PROVA

Kawasaki W800 2020

Kawasaki W 800: i classici non passano mai di moda
Elegante e sempre attuale, la classica di Akashi è una moto facile e appagante senza essere impegnativa. La media giapponese si guida con la patente A2, è perfetta in città, ma il motore è sufficientemente corposo per portare a spasso anche un passeggero per qualche gita fuori porta
Prezzo: 
€ 10.040
Cilindrata: 
773,0 cm3
Peso: 
221,0 kg
Potenza: 
44,0 CV
Velocità: 
171,3 km/h
 
  • Comfort: 
    5
  • Posizione di guida: 
    4
  • Tenuta di strada: 
    4
  • Finiture: 
    4
  • Consumo: 
    3
  • Prestazioni: 
    5
    Average: 5 (1 vote)
  • Cambio: 
    4
  • Freni: 
    3
  • Vano sottosella: 
    1
  • Sospensioni: 
    4
Kawasaki W 800: i classici non passano mai di moda
Pregi: 
La W 800 è sicuramente una delle moto più eleganti e “vintage” della categoria. Comoda la posizione in sella e ottimo il motore ai bassi regimi
Difetti: 
C’è qualche vibrazione di troppo su manopole e pedane, mentre i blocchetti a manubrio hanno un aspetto economico
La W800 è la versione top delle Kawasaki retrò e affianca le “sportive” Cafè e Street. La linea non riserva sorprese, è armoniosa e gradevole nel complesso come nei dettagli. La W800 sfoggia eleganti (e silenziosissimi) terminali di scarico a bottiglia come quelli degli anni '60 e un classico faro tondo, ma con luce a led: è bello da vedere ma soprattutto utile, perché garantisce una buona visibilità nella guida notturna. Sono questi piccoli interventi a rendere la Kawasaki al passo con i tempi senza snaturarne l'essenza. Il cruscotto è super tradizionale, sfoggia strumenti tondi su fondo nero chiaro e leggibile. Nel tachimetro però c’è un mini-display per altre info. 
Il bicilindrico da 48 CV raffreddato ad aria sfoggia la distribuzione ad alberello e coppia conica (è l’unica nella produzione attuale), le sospensioni invece vedono al lavoro una forcella telescopica, più una coppia di ammortizzatori regolabili nel precarico su cinque posizioni. Le finiture nel complesso sono molto buone: cromature, verniciature e montaggio sono perfetti. Peccato solo per i blocchetti al manubrio, di aspetto piuttosto economico.
PROVE CORRELATE
  • 30 Agosto 2021
    La "verdona" è una Ninja a tutti gli effetti, ma strizza l'occhio a chi cerca una moto da usare anche per qualche gita senza stancarsi troppo, e all'occorrenza guidabile pure in città. La dotazione di serie ne fa una moto moderna, che "aiuta" il pilota a non andare mai in difficoltà
  • 14 Settembre 2020
    La categoria delle "medie" non fa più tendenza come in passato, ma la moto di Akashi ha più di un buon motivo per andare controcorrente: divertente da guidare, è la compagna perfetta per chi non vuole finire in soggezione con mezzi troppo sportivi
  • 01 Settembre 2020
    La Ninja 125 è una sportivetta bella, ben rifinita, facile da guidare e parecchio divertente. Noi l'abbiamo messa alla frusta su strada e in pista, ecco come va

Kawasaki W800

  • Prezzo€ 10.040
  • Peso221 Kg
  • Serbatoio15,0 l
  • Altezza sella79 cm
  • Lunghezza219 cm
Eicma 2021
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Kawasaki Ninja 1000 SX 2021
    La "verdona" è una Ninja a tutti gli effetti, ma strizza l'occhio a chi cerca una moto da usare anche per qualche gita senza stancarsi troppo, e all'occorrenza guidabile pure in città. La dotazione di serie ne fa una moto moderna, che "aiuta" il pilota a non andare mai in difficoltà
  • BMW R 18 2021
    Forme classicissime, cura tedesca dei dettagli e l'elettronica non è un tabù: la cruiser della casa tedesca è un mix di moderno e tradizione, una moto con una spiccata personalità, equipaggiata con un possente bicilindrico boxer
  • BMW R nineT Pure 2021
    La stradale tedesca è immediatamente riconoscibile alla prima occhiata, il boxer è garanzia di una guida sempre piacevole e la dotazione è quella "di sostanza" tipica delle moto bavaresi. Chi prende una R Nine T lo fa a ragion veduta... Ma anche il prezzo è da BMW