PROVA

Triumph Rocket III

Triumph Rocket 3R: un razzo inglese a tre cilindri
Esagerata fin dalle linee, la Rocket 3R è una moto che stupisce da fuori, ma ha anche tanta sostanza. Il tre cilindri da 2,5 litri è un missile da 142 cavalli, la dotazione tecnica ha tutto quello che serve per tenere sotto controllo una potenza e una coppia da supersportiva. L'aspetto non deve ingannare: la Triumph è sufficientemente agile nonostante dimensioni non proprio compatte
Prezzo: 
€ 22.500
Cilindrata: 
2,5 cm3
Peso: 
291,0 kg
Potenza: 
167,0 CV
Velocità: 
224,3 km/h
 
  • Comfort: 
    3
  • Posizione di guida: 
    4
  • Tenuta di strada: 
    5
  • Finiture: 
    5
  • Consumo: 
    3
  • Prestazioni: 
    5
    Average: 5 (1 vote)
  • Cambio: 
    5
  • Freni: 
    5
  • Vano sottosella: 
    3
  • Sospensioni: 
    5
Triumph Rocket 3R:  un razzo inglese a tre cilindri
Pregi: 
L’erogazione vigorosa e progressiva del motore a tutti i regimi, la sicurezza trasmessa tra le curve, le finiture, la dotazione di serie.
Difetti: 
Le sospensioni troppo rigide, la mancanza di appigli e la sella del passeggero stretta, la visuale degli specchietti.
Bassa, lunga e cattiva: la Rocket sembra un missile fin dal primo sguardo e d'altronde serviva spazio per ospitare il mostruoso motore da 2,5 litri nel telaio. La 3 R monta l'ultima evoluzione del tre cilindri longitudinale Triumph cresciuto a ben 2.458 cm3. Un propulsore vigorosissimo, perfetto anche per viaggiare con passeggero e bagagli: non a caso la Rocket 3 R è disponibile anche in versione GT con parabrezza, pedane avanzate e schienale per il passeggero. Grazie al motore longitudinale, la Rocket 3 R ha una sagoma "muscolosa" ma abbastanza snella. Tornano i fari "gemellati" come la prima Rocket, ma ora sono più piccoli e "full led". C'è anche la funzione di attivazione automatica dell'abbagliante. La coda della Rocket ricorda invece quella della "sorella" Speed Triple 1050 e lascia in piena vista la gomma posteriore da ben 240 mm di sezione. I terminali di scarico sono due a destra e uno a sinistra. Sotto il sellino del passeggero si nasconde un vano dove conservare i documenti, un bloccadisco o un antipioggia. I dettagli sono curati: entrambe le leve al manubrio sono regolabili nella distanza. Il comando del freno anteriore offre un'ottima modulabilità.
PROVE CORRELATE
  • 13 Gennaio 2021
    La bicilindrica inglese è la perfetta incarnazione dello stile modern classic: il suo motore spinge a sufficienza per divertirsi, le linee non passano mai di moda e il parafango alto dona alla 900 un look aggressivo. Se lo stile è retrò, la dotazione elettronica è al passo con i tempi e offre grande sicurezza
  • 12 Ottobre 2020
    La bicilindrica inglese monta un bicilindrico di cubatura generosa, ma nonostante i 1200cc è potente il giusto e facile da guidare. Interpreta in chiave moderna i classici del settore: telaio doppia culla e due ammortizzatori al posteriore, sella ampia e comoda, anche se non è una moto per viaggiare
  • 14 Novembre 2018
    Costruita con cura, sfoggia una linea ispirata alla prima Bonneville del 1959, ma tecnica e dotazioni sono di ultima generazione. Comoda, facile e divertente, va bene per esperti e neofiti. Prezzo OK  

Triumph Rocket III

  • Prezzoda € 16.940
  • Peso0 Kg
  • Serbatoio0,0 l
  • Altezza sella0 cm
  • Lunghezza0 cm
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • KTM 890 Adventure 2021
    Sin dai primi metri su strada si apprezza la grande agilità ed efficacia della 890 Adventure, merito del peso ridotto e dei fianchi strettissimi per via del serbatoio collocato tutto in basso per abbassare il baricentro. Sugli sterrati poi tira fuori la sua anima KTM e si dimostra efficace in tutte le situazioni
  • Honda Africa Twin CRF 1100 L Urban 2020
    La bicilindrica di Tokyo cresce nella cilindrata, ma non nelle dimensioni e nel peso. È più potente e con l'allestimento Urban è perfetta nell'uso quotidiano, eppure non disdegna lo sterrato.Elettronica e dotazione di serie sono al top
  • KTM Duke 890 R 2020
    La naked di Mattighofen non tradisce la sua essenza, anche nella cilindrata media: una moto sportiva senza carene, agile nel misto e tecnologicamente avanzata. Il motore si fa sentire, la dotazione di elettronica è ottima e la ciclistica da "vera" KTM