valutare questa moto.

I voti degli utenti
0
1
0
0
0
Voto medio
4,0
4
1 voto
Aggiungi un commento