PROVA

Harley-Davidson Dyna Low Rider 2015

Tutte le altre la imitano
Bassa, lunga e pesante, la Low Rider su strada si rivela facile da guidare. Ok posizione di guida, motore e freni, ma il comfort è migliorabile. Prezzo un po’ alto
Prezzo: 
€ 17.100
Peso: 
296,0 kg
Potenza: 
59,5 CV
Velocità: 
176,8 km/h
 
  • Comfort: 
    2
  • Posizione di guida: 
    3
  • Tenuta di strada: 
    3
  • Finiture: 
    4
  • Consumo: 
    4
  • Prestazioni: 
    2
    Average: 2 (1 vote)
  • Cambio: 
    2
  • Freni: 
    3
  • Vano sottosella: 
    1
  • Sospensioni: 
    3
Tutte le altre la imitano
Pregi: 
Motore
Vigoroso e brillante, vibra (e consuma) poco
Guida
Facile, su strada è ben bilanciata e precisa
Stile
Un vero classico, questa è “la madre di tutte le custom”
Difetti: 
Peso
Elevato, i quasi 300 kg in manovra si sentono tutti...
Passeggero
Scomodo e poco coccolato, solo per brevi tratti
Comfort
L’assetto “ribassato” filtra male buche e asperità
Presentata nel 1977, la Low Rider fu uno dei primi successi di Willie G. Davidson (nipote dei fondatori e designer della casa americana fino allo scorso anno). Ora questo modello è tornato in listino con linee incredibilmente simili all’antenata, considerata la prima “custom moderna” perché ha ispirato tutte le successive proposte (in particolare giapponesi). La meccanica e la ciclistica però sono quelle delle odierne H-D Dyna.
Il motore bicilindrico raffreddato ad aria da 1.690 cm3 ha una potenza di 59,5 CV e una coppia di ben 112,8 Nm (dati rilevati alla ruota). Poco assetato di carburante, è montato su supporti di gomma antivibrazione. Il telaio è a doppia culla in acciaio con forcella e ammortizzatori “ribassati” che portano la sella a soli 69 cm da terra.
Tra le particolarità della Low Rider, da notare il doppio disco freno anteriore (le altre Dyna hanno il disco singolo) e la possibilità di personalizzare la posizione di guida grazie al cuscinetto removibile sulla sella, alle pedane poco avanzate e al manubrio montato su riser regolabili avanti e indietro di ben 6 cm. 
PROVE CORRELATE
  • 31 Maggio 2023

    La nuova H-D sfoggia un look e un motore moderni: il bicilindrico di Milwaukee presenta un angolo di 60 gradi della V e ha il raffreddamento a liquido. Facile da guidare e dotata di una buona dotazione elettronica, ha sospensioni un po' rigide

  • 15 Dicembre 2021
    La touring per eccellenza della casa americana non smette di incantare con le sue linee vintage, ma oggi si presenta anche al passo con i tempi per dotazione e tecnologia. La moto in prova è una versione limitata, ancora più esclusiva e intrigante. Il prezzo? Quello di un'automobile di segmento medio
  • 18 Luglio 2021
    Esagerata nelle dimensioni e nello sfoggio di muscoli, questa bicilindrica è nata per macinare chilometri sognando grandi spazi aperti. La dotazione di serie è ricca, la guida più semplice di quello che si può immaginare osservandola da ferma. Cilindrata e prezzo sono quelle di una media...a quattro ruote!

Harley-Davidson Dyna

  • Prezzo€ 16.500
  • Peso292 Kg
  • Serbatoio17,8 l
  • Altezza sella68 cm
  • Lunghezza235 cm
PROVE PER MARCA
LE ULTIME PROVE
  • Yamaha Ténéré 700 2023

    Robusta e curata, la bicilindrica di Iwata ha la sella alta e pesa poco. Ottima in offroad ma agile e piacevole anche su asfalto, ha poca elettronica e tanta sostanza. Sul mercato da diversi anni, è sempre stata aggiornata ed è una garanzia. Il prezzo è attraente

  • Honda CMX 500 Rebel 2021

    La Rebel 500 è una media in stile "bobber", con le ruote da 16" a spalla alta e un motore bicilindrico (in parallelo) sufficiente per muoversi con agilità. Questa Honda è facile, solida ed economica quanto uno scooter, ma non è il massimo per chi vuole viaggiare in due

  • Sym Joyride 300 2022

    Grazie alle ruote alte è capace di affrontare al meglio le strade di città e le veloci extraurbane, senza temere i passaggi in autostrada. Buona l'abitabilità, ottimo il rapporto qualità-prezzo, un po' troppo rigide le sospensioni

Eicma 2023
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
Green Planet