PROVA

Honda Africa Twin CRF 1000 L 2016

Honda Africa Twin, viaggia leggera su tutti i terreni
Comoda e costruita con grande cura, va bene  per tutti gli usi e se la cava anche in fuoristrada. Il motore non è cattivo ma spinge forte e ha sospensioni di qualità. Sella alta, prezzo ok
Prezzo: 
€ 13.200
Cilindrata: 
998,0 cm3
Peso: 
219,0 kg
Potenza: 
87,2 CV
Velocità: 
202,9 km/h
 
  • Comfort: 
    4
  • Posizione di guida: 
    5
  • Tenuta di strada: 
    4
  • Finiture: 
    4
  • Consumo: 
    4
  • Prestazioni: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Cambio: 
    4
  • Freni: 
    4
  • Vano sottosella: 
    3
  • Sospensioni: 
    4
Honda Africa Twin, viaggia leggera  su tutti i terreni
Pregi: 
La guida sempre facile e intuitiva, la cura per le finiture e la protezione dall’aria. Bene la frenata, potente ed efficace.
Difetti: 
La sella è alta, le indicazioni del cruscotto poco leggibili in pieno sole, l’erogazione del motore non troppo grintosa.
Era una delle moto più attese del 2016 e alla prova dei fatti non ha deluso gli appassionati: lo si è visto nella settimana di “demo ride” a gennaio e lo dimostrano le immatricolazioni (è già in testa alle vendite). La nuova crossover Honda piace perché è snella e “affilata”, grazie al raffinato motore bicilindrico frontemarcia (compatto e con soluzioni raffinate come la pompa dell’acqua nel carter frizione e i due contralberi che smorzano le vibrazioni). Da vera fuoristrada il telaio a semi-doppia culla in acciaio, simile a quello della moto da gara della Dakar, con sospensioni regolabili: la forcella ha steli da 45 mm e il monoammortizzatore è dotato di un pomello per regolare il precarico molla. La dotazione elettronica di serie comprende l’ABS (disinseribile sulla ruota posteriore) e il controllo di trazione regolabile su 3 livelli. Il cambio è a 6 marce con frizione antisaltellamento, ma c’è anche la versione DCT con cambio a doppia frizione (da 14.050 euro) e modalità di cambiata manuale e automatiche (D normale, Sport su 3 livelli e G da fuoristrada).

Sella alta e regolabile
La posizione di guida è comoda: va bene su strada e anche in piedi in fuoristrada. La sella è regolabile (85 e 87 cm) ma sempre alta, ma optional ce n’è una ribassata di 3 cm (costa 202 euro). I freni hanno dischi a margherita: davanti una coppia da 310 mm con pinze radiali, dietro uno da 256 mm. Le ruote (21” davanti, 18” dietro) sono a raggi con pneumatici, sviluppati appositamente, dotati di camera d’aria. Il prezzo è allineato (verso l’alto) a quello delle concorrenti, e scende a 12.900 euro per la versione con livrea in tinta unita e a 12.400 per quella senza controlli elettronici.
PROVE CORRELATE
  • 13 Novembre 2020
    L'erede della Hornet interpreta l'attualità del settore naked con uno stile essenziale e prestazioni di tutto rispetto. Finiture adeguate e un prezzo corretto la rendono una moto che si fa volere bene subito, a patto di non essere "troppo" alti
  • 11 Febbraio 2019
    Va forte e pesa poco, ma è facile da guidare e si può usare tutti i giorni. Ottime le finiture, qualche vibrazione ai medi, prezzo un po’ alto
  • 25 Giugno 2018
    Sembra una rude moto da biker, in realtà ha un motore brillante adatto anche ai neopatentati A2, una ciclistica di qualità e finiture curate. Prezzo basso

Honda Africa Twin

  • Prezzo€ 12.400
  • Peso208 Kg
  • Serbatoio18,8 l
  • Altezza sella85 cm
  • Lunghezza234 cm
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Suzuki GSX-S 750 Yugen Carbon 2019
    La 4 cilindri di Hamamatsu ha muscoli da vendere e li mette in mostra. Generosa ma guidabile, la 750 è una naked sportiva che se la cava bene anche nel traffico. L'elettronica in dotazione è quanto basta, le sospensioni sono abbastanza rigide e il passeggero un po' sacrificato
  • BMW Serie R R 1250 RT 2020
    La soluzione della casa bavarese per il turismo in versione "maxi" è quanto di più lussuoso ci sia nel panorama della categoria. Comoda e ben accessoriata, ha un prezzo importante, in linea con la dotazione
  • BMW R nineT Pure 2020
    Una linea inconfondibile, un bicilindrico generoso, la qualità tedesca: la R nineT non si smentisce. Con la Pure la casa bavarese va all'essenza del concetto di modern classic: poca elettronica e la giusta dose di cavalli e uno stile che non passa inosservato