PROVA

Honda Integra 750 DCT 2014

Integra 750: più efficace e più comodo
Lo scooter-moto di Honda in versione 750 va ancora meglio del 700 (già valido)  e costa meno dei concorrenti. Scarsa capacità di carico 
Prezzo: 
€ 9.190
Peso: 
234,5 kg
Potenza: 
50,1 CV
Velocità: 
176,0 km/h
 
  • Comfort: 
    3
  • Posizione di guida: 
    3
  • Tenuta di strada: 
    3
  • Finiture: 
    3
  • Consumo: 
    4
  • Prestazioni: 
    3
    Average: 3 (1 vote)
  • Cambio: 
    4
  • Freni: 
    3
  • Vano sottosella: 
    2
  • Sospensioni: 
    3
Integra 750: più efficace e più comodo
Pregi: 
Consumi
Beve pochissimo in tutte le situazioni, anche in città
Cambio
Preciso e divertente, non sbaglia un colpo
Comfort
Da vero maxiscooter, comodo e protettivo
Difetti: 
Capacità di carico
Ridotta, non c’è spazio sulla pedana e il vano sottosella è piccolo. Il bauletto è d’obbligo
Cavalletto centrale
C’è, ma è molto scomodo da azionare
Dalla scorsa primavera la Honda propone l’Integra con il nuovo motore da 750 cm3 (come gli altri modelli della famiglia NC) e una serie di azzeccati interventi che hanno eliminato i difetti dello scooter-moto, migliorando il comfort e la praticità d’uso. La scarsa abitabilità che lamentava chi era più alto di 180 cm è stata corretta dai tecnici Honda ridisegnando scudo e retroscudo: si sono così ricavati ben 8 cm di spazio in lunghezza, a tutto vantaggio delle ginocchia del pilota. La posizione di guida migliora grazie al nuovo disegno della sella, che è anche più stretta di 4 cm e permette di appoggiare i piedi a terra con maggiore facilità. Rivisto anche il forcellone, più leggero di 2 kg.
Più potente, ma consuma meno
Anche il nuovo motore 750 offre prestazioni migliori del vecchio 700: la potenza rilevata è di 50,1 CV e la coppia rilevata di 63,8 Nm (45,1 CV e 56,9 Nm erano i valori rilevati del vecchio 700). I consumi però sono più bassi e ci sono meno vibrazioni agli alti regimi, grazie al secondo contralbero di bilanciamento. L’ottimo cambio a doppia frizione DCT, vero punto di forza dell’Integra, utilizzabile “in sequenziale” oppure in automatico, ha i rapporti più lunghi del 6%, mentre l’ABS a due canali è sempre di serie ma non è più abbinato alla frenata combinata. L’unico difetto è la ridotta capacità di carico: non c’è il tunnel centrale e il sottosella è... “minimale” (ci sta soltanto un casco demi-jet). Il prezzo è superiore a quello delle  sorelle “moto” NC (le finiture del resto sono migliori), ma rimane nettamente più basso dei diretti concorrenti. 
PROVE CORRELATE
  • 30 Maggio 2022
    Honda ha dato una rinfrescata anche la versione “nuda” della famiglia CB 500. Poche le novità estetiche, molte invece quelle tecniche a partire dalla forcella Showa, gli aggiornamenti hanno coinvolto molti dettagli di questa piccola naked migliorandone la resa su strada. Ecco come è fatta e come va
  • 26 Maggio 2022
    La nuova Honda NT 1100 offre una grande facilità di guida nonostante il peso importante, un prezzo corretto e un comfort degno di una ammiraglia: è una moto versatile, da usare tutti i giorni o per un viaggio in due. Buoni i consumi e ottimo il cambio DCT
  • 30 Novembre 2021
    Ha una linea aggressiva e un motore potente, ma la CB 1000 R è una moto utilizzabile ogni giorno in città per andare al lavoro, e nei weekend per le gite fuori porta. Finiture e prezzo sono in linea con un prodotto di qualità

Honda Integra

  • Prezzo€ 9.090
  • Peso237 Kg
  • Serbatoio14,1 l
  • Altezza sella79 cm
  • Lunghezza220 cm
COMMENTI
Ritratto di Fausto
Fausto Honda Gold Wing 2001-2011
27 Novembre 2014 ore 15:53
Ho ritirato da pochi giorni il mio e ho gia` percorso 640Km. Purtroppo non condivido totalmente certe considerazioni su questo scooter/moto. Il cambio in modalita`D passa troppo velocemente alle marce superiori. La sella e` abbastanza scomoda e dopo 2 ore il sedere formicolava. Il parabrezza ripara poco (sono alto 1.79) soprattutto sulle spalle. L'avantreno e` pesante e tende a chiudere. I freni solo discreti. In definitive lo classificherei piu` scooter che moto. Saluti. Fausto
Ritratto di Pasquale Balzano
03 Dicembre 2014 ore 12:27
E' forse l'unico scooter con la trasmissione finale a catena! Ve lo vedete uno scooterista che lubrifica la catena ogni 1000 km? A me gli scooter non piacciono, ho una CBF1000ST di cui sono contento tranne il fatto che nel terzo millennio devo ancora occuparmi della manutenzione della catena. Non ho ancora capito perchè Honda ignori l'utilizzo della cinghia che è un ottimo compromesso per peso e costo tra la catena e il cardano e starebbe benissimo anche su molte sue moto come anche su una futura CBF-ST.
Ritratto di WANNY
26 Dicembre 2014 ore 21:57
Sono un possessori di un Honda Integra 750, vorrei fare qualche considerazione: a) Concordo con Fausto circa la sella che dopo 2 ore di viaggio può creare qualche formicolio al sedere ma, sinceramente vorrei sapere quale scooter dopo un viaggio di 2 ore non "obbliga" il conducente a una breve sosta per sgranchirsi un pò. b) Per quanto riguarda il cambio l'unico difetto che ho riscontrato che scala troppo presto in prima,creando fastidi al confort di marcia ma per il resto OTTIMO. c) L'aerodinamica considerando che io sono altro 1,65 la trovo fin troppo protettiva tanto che ho acquistato un cupolino di dimensioni più piccole per l'estate. d) Rispondendo a Pasquale la catena sinceramente la preferisco alla cinghia per il semplice fatto che arrivando da uno scooter a cinghia mi è capitato spesso che dopo due ore di viaggio la stessa si scaldava e slittava fino a quando non si raffreddava del tutto. e) Motore ottimo ai bassi, mi aspettavo qualcosa di più in velocità massima.. Cosa posso aggiungere, io l'ho provato prima di acquistarlo e mi sono bastati 5 km per decidere di comprarlo, poi ognuno ha i propri gusti e le proprie esigenze. Saluti.
Ritratto di Ancerb
20 Febbraio 2015 ore 17:18
Avrei intenzione di cambiare scooter. Attualmente posseggo un Yamaha Majesty 250 con il quale tutti i giorni mi reco al lavoro in città. Ho visto l'Integra 700 di un mio collega di lavoro e sono rimasto affascinato dall'innovativo cambio DCT nonché dal mono ammortizzatore che assorbe a dovere le asperità delle strade cittadine (pavé - sanpietrini e buche). La mia perplessità è l'altezza della sella da terra (78 cm) che, nel mio caso, (sono alto 1,65) sembra eccessiva e non mi consente di poggiare i piedi a terra rendendomi insicuro. Tu come ti trovi ? Saluti Antonio
PROVE PER MARCA
LE ULTIME PROVE
  • Ducati Streetfighter V2
    È il massimo come prestazioni e piacere di guida su strada, uniti a una linea elegante e aggressiva. Il tutto condito da un'elettronica sofisticata e dal sound unico del V2 desmo, una moto che non scende a compromessi
  • BMW S 1000 R 2022
    La bavarese mostra i muscoli, promette divertimento ma non è una moto estrema. Il motore è potente ma gestibile, la naked tedesca offre sempre un comportamento sincero. Attenzione agli optional: alcuni sono irrinunciabili e fanno lievitare sensibilmente il prezzo
  • Yamaha Ténéré 700 2022
    La bicilindrica di Yamaha si è fatta apprezzare per il motore sfruttabile senza eccessi, il peso contenuto e la linea sempre attuale. È facile da guidare, ci si può fare tutto e costa il giusto
Eicma 2022
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
Green Planet