PROVA

Ducati Multistrada 1260 Pikes Peak 2018

Multistrada 1260 Pikes Peak: una Ducati per fare tutto
La crossover di Borgo Panigale è il riferimento della categoria, come tecnologia e come prezzo: il bicilindrico da 158 cavalli permette di togliersi ogni tipo di soddisfazione, ben assistito da sospensioni Ohlins e da un'elettronica raffinata. La cifra da spendere per mettersi nel box il gioiello di Ducati è superiore ai 25mila euro
Prezzo: 
€ 25.690
Cilindrata: 
1.262,0 cm3
Peso: 
229,0 kg
Potenza: 
158,0 CV
Velocità: 
230,0 km/h
 
  • Comfort: 
    4
  • Posizione di guida: 
    5
  • Tenuta di strada: 
    5
  • Finiture: 
    5
  • Consumo: 
    3
  • Prestazioni: 
    5
    Average: 5 (1 vote)
  • Cambio: 
    4
  • Freni: 
    5
  • Vano sottosella: 
    2
  • Sospensioni: 
    5
Multistrada 1260 Pikes Peak: una Ducati per fare tutto
Pregi: 
Le prestazioni a livello di una SBK, la dotazione elettronica di serie completa e i blocchetti al manubrio retroilluminati.
Difetti: 
Il parabrezza poco protettivo, l’erogazione ai bassi irregolare e il prezzo elevato, pur tenendo conto della dotazione della Pikes Peak e delle prestazioni.
La Multistrada costa assai, ma con un solo contratto si portano a casa almeno due moto: innanzitutto una supersportiva equipaggiata con il Testastretta, forcella a steli rovesciati e monoammortizzatore Öhlins pluriregorabili, ma anche una maxi da viaggio, comfortevole anche per due persone. La protezione dall'aria, i generosi maniglioni, il cruscotto a colori da fare invidia a un'automobile invitano a partire per destinazioni lontane. Oltre alla verniciatura speciale, l’allestimento Pikes Peak include tra l’altro lo scarico Termignoni omologato e numerose parti in carbonio tra cui parafango anteriore, cupolino e cover laterali. Le prese d’aria nel becco frontale alimentano l’airbox. Il doppio faro a led è potente: altrettanto efficaci, ma esposte agli urti, le frecce anteriori nei paramani. La Ducati monta un doppio faro anteriore con luci a led. Da segnalare lo spegnimento automatico degli indicatori di direzione dopo le curve o un certo tempo di inutilizzo. Potentissimo l’impianto frenante Brembo: davanti sfoggia due grandi dischi da 330 mm di diametro e pinze monoblocco Evo M50 ad attacco radiale.

PROVE CORRELATE
  • 17 Dicembre 2020
    La moto di Borgo Panigale è nata per rompere gli schemi: linee muscolose, gomme ultralarghe, indole sportiva. A metà tra un dragster e una cruiser, impressiona per la dotazione tecnica e il prezzo, non alla portata di tutte le tasche
  • 20 Agosto 2020
    Borgo Panigale ha inventato la "cruiser sportiva": una moto divertente, con un motore desmodronico "esagerato" che regala grandi emozioni. Qualità e design sono all'altezza del prestigio del marchio. Ha sospensioni raffinate ma nei lunghi trasferimenti stanca parecchio il pilota
  • 13 Ottobre 2018
    La prima “rossa” stradale a quattro cilindri è la Ducati più raffinata ed efficace mai vista fino a oggi. Motore ed elettronica “da corsa”, ciclistica al top, prezzo adeguato

Ducati Multistrada

  • Prezzo€ 25.690
  • Peso206 Kg
  • Serbatoio20,0 l
  • Altezza sella83 cm
  • Lunghezza0 cm
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • BMW Serie F GS F 850 GS Rallye 2020
    Il GS negli ultimi anni ci ha abituato a cilindrate e prestazioni "maxi", ma anche nella versione 850 la bicilindrica bavarese sa essere una moto completa e anzi, più gestibile. La versione rallye aumenta la voglia di lasciare l'asfalto per l'off road. Il prezzo? Sempre al top della categoria
  • Indian Challenger Limited 2021
    La rivale per eccellenza dell'Harley-Davidson propone la "sportiva" di casa in versione top di gamma. I cavalli non mancano, la cilindrata è "esagerata", il comfort elevato e la ricca dotazione di serie invitano a viaggiare. Per averla bisogna staccare un assegno importante, ma si acquista una moto che non passa certo inosservata
  • KTM Duke 890 R 2020
    La naked di Mattighofen non tradisce la sua essenza, anche nella cilindrata media: una moto sportiva senza carene, agile nel misto e tecnologicamente avanzata. Il motore si fa sentire, la dotazione di elettronica è ottima e la ciclistica da "vera" KTM