PROVA

Honda NM4 Vultus DCT 2014

Honda NM4 Vultus, astronave da passeggio
Sembra uscita da un cartone animato giapponese, in realtà è una insolita custom carenata con meccanica e ciclistica della famiglia NC 750
e il cambio DCT. è comoda e pratica, ma costa molto
Prezzo: 
€ 11.600
Peso: 
239,0 kg
Potenza: 
50,1 CV
Velocità: 
186,8 km/h
 
  • Comfort: 
    3
  • Posizione di guida: 
    4
  • Tenuta di strada: 
    4
  • Finiture: 
    4
  • Consumo: 
    5
  • Prestazioni: 
    3
    Average: 3 (1 vote)
  • Cambio: 
    5
  • Freni: 
    4
  • Vano sottosella: 
    3
  • Sospensioni: 
    4
Honda NM4 Vultus, astronave da passeggio
Pregi: 
Il cambio DCT è un piacere da usare, soprattutto in città. Le dimensioni ridotte la rendono adatta a chi è di corporatura minuta
Difetti: 
 la posizione di guida va bene per chi non supera 1,70 metri, chi è più alto sta rattrappito. Le sospensioni sono economiche. Il passeggero è poco gradito
Bella? Brutta? Ditelo voi, è questione di gusti. Di sicuro con la Honda Vultus non si passa mai inosservati: a noi è capitato a un semaforo di sentirci dire “Bella moto” da Lapo Elkann sulla sua Fiat 500 Abarth turchese! I progettisti (tutti giovani cresciuti a pane e Mazinga robot) hanno avuto in effetti l’incarico di realizzare qualcosa di “estremo” sulla base delle bicilindriche NC (moto ottime, certo, ma poco emozionanti). Il risultato è una custom carenata bassa e lunga, con  il pilota seduto rasoterra e un frontale caratterizzato da due grandi orecchie da pipistrello e linee spigolose protese in avanti.
Fuori speciale, dentro (Quasi) normale
Sotto gli spigoli, come dicevamo, ci sono la ciclistica e il motore di NC e Integra 750. Il telaio è lo stesso “a diamante” in tubi d’acciaio, accoppiato ad un forcellone bibraccio in alluminio. Sulla Vultus però il cannotto di sterzo è più “aperto”, come in tutte le custom, e la ruota davanti è da 18” pollici invece che da 17” come quelle delle NC. Il propulsore è il conosciuto bicilindrico frontemarcia di 745 cm3, raffreddato a liquido e accreditato di 55 CV. Sulla Vultus è disponibile solo accoppiato al cambio DCT a doppia frizione, utilizzabile in due modalità automatiche (Normale e Sport) nonché in manuale, con la trasmissione finale a catena. Il reparto sospensioni è semplice ed efficace: una forcella da 43 mm e un mono posteriore con sistema progressivo, entrambi non regolabili. Altrettanto semplice e valido l’impianto frenante: un disco singolo anteriore da 320 mm con profilo a margherita e uno posteriore da 240 mm; l’ABS a due canali è di serie.
PROVE CORRELATE
  • 16 Luglio 2021
    La Casa giapponese ha rinnovato lo scorso anno il proprio cavallo di battaglia tra gli scooter a ruote alte: agile come una bicicletta e facile da guidare, l'SH monta il parabrezza e ha prestazioni più che sufficienti a districarsi con successo in ogni situazione
  • 18 Marzo 2021
    La bicilindrica di Tokyo cresce nella cilindrata, ma non nelle dimensioni e nel peso. È più potente e con l'allestimento Urban è perfetta nell'uso quotidiano, eppure non disdegna lo sterrato.Elettronica e dotazione di serie sono al top
  • 19 Gennaio 2021
    Nuove linee e nuove doti per l’SH 125. Ha più spazio sottosella, il motore Euro 5 consuma pochissimo e le finiture sono curate. Non costa poco, ma ha l’ABS e il controllo di trazione di serie

Honda NM4 Vultus

  • Prezzo€ 11.600
  • Peso245 Kg
  • Serbatoio11,6 l
  • Altezza sella65 cm
  • Lunghezza238 cm
Eicma 2021
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Kawasaki Ninja 1000 SX 2021
    La "verdona" è una Ninja a tutti gli effetti, ma strizza l'occhio a chi cerca una moto da usare anche per qualche gita senza stancarsi troppo, e all'occorrenza guidabile pure in città. La dotazione di serie ne fa una moto moderna, che "aiuta" il pilota a non andare mai in difficoltà
  • BMW R 18 2021
    Forme classicissime, cura tedesca dei dettagli e l'elettronica non è un tabù: la cruiser della casa tedesca è un mix di moderno e tradizione, una moto con una spiccata personalità, equipaggiata con un possente bicilindrico boxer
  • BMW R nineT Pure 2021
    La stradale tedesca è immediatamente riconoscibile alla prima occhiata, il boxer è garanzia di una guida sempre piacevole e la dotazione è quella "di sostanza" tipica delle moto bavaresi. Chi prende una R Nine T lo fa a ragion veduta... Ma anche il prezzo è da BMW