PROVA

Yamaha MT-07 2014

Sopra la "media"
Agile e leggera, la nuova Yamaha ha un motore grintoso, una ciclistica svelta e un prezzo d’attacco. Migliorabile solo la risposta del freno anteriore
Prezzo: 
€ 5.690
Peso: 
179,0 kg
Potenza: 
69,8 CV
Velocità: 
199,4 km/h
 
  • Comfort: 
    3
  • Posizione di guida: 
    3
  • Tenuta di strada: 
    3
  • Finiture: 
    3
  • Consumo: 
    3
  • Prestazioni: 
    3
    Average: 3 (1 vote)
  • Cambio: 
    3
  • Freni: 
    2
  • Vano sottosella: 
    1
  • Sospensioni: 
    2
Su strada
La MT-07 mette il pilota subito a proprio agio, una caratteristica comune anche alle altre naked “economiche ma belle” (ER-6n e Gladius, nelle prossime pagine). In sella alla MT si sta col busto eretto e le gambe correttamente angolate grazie alle pedane ben posizionate. Il motore spinge corposo da subito, con una bella grinta tra i 3.000 e gli 8.000 giri (oltre la spinta diminuisce, meglio passare alla marcia successiva). Agile tra le curve, la Yamaha è divertente sia per i piloti alle prime armi, sia per quelli più smaliziati. L’unico aspetto migliorabile è la frenata: un pizzico di grinta in più all’anteriore non ci dispiacerebbe.

In autostrada
Il pilota non ha alcuna protezione dall’aria, quindi se avete in mente di utilizzare spesso la MT in tangenziale e autostrada, ci vuole almeno un cupolino. Le sospensioni sono ben tarate, anche se ad andature elevate la forcella si rivela un po’ morbida: nulla di fastidioso, è sempre stabile e sicura, solo in staccata la moto “affonda” in avanti. La gommona posteriore invece aiuta nelle curve veloci in appoggio.

In città
Ci si muove bene nel traffico, grazie al raggio di sterzo e al peso molto ridotti. La posizione di guida rialzata permette di avere sempre tutto sotto controllo, mentre le sospensioni non soffrono particolarmente su buche e pavé. Bene il motore, brillante anche ai regimi medio bassi, quelli tipicamente utilizzati nel traffico.  Non ci sono mappature e controlli di trazione, ma sinceramente non ne abbiamo mai avvertito la necessità: potenza ed erogazione non rischiano mai di mettere in difficoltà il pilota. Optional assolutamente raccomandato invece l’ABS: è fondamentale per chi usa la moto tutti i giorni dell’anno nel traffico. 
PROVE CORRELATE
  • 14 Settembre 2020
    La media di Iwata è una supersportiva in scala ridotta: precisa in curva e con un allungo entusiasmante. Sa regalare grandi emozioni, ma chiede mani esperte al pilota che la sceglie
  • 16 Marzo 2020
    Ha un motore da 119 CV e una batteria da 14,4 kWh che garantiscono tanto divertimento e una autonomia paragonabile alle moto a benzina. Ciclistica OK ed elettronica raffinata con MSC Bosch di serie. Finiture discrete, prezzo alto ma non troppo
  • 10 Agosto 2019
    Con la Niken tra le curve si va alla stessa andatura di una moto “normale” con metà dell’impegno, lo stesso divertimento e il doppio della sicurezza. Comoda e ben costruita, va bene per viaggiare ma ripara poco dall’aria. Prezzo adeguato alle doti tecniche e alla qualità

Yamaha MT-07

  • Prezzo€ 5.990
  • Peso166 Kg
  • Serbatoio14,0 l
  • Altezza sella81 cm
  • Lunghezza209 cm
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Kawasaki Ninja 125 2019
    La Ninja 125 è una sportivetta bella, ben rifinita, facile da guidare e parecchio divertente. Noi l'abbiamo messa alla frusta su strada e in pista, ecco come va
  • Moto Morini Milano 2020
    La naked di Moto Morini è ben fatta, piacevole da usare tra le curve e in città. Buone le prestazioni, efficace la frenata
  • Ducati XDiavel S 2016
    Borgo Panigale ha inventato la "cruiser sportiva": una moto divertente, con un motore desmodronico "esagerato" che regala grandi emozioni. Qualità e design sono all'altezza del prestigio del marchio. Ha sospensioni raffinate ma nei lunghi trasferimenti stanca parecchio il pilota