PROVA

Triumph Tiger 800 XRx 2015

Triumph Tiger 800: divertente e ben dotata
La crossover inglese ha un gran motore e sfoggia doti stradali da naked sportiva. Ricca la dotazione elettronica, buona qualità generale, prezzo corretto
Prezzo: 
€ 11.490
Peso: 
213,0 kg
Potenza: 
86,5 CV
Velocità: 
200,5 km/h
 
  • Comfort: 
    4
  • Posizione di guida: 
    4
  • Tenuta di strada: 
    5
  • Finiture: 
    4
  • Consumo: 
    4
  • Prestazioni: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Cambio: 
    4
  • Freni: 
    4
  • Vano sottosella: 
    4
  • Sospensioni: 
    4
Triumph Tiger 800: divertente e ben dotata
Pregi: 
Pregi 
Il motore vigoroso, sempre pronto a qualunque regime, l’agilità degna di una naked, l’equilibrio generale e la dotazione completa. 
Difetti: 
Difetti
l’elettronica è di buon livello, ma complicata da usare; le pedane del pilota sono troppo centrali e toccano presto.
Cresce e si rinnova la famiglia della Tiger 800: per il 2015 infatti Triumph propone due versioni e ben cinque allestimenti. Come per la prima generazione (presentata nel 2010) anche la nuova Tiger 800 è disponibile in due versioni: XR più “stradale” con ruota davanti da 19 pollici, e XC, adatta anche al fuoristrada leggero,  con cerchio anteriore da 21” e sospensioni a lunga escursione. Ciascuna delle versioni si articola in vari allestimenti: alle versioni “base” XR  e XC si affiancano rispettivamente la XRx e le XCx e XCA, con dotazioni elettroniche e di accessori di alto livello. Per la nostra prova abbiamo scelto la XRx, che secondo noi è una vera “moto totale” ed è praticamente full optional. Oltre all’acceleratore ride-by-wire, all’ABS e al controllo di trazione (Triumph Traction Control) che sono standard anche nelle versioni base, la XRx offre di serie quattro mappature del motore (rain, road, sport e offroad) e tre “riding mode” (Road, Off Road e Rider, programmabile dal pilota) che “accordano” tra loro le risposte dei vari sistemi elettronici. Di serie anche il cruise control, comodo nei lunghi viaggi. Il motore è sempre il valido tre cilindri in linea di 799 cm3 da 86,5 CV (rilevati alla ruota) con raffreddamento a liquido, 4 valvole per cilindro e doppio albero a camme in testa. In questa versione 2015 però il tre cilindri inglese appare meno rumoroso e soprattutto meno assetato: dai nostri rilevamenti emerge che l’autonomia ad andatura autostradale passa dai 312 km della versione precedente a ben 368 con un pieno del serbatoio da 19 litri. Una serie di piccole modifiche estetiche ha invece migliorato il comfort in generale (riducendo il calore trasmesso al pilota) e la protezione dall’aria. Vediamo in dettaglio cosa è emerso dalla prova e dai rilevamenti strumentali.
PROVE CORRELATE
  • 13 Gennaio 2021
    La bicilindrica inglese è la perfetta incarnazione dello stile modern classic: il suo motore spinge a sufficienza per divertirsi, le linee non passano mai di moda e il parafango alto dona alla 900 un look aggressivo. Se lo stile è retrò, la dotazione elettronica è al passo con i tempi e offre grande sicurezza
  • 13 Dicembre 2020
    Esagerata fin dalle linee, la Rocket 3R è una moto che stupisce da fuori, ma ha anche tanta sostanza. Il tre cilindri da 2,5 litri è un missile da 142 cavalli, la dotazione tecnica ha tutto quello che serve per tenere sotto controllo una potenza e una coppia da supersportiva. L'aspetto non deve ingannare: la Triumph è sufficientemente agile nonostante dimensioni non proprio compatte
  • 12 Ottobre 2020
    La bicilindrica inglese monta un bicilindrico di cubatura generosa, ma nonostante i 1200cc è potente il giusto e facile da guidare. Interpreta in chiave moderna i classici del settore: telaio doppia culla e due ammortizzatori al posteriore, sella ampia e comoda, anche se non è una moto per viaggiare

Triumph Tiger

  • Prezzo€ 11.490
  • Peso216 Kg
  • Serbatoio19,0 l
  • Altezza sella81 cm
  • Lunghezza222 cm
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Kawasaki W800 2020
    Elegante e sempre attuale, la classica di Akashi è una moto facile e appagante senza essere impegnativa. La media giapponese si guida con la patente A2, è perfetta in città, ma il motore è sufficientemente corposo per portare a spasso anche un passeggero per qualche gita fuori porta
  • Fantic Motor Caballero 500 Rally 2021
    Il nome riporta alle origini delle scrambler, ma la monocilindrica veneta è una moto moderna, divertente e facile da guidare. Il prezzo è corretto e l'allestimento strizza l'occhio a chi vuole sporcare le ruote su qualche strada bianca
  • BMW Serie F R/GT F 900 R 2021
    La media bavarese monta un bicilindrico frontemarcia, ha finiture curate e una dotazione tecnologica all'avanguardia. Chi la compra è al riparo da sorpese non gradite, ma il prezzo non è proprio d'attacco considerando gli optional "obbligatori"