PROVA

Triumph Trident 660 2021

Triumph Trident 660: piccola, bella e facile
Questa bella inglese propone il tradizionale tre cilindri da 660 cm3 di cilindrata: le prestazioni sono di tutto rispetto, l'elettronica è al passo con i tempi e la qualità è di categoria superiore
Prezzo: 
€ 8.295
Cilindrata: 
660,0 cm3
Peso: 
189,0 kg
Potenza: 
74,5 CV
Velocità: 
202,0 km/h
 
  • Comfort: 
    4
  • Posizione di guida: 
    5
  • Tenuta di strada: 
    5
  • Finiture: 
    5
  • Consumo: 
    5
  • Prestazioni: 
    5
    Average: 5 (1 vote)
  • Cambio: 
    5
  • Freni: 
    4
  • Vano sottosella: 
    1
  • Sospensioni: 
    4
Triumph Trident 660: piccola, bella e facile
Pregi: 
Il motore tre cilindri vigoroso e con buon allungo, la dotazione elettronica completa, la qualità costruttiva di categoria superiore
Difetti: 
La taratura rigida del mono posteriore, il passeggero ha poco spazio e il codone è senza appigli, il vano sottosella è inesistente
Il motore della Trident deriva da quello della Street Triple S, ma il tre cilindri da 660 cm3 è stato modificato in tutti i principali organi per avere più spinta ai regimi medio-bassi. Il telaio perimetrale e il forcellone sono in acciaio, con forcella a steli rovesciati da 41 mm (non regolabile) e monoammortizzatore -regolabile nel precarico- entrambi Showa. La linea della classica inglese in realtà è frutto della matita italianissima di Rodolfo Frascoli: il risultato è una moto dalle linee eleganti e moderne, senza “nostalgie” retrò.
Curati e di buona qualità i blocchetti dei comandi al manubrio: su quello di sinistra ci sono quattro tasti che permettono di navigare nei menu del display TFT. Quest'ultimo è a colori è compatibile con il sistema My Triumph Connectivity System che permette di connetterlo via Bluetooth allo smartphone. La tre cilindri inglese è l’unica tra le nude medie a sfoggiare due mappe motore e il controllo di trazione disinseribile, una varietà di scelta da categoria superiore, così come le finiture.
L’impianto frenante (tutto Nissin) può contare su un doppio disco anteriore da 310 mm, con pinze a doppio pistoncino e un disco posteriore da 255 mm. L’ingombrante terminale di scarico si trova sotto al motore, una soluzione ormai adottata da molte moto stradali per abbassare il baricentro. Lo spazio sottosella della Trident 660 invece è interamente occupato dalla batteria e dai cablaggi elettronici: non ci stanno nemmeno i documenti. ln compenso il portatarga e il piccolo parafango montati a filo di ruota mantengono pulita la moto e il passeggero non si inzacchera in caso di pioggia. A proposito del passeggero: il secondo viaggia un po’ sacrificato: la sua porzione di sella è piccola e non ci sono maniglie alle quali ancorarsi. Le pedane invece sono in posizione quasi perfetta.
 
PROVE CORRELATE
  • 26 Maggio 2021
    L'inglese è una endurona da usare in città, nei lunghi trasferimenti e anche quando finisce l'asfalto. Elettronica e dotazione di serie sono al top, l'aumento di cilindrata rispetto alla vecchia 800 migliora decisamente le prestazioni 
  • 13 Gennaio 2021
    La bicilindrica inglese è la perfetta incarnazione dello stile modern classic: il suo motore spinge a sufficienza per divertirsi, le linee non passano mai di moda e il parafango alto dona alla 900 un look aggressivo. Se lo stile è retrò, la dotazione elettronica è al passo con i tempi e offre grande sicurezza
  • 13 Dicembre 2020
    Esagerata fin dalle linee, la Rocket 3R è una moto che stupisce da fuori, ma ha anche tanta sostanza. Il tre cilindri da 2,5 litri è un missile da 142 cavalli, la dotazione tecnica ha tutto quello che serve per tenere sotto controllo una potenza e una coppia da supersportiva. L'aspetto non deve ingannare: la Triumph è sufficientemente agile nonostante dimensioni non proprio compatte

Triumph Trident

  • Prezzo€ 8.295
  • Peso189 Kg
  • Serbatoio14,0 l
  • Altezza sella81 cm
  • Lunghezza0 cm
PROVE PER MARCA
LE ULTIME PROVE
  • Ducati Streetfighter V2
    È il massimo come prestazioni e piacere di guida su strada, uniti a una linea elegante e aggressiva. Il tutto condito da un'elettronica sofisticata e dal sound unico del V2 desmo, una moto che non scende a compromessi
  • BMW S 1000 R 2022
    La bavarese mostra i muscoli, promette divertimento ma non è una moto estrema. Il motore è potente ma gestibile, la naked tedesca offre sempre un comportamento sincero. Attenzione agli optional: alcuni sono irrinunciabili e fanno lievitare sensibilmente il prezzo
  • Yamaha Ténéré 700 2022
    La bicilindrica di Yamaha si è fatta apprezzare per il motore sfruttabile senza eccessi, il peso contenuto e la linea sempre attuale. È facile da guidare, ci si può fare tutto e costa il giusto
Eicma 2022
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
Green Planet