PROVA

BMW Serie F GS F 750 GS 2020

BMW F 750 GS, la virtù sta nel mezzo
La “piccola” GS è una poco impegnativa e comoda per l’uso quotidiano. Il motore “spinge il giusto” e su strada è efficace sia quando si passeggia, sia quando si vuole forzare il ritmo. Buona la qualità percepita, ma gli optional “obbligati” fanno lievitare il prezzo
Prezzo: 
€ 10.200
 
  • Comfort: 
    4
  • Posizione di guida: 
    5
  • Tenuta di strada: 
    4
  • Finiture: 
    4
  • Consumo: 
    5
  • Prestazioni: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Cambio: 
    4
  • Freni: 
    3
  • Vano sottosella: 
    2
  • Sospensioni: 
    3
BMW F 750 GS, la virtù sta nel mezzo
Pregi: 
Il prezzo e la buona dotazione di serie, l’efficacia nella guida su strada e l’ero- gazione vigorosa del motore.
Difetti: 
 La protezione dall’aria è migliorabile, il comando del freno anteriore va strizzato e molti accessori “obbligati”(come il TFT) sono optional.
La BMW F 750 GS è la più piccola (se si esclude la G 300 GS) della famiglia di crossover della casa bavarese. Più tranquilla nelle prestazioni e più “stradale” delle due sorelle maggiori, ha ricevuto un aggiornamento lo scorso anno a livello di motore e ciclistica che l’ha resa ancora più gustosa e divertente.

Sostanziosa
Il motore bicilindrico frontemarcia della BMW è da 853 cm3 (in pratica lo stesso della F 850 GS) con 75,2 CV rilevati alla ruota e un’erogazione vigorosa. L’unità, lo ricordiamo non è più un Rotax ma un progetto BMW al 100%, realizzato da Loncin in Cina. Sono due le mappe motore (Rain e Road), con ABS e controllo di trazione ASC di serie.  In optional sono disponibili le funzioni Pro riding, con ABS Pro, DCT e i riding mode Dynamic, Enduro ed Enduro Pro. Il telaio prevede una struttura superiore in lamiera d’acciaio scatolata e il forcellone, invece, è in alluminio. 
L'impianto frenante prevede una coppia di dischi anteriore da 305 mm e un disco posteriore da 265 mm. A livello sospensioni troviamo una forcella tradizionale da 41 mm (corsa 151 mm) e un bel mono posteriore, montato molto inclinato, solo optional il sistema di sospensioni a regolazione elettronica ESA. La sella è alta 81,5 cm ma, come optional, sono previste misure ridotte o aumentate rispetto alla standard. Sempre in optional sono disponibili la strumentazione TFT da 6,5 pollici con sistema di connessione bluetooth. Il prezzo parte da 10.200 euro, ma se vi viene voglia di scegliere tra i tanti accessori disponibili, si sale parecchio.

Lo schermo da ben 6,5” permette di tenere tutto sott’occhio, sfruttando i vari menu, ed è sempre ben leggibile. Peccato che sia optional: costa 650 euro
   
PROVE CORRELATE
  • 30 Ottobre 2020
    Una linea inconfondibile, un bicilindrico generoso, la qualità tedesca: la R nineT non si smentisce. Con la Pure la casa bavarese va all'essenza del concetto di modern classic: poca elettronica e la giusta dose di cavalli e uno stile che non passa inosservato
  • 17 Maggio 2019
    La R 1250 GS ha una spinta ai bassi impressionante e un allungo da sportiva. La ciclistica è all’altezza delle prestazioni, la dotazione di serie è buona. Il prezzo è alto e sale ancora con gli  optional “obbligati “
  • 27 Aprile 2018
    Sembra nata per le avventure, in realtà è una gran bella stradale, divertente come tutte le R nine T, con cui fare un po’ di sterrato. Ha buone prestazioni, dotazione essenziale, prezzo un po’ alto

BMW Serie F GS

  • Prezzo€ 10.300
  • Peso224 Kg
  • Serbatoio15,0 l
  • Altezza sella77 cm
  • Lunghezza223 cm
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Suzuki GSX-S 750 Yugen Carbon 2019
    La 4 cilindri di Hamamatsu ha muscoli da vendere e li mette in mostra. Generosa ma guidabile, la 750 è una naked sportiva che se la cava bene anche nel traffico. L'elettronica in dotazione è quanto basta, le sospensioni sono abbastanza rigide e il passeggero un po' sacrificato
  • Honda CB 650 R
    L'erede della Hornet interpreta l'attualità del settore naked con uno stile essenziale e prestazioni di tutto rispetto. Finiture adeguate e un prezzo corretto la rendono una moto che si fa volere bene subito, a patto di non essere "troppo" alti
  • Triumph Speed Twin 2020
    La bicilindrica inglese monta un bicilindrico di cubatura generosa, ma nonostante i 1200cc è potente il giusto e facile da guidare. Interpreta in chiave moderna i classici del settore: telaio doppia culla e due ammortizzatori al posteriore, sella ampia e comoda, anche se non è una moto per viaggiare