PROVA

Kawasaki ER 6N 2012

Adesso è sopra la “media”
La ER-6n è stata rinnovata a fondo nell’aspetto e nella sostanza. Resta una moto adatta ai principianti, ma in mani esperte sfodera doti da sportiva. Solo il prezzo non cambia
Prezzo: 
€ 6.450
Cilindrata: 
649,0 cm3
Peso: 
194,0 kg
Potenza: 
65,5 CV
Velocità: 
197,3 km/h
 
  • Comfort: 
    3
  • Posizione di guida: 
    3
  • Tenuta di strada: 
    3
  • Finiture: 
    3
  • Consumo: 
    3
  • Prestazioni: 
    3
    Average: 3 (1 vote)
  • Cambio: 
    3
  • Freni: 
    3
  • Vano sottosella: 
    1
  • Sospensioni: 
    3
Adesso è sopra la “media”
Pregi: 
Qualità
La ER-6n è costruita come si deve e senza risparmio
Guidabilità
In mani esperte nel misto se la gioca con le sportive
Motore
Vigoroso ai bassi e medi regimi, allunga bene in alto
Difetti: 
Sottosella
È piccolo, ci stanno solo i documenti della moto
Protezione dall’aria
Il cupolino di serie serve davvero a poco
Vibrazioni
Avvertibili oltre i 6.000 giri su manubrio e pedane
Quando fu presentata alla fine del 2005, la ER-6n rappresentava la Kawasaki “facile” per chi cercava una prima moto economica ma con un marchio importante e linee personali. Oggi la casa di Akashi volta pagina: la versione 2012 della ER-6n rimane un’ottima prima moto per chi ha poca esperienza, ma va benissimo anche per l’utenza più esperta che cerca una naked sportiva ma non vuole spendere troppi soldi. Lo si vede già dall’aspetto più “cattivo”, quasi da streetfighter con il cupolino aggressivo, il serbatoio a gobba e il codino corto e rialzato. Ma è nella ciclistica e nel motore che troviamo le maggiori novità. Il bicilindrico frontemarcia di 649 cm3  è stato rivisto nelle mappature, nell’aspirazione e nel sistema di scarico (ora più voluminoso) per guadagnare più grinta ai bassi e medi regimi. Nuovi il telaio perimetrale in tubi in acciaio, l’inedito forcellone “a banana” e modificate anche le sospensioni, sia nell’idraulica sia nell’escursione (maggiorata di 5 mm all’anteriore e di 2 mm al posteriore). Per migliorare il comfort arriva una nuova sella, più imbottita e più snella nella zona di passaggio delle gambe, per aiutare anche chi è di gamba corta ad appoggiare i piedi a terra. L’unica cosa che non è cambiata è il prezzo. La ER-6n “normale” costa 6.450 euro, la versione con ABS 7.050 euro: sono 600 euro in più, ma ben spesi. Da tenere d’occhio anche eventuali promozioni di lancio.

PROVE CORRELATE
  • 14 Settembre 2020
    La categoria delle "medie" non fa più tendenza come in passato, ma la moto di Akashi ha più di un buon motivo per andare controcorrente: divertente da guidare, è la compagna perfetta per chi non vuole finire in soggezione con mezzi troppo sportivi
  • 01 Settembre 2020
    La Ninja 125 è una sportivetta bella, ben rifinita, facile da guidare e parecchio divertente. Noi l'abbiamo messa alla frusta su strada e in pista, ecco come va
  • 16 Marzo 2020
    Ha un motore da 119 CV e una batteria da 14,4 kWh che garantiscono tanto divertimento e una autonomia paragonabile alle moto a benzina. Ciclistica OK ed elettronica raffinata con MSC Bosch di serie. Finiture discrete, prezzo alto ma non troppo

Kawasaki ER

  • Prezzo€ 6.450
  • Peso200 Kg
  • Serbatoio15,5 l
  • Altezza sella79 cm
  • Lunghezza210 cm
COMMENTI
Ritratto di NURS
24 Febbraio 2012 ore 12:21
Nella tabella in alto è stata inserita una cilindrata sbagliata.
Ritratto di Rock
24 Febbraio 2012 ore 14:04
Con una guida accorta si sta sui 13 Km/l ???? Forse intendevate dire 23 Km/l, se non fosse cosi questa piccola consumerebbe come moto di cilindrata doppia...almeno!!
Ritratto di Rock
24 Febbraio 2012 ore 14:19
20 Km/l in extraurbano ci stanno benissimo, ma 13,8 Km/l in autostrada per una motina come questa sono un esagerazione, spero fosse solo perchè il modello in questione non era ancora rodato per bene, perchè la sorella Kawa z750, con un 750cc da 106 cv e un peso di ben 229 Kg in ordine di marcia( più grossa e più pesante della er6) fa 16,4 Km/l
Ritratto di w.cat
04 Marzo 2012 ore 10:36
sarà pure migliorata,ma resta sempre la bruttacopia della benelli tnt.saluti
Ritratto di zoffi gabriele
04 Marzo 2012 ore 12:23
caro w.cat devi proprio spiegarmi dove vedi la somiglianza fra queste due moto la benelli ha lo scarico sotto la sella la kawa no la benelli e un 1130 o 899 di cilindrata e comunque resta una moto derivata da una sportiva cosa che non si puo dire per la kawa a mio parere non si somigliano per niente neanche sforzandosi
Ritratto di zoffi gabriele
04 Marzo 2012 ore 12:23
caro w.cat devi proprio spiegarmi dove vedi la somiglianza fra queste due moto la benelli ha lo scarico sotto la sella la kawa no la benelli e un 1130 o 899 di cilindrata e comunque resta una moto derivata da una sportiva cosa che non si puo dire per la kawa a mio parere non si somigliano per niente neanche sforzandosi
Ritratto di w.cat
05 Marzo 2012 ore 09:10
così a colpo d'occhio, ma solo li, perchè poi la benelli è una moto,con componentistica di prima qualità,con un motore molto potente ,una naked seria ,che solo a sentire il suono del suo motore ti da adrenalina .la gialla li sopra ,(copiaticcia come la precedente versione )mi stimola altre sensazioni,sempre diciamo piacevoli ,ma più fisiologiche.ciao
Ritratto di Lorenzo Simoni
26 Aprile 2012 ore 17:23
Non mi sembra male come prima moto,buoni i consumi.
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Kawasaki Ninja 125 2019
    La Ninja 125 è una sportivetta bella, ben rifinita, facile da guidare e parecchio divertente. Noi l'abbiamo messa alla frusta su strada e in pista, ecco come va
  • Ducati XDiavel S 2016
    Borgo Panigale ha inventato la "cruiser sportiva": una moto divertente, con un motore desmodronico "esagerato" che regala grandi emozioni. Qualità e design sono all'altezza del prestigio del marchio. Ha sospensioni raffinate ma nei lunghi trasferimenti stanca parecchio il pilota
  • Zontes ZT 310-V 2019
    Zontes è un marchio del gruppo cinese Tayo Motorcycle, da poco presente in Italia. La ZT 310-V rappresenta una entry level nel settore crusiser: monta un monocilindrico di 312 cm3, il telaio è a traliccio e al posteriore monta due ammortizzatori posteriori. Il design moderno, un prezzo contenuto e la facilità di utilizzo sono i suoi punti di forza