PROVA

Suzuki GSX-R 750 2011

La prima "settemmezzo"
Per un lungo periodo è stata l'unica esponente della categoria delle settemmezzo sportive. La GSX-R 750 ha un motore potente, agilità da 600 ed è brillante sia su pista, sia su strada
Prezzo: 
€ 12.900
Peso: 
177,5 kg
Potenza: 
131,6 CV
Velocità: 
266,5 km/h
 
  • Comfort: 
    3
  • Posizione di guida: 
    3
  • Tenuta di strada: 
    4
  • Finiture: 
    3
  • Consumo: 
    3
  • Prestazioni: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Cambio: 
    4
  • Freni: 
    3
  • Vano sottosella: 
    1
  • Sospensioni: 
    3
La prima "settemmezzo"
Pregi: 
Motore
Potente e trattabile, ora ha due mappature selezionabili
Guida
Dà subito confidenza e non è mai troppo rigida
Frenata
Tra le migliori del gruppo, peccato non ci sia l’ABS
Difetti: 
Elettronica
A parte le due mappature, non c’è altro
Linea
Inizia a risentire dell’anzianità del progetto
Posizione passeggero
Scomoda
 
Ormai le 1000 sportive hanno potenze vicine a 200 CV che anche con l’aiuto dell’elettronica sono impegnativi da gestire. Ma le 600, “soffocate” dalla Euro 3, non convincono più come un tempo. Ecco perché la versione 2011 della Suzuki GSX-R 750 ci è piaciuta, forse ancora più delle precedenti: cattiva quanto serve, efficace più di prima ma non troppo impegnativa nelle prestazioni e nel prezzo. La linea cambia poco, ma sotto la carena ci sono parecchie novità. Il telaio a doppio trave in alluminio è stato ridisegnato, l’interasse ridotto di 1,5 cm e l’impianto di scarico alleggerito di oltre 1 kg. Più leggeri anche i cerchi e molte parti interne del motore: il peso in ordine di marcia scende a soli 190 kg (8 kg in meno rispetto al vecchio modello, secondo Suzuki). La GSX-R non ha molta elettronica: c’è solo la centralina con due mappature selezionabili (A per la piena potenza e B per potenza limitata a 100 CV), mentre il sistema di iniezione è il solito Suzuki a doppia valvola (una comandata dal pilota e l’altra gestita dalla centralina). Di qualità la dotazione: forcella “big piston”, pinze anteriori monoblocco ad attacco radiale, dischi da 310 mm e frizione antisaltellamento. 
PROVE CORRELATE
  • 30 Novembre 2021
    La quattro cilindri di Hamamatsu è tutta nuova, nella sostanza e nell’aspetto. Presenta linee spigolose da streetfighter “futuristica”, ma ha potenza da vendere anche per le scappate fuori porta. Il prezzo è corretto, anche se l'equipaggiamento è leggermente migliorabile
  • 14 Novembre 2020
    La 4 cilindri di Hamamatsu ha muscoli da vendere e li mette in mostra. Generosa ma guidabile, la 750 è una naked sportiva che se la cava bene anche nel traffico. L'elettronica in dotazione è quanto basta, le sospensioni sono abbastanza rigide e il passeggero un po' sacrificato
  • 16 Agosto 2018
    Potentissima ma equilibrata, l’attuale versione della GSX-R 1000 è una delle migliori SBK stradali sul mercato. Ed è offerta a un prezzo concorrenziale 

Suzuki GSX-R

  • Prezzo€ 12.900
  • Peso265 Kg
  • Serbatoio17,0 l
  • Altezza sella81 cm
  • Lunghezza203 cm
PROVE PER MARCA
LE ULTIME PROVE
  • Honda NT1100 2022
    La nuova Honda NT 1100 offre una grande facilità di guida nonostante il peso importante, un prezzo corretto e un comfort degno di una ammiraglia: è una moto versatile, da usare tutti i giorni o per un viaggio in due. Buoni i consumi e ottimo il cambio DCT
  • Honda CB F CB 500 F 2022
    Honda ha dato una rinfrescata anche la versione “nuda” della famiglia CB 500. Poche le novità estetiche, molte invece quelle tecniche a partire dalla forcella Showa, gli aggiornamenti hanno coinvolto molti dettagli di questa piccola naked migliorandone la resa su strada. Ecco come è fatta e come va
  • Yamaha Ténéré 700 2022
    La bicilindrica di Yamaha si è fatta apprezzare per il motore sfruttabile senza eccessi, il peso contenuto e la linea sempre attuale. È facile da guidare, ci si può fare tutto e costa il giusto
Eicma 2021
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
Green Planet