PRIMI CONTATTI

Ducati Hypermotard 2013

Ducati Hypermotard, con l'elettronica cambia faccia
La nuova Ducati Hypermotard ha un motore rabbioso e un'elettronica bene a punto. Buona la posizione di guida, meno caricata in avanti rispetto al vecchio modello, ottima la frenata
€ 11.490
Ducati Hypermotard, con l'elettronica cambia faccia

ABS e controllo di trazione di serie 

La Ducati Hypermotard è una moto completamente rinnovata: monta un nuovo motore bicilindrico Testastretta 11° raffreddato a liquido con cilindrata di 821 cm3 e capace di erogare 110 CV e 89,2 Nm. Di serie monta il Ducati Riding mode che permette di scegliere tra tre mappature: Sport (110 CV), Touring (110 CV ma erogazione della potenza più "soft") e Urban (75 CV) e il pacchetto Ducati Safety Mode che comprende ABS e controllo di trazione. Anche l'estetica è stata rivista: pur non stravolgendo la personalità della moto, la nuova Hypermotard presenta alcune novità sostanziali: su tutte lo scarico laterale al posto della doppia bocca sottosella e il "becco" frontale modificato nelle linee e ora molto più simile a quello della Multistrada.


Equilibrio e qualità

Classica l'impostazione ciclistica: La Ducati Hypermotard ha un telaio a traliccio in tubi d'acciaio con un bel forcellone monobraccio in alluminio. La forcella è una Kayaba non regolabile mentre il mono è un Sachs regolabile in estensione e precarico molla. I cerchi della versione base sono in alluminio a 10 razze con design ispirato a quello della Panigale con Pirelli Diablo Rosso II. La frenata, invece, è garantita da una coppia di pinze Brembo monoblocco che agiscono su due dischi da 320 mm. La Ducati Hypermotard è già in vendita e costa 11.490 euro. 




Posizione di guida comoda

Che la Ducati Hypermotard sia completamente nuova si capisce non appena si è in sella. Il manubrio più distante dal piano di seduta (80 mm) rende la posizione di guida più confortevole e naturale, meno caricata sull’anteriore anche se nelle frenate brusche o nelle staccate al limite ci si trova ancora un po’ troppo in avanti. Il motore biclindrico Testastretta 11° di seconda generazione spinge forte, poderoso ai bassi regimi ma con tanta sostanza anche ai medi e agli alti. L’erogazione del motore della Ducati Hypermotard è legata alla scelta del “riding mode” che condiziona anche il modo di intervento di DTC (controllo di trazione) e ABS, comunque entrambi settabili singolarmente. In modalità Urban l’erogazione è progressiva ma la potenza è limitata a 75 CV (contro i 110 disponibili) e l'intervento di DTC e ABS piuttosto invasivi. Passando alla mappa Touring le cose cambiano: i 110 CV disponibili ci sono tutti, l’erogazione è ancora ben gestibile ma il vero carattere della Hypermotard si fa sentire: la risposta dell'acceleratore diventa più diretta e progressiva, nelle marce basse si sente la “cattiveria” del Testastretta e aprendo il gas con decisione l’avantreno tende ad alleggerirsi. L’ABS mantiene lo stesso livello di intervento della mappa Urban mentre il DTC diventa meno invasivo. 

In Sport è cattiva

In mappa Sport la Ducati Hypermotard diventa una motardona per piloti con una certa esperienza, la risposta del Ride by Wire è diretta, l’erogazione progressiva ma decisamente più pronta, ai bassi quasi rabbiosa. Peccato che le condizioni meteo decisamente avverse trovate durante il test su strada (strade umide e sporche) non abbiano permesso di sfruttare appieno la mappa più sportiva. La Ducati Hypermotard in ogni caso è leggera e maneggevole, reattiva nei cambi di direzione e rapida nello scendere in piega, precisa nel mantenere la traiettoria nonostante il baricentro alto, da "vera" supermotard. La frenata è da riferimento: pinze monoblocco, ABS e frizione con sistema antisaltellamento permettono staccate al limite in tutta sicurezza, anche su strade sporche e umide. 
Carta d'identità
Dati tecnici (dichiarati dalla casa)
Motore bicilindrico 4T
Cilindrata (cm3) 821
Raffreddamento a liquido
Alimentazione a iniezione
Cambio a 6 marce
Potenza CV (kW)/giri 110 (80,9)/9250
Freno anteriore a doppio disco
Freno posteriore a disco
Velocità massima (km/h) nd
Dimensioni
Altezza sella (cm) 87
Interasse (cm) 150
Lunghezza (cm) 210
Peso a secco (kg) 175
Pneumatico anteriore 120/70 - 17"
Pneumatico posteriore 180/55 - 17"
Capacità serbatoio (litri) 16
Riserva litri nd

PRIMI CONTATTI CORRELATI
  • 07 Settembre 2019
    Motore rinvigorito, posizione di guida migliorata e una ricca dotazione elettronica per la rinnovata motardona bolognese
  • 28 Marzo 2019
    La nuova Ducati Diavel ha 159 CV, elettronica da SBK e il bicilindrico Testastretta con fasatura variabile. Comoda la posizione di guida, adatta a piloti di tutte le taglie, precisa le tenuta di strada ed elevatissime le prestazioni
  • 01 Marzo 2019
    La "piccola" della famiglia Multistrada ora sfoggia piattaforma inerziale e sospensioni a regolazione elettronica. Su strada è sempre efficace e ben gestibile, grazie al motore che spinge forte e risponde con prontezza al comando del gas, mentre la ruota anteriore da 19 pollici la rende precisa e graduale in ingresso di curva. Migliorata la frenata, sempre buono il comfort

Ducati Hypermotard

  • Prezzo€ 11.690
  • Peso175 Kg
  • Serbatoio16,0 l
  • Altezza sella87 cm
  • Lunghezza0 cm
COMMENTI
Ritratto di topomoto
27 Febbraio 2013 ore 09:40
Certo però che non costa poco...
Ritratto di Alessandro Falla Garetta
28 Febbraio 2013 ore 18:24
Su una moto da bel 11.700 euro chiavi in mano che non ha le sospensioni regolabili a mio avviso è inaccettabile! Bella...ma non vale quello che costa.
Ritratto di monodrone
08 Aprile 2013 ore 09:04
brutta come le Ducati in genere ed è pure inutile.
Vinci EICMA 2019 con inSella.it
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PRIMI CONTATTI PER MARCA
Green Planet
GLI ULTIMI PRIMI CONTATTI