PROVA

Yamaha MT-09 2014

Tante emozioni con poca spesa
La nuova naked-motard di Yamaha ha un motore formidabile e una ciclistica reattiva ma sempre sicura. Il prezzo è molto attraente, ma l’ABS è optional e manca il controllo di trazione
Prezzo: 
€ 7.990
Peso: 
181,0 kg
Potenza: 
104,7 CV
Velocità: 
210,6 km/h
 
  • Comfort: 
    3
  • Posizione di guida: 
    3
  • Tenuta di strada: 
    2
  • Finiture: 
    3
  • Consumo: 
    3
  • Prestazioni: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Cambio: 
    3
  • Freni: 
    3
  • Vano sottosella: 
    1
  • Sospensioni: 
    3
Tante emozioni con poca spesa
Pregi: 
Motore
Incontenibile, spinge fortissimo a tutti i regimi
Agilità
Tra le curve è un fulmine, come anche in città
Frenata
Potente e dosabile. Ben a punto l’ABS (optional)
Difetti: 
Protezione
Si viaggia esposti all’aria, non c’è alcun cupolino
Acceleratore
Marcato effetto on-off, specie in mappatura A
Vibrazioni
Avvertibili sopra i 6000 giri, ma mai fastidiose
La Yamaha MT-09 è una moto difficile da inquadrare in una categoria precisa, perché riunisce doti e caratteristiche delle naked sportive insieme a quelle delle motard “cattive”. Il progetto è stato sviluppato intorno al nuovo motore tre cilindri di 847 cm3 con distribuzione a 4 valvole, albero motore “a croce” (una soluzione ripresa dalle Yamaha da MotoGP), albero di bilanciamento per ridurre le vibrazioni, sistema di gestione elettronica dell’acceleratore e tre mappature selezionabili STD (standard) che va bene un po’ per tutto, A più sportiva e B per i fondi scivolosi. Si tratta di un propulsore riuscito e divertente in ogni situazione, per il quale abbiamo rilevato alla ruota una potenza di 104,7 CV a 8700 giri e una coppia vigorosa a tutti i regimi con un massimo di 86,6 Nm a 8400 giri. Nuovo anche il telaio, una struttura in alluminio pressofuso molto compatta e progettata in modo tale da “centralizzare le masse”. A questo contribuiscono la marmitta sotto il motore e l’ammortizzatore quasi orizzontale, che migliorano l’agilità e la sensazione di controllo della moto. Scarna la dotazione elettronica: a parte acceleratore e mappature motore, c’è solo l’ABS a richiesta (costa 500 euro) ma non il controllo di trazione. Una scelta strana di quest tempi, che ha però permesso di tenere basso il prezzo.
PROVE CORRELATE
  • 14 Settembre 2020
    La media di Iwata è una supersportiva in scala ridotta: precisa in curva e con un allungo entusiasmante. Sa regalare grandi emozioni, ma chiede mani esperte al pilota che la sceglie
  • 10 Agosto 2019
    Con la Niken tra le curve si va alla stessa andatura di una moto “normale” con metà dell’impegno, lo stesso divertimento e il doppio della sicurezza. Comoda e ben costruita, va bene per viaggiare ma ripara poco dall’aria. Prezzo adeguato alle doti tecniche e alla qualità
  • 22 Settembre 2018
    Il motore è brillante, la maneggevolezza buona e la dotazione ricca. Nel sottosella ci stanno due caschi integrali. Sospensioni un po’ rigide in città

Yamaha MT-09

  • Prezzo€ 7.890
  • Peso188 Kg
  • Serbatoio14,0 l
  • Altezza sella82 cm
  • Lunghezza208 cm
COMMENTI
Ritratto di kiddinamite
kiddinamite Yamaha FZ6 Fazer S2 2003-2010
19 Marzo 2014 ore 09:10
che moto....bellissima e a che prezzo!!! complimenti a Yamaha!!
Ritratto di marcogas
22 Agosto 2015 ore 10:18
Bellissima moto, prezzo contenuto, qualità Giapponese. Peccato per l'ABS optional.
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Suzuki GSX-S 750 Yugen Carbon 2019
    La 4 cilindri di Hamamatsu ha muscoli da vendere e li mette in mostra. Generosa ma guidabile, la 750 è una naked sportiva che se la cava bene anche nel traffico. L'elettronica in dotazione è quanto basta, le sospensioni sono abbastanza rigide e il passeggero un po' sacrificato
  • Triumph Speed Twin 2020
    La bicilindrica inglese monta un bicilindrico di cubatura generosa, ma nonostante i 1200cc è potente il giusto e facile da guidare. Interpreta in chiave moderna i classici del settore: telaio doppia culla e due ammortizzatori al posteriore, sella ampia e comoda, anche se non è una moto per viaggiare
  • Benelli 502C 2020
    La cruiser pesarese è gradevole e discreta. Il suo carattere senza eccessi si intuisce già dalle linee moderne senza essere estreme. Il motore ha i cavalli che servono a trarsi d'impaccio in ogni situazione, il motore è gestibile e vibra solamente un po' agli alti regimi