PROVA

Betamotor Alp 4.0 2011

Leggera, pratica e inarrestabile
La “tuttofare” della casa toscana è agile, snella, pesa poco e ha prestazioni dignitose. Va benissimo in città e nel misto, sullo sterrato e in tangenziale. Prezzo corretto
Prezzo: 
€ 5.245
Peso: 
137,5 kg
Potenza: 
23,5 CV
Velocità: 
133,4 km/h
 
  • Comfort: 
    2
  • Posizione di guida: 
    3
  • Tenuta di strada: 
    2
  • Finiture: 
    2
  • Consumo: 
    3
  • Prestazioni: 
    2
    Average: 2 (1 vote)
  • Cambio: 
    3
  • Freni: 
    2
  • Vano sottosella: 
    3
  • Sospensioni: 
    3
Su strada
Sulle strade lente e tortuose di montagna si apprezza la notevole facilità di guida della Alp: anche i tornanti risultano semplici da affrontare per i neofiti. Il peso contenuto, i fianchi snelli ed il manubrio largo “da fuoristrada” consentono comunque un ottimo controllo della moto in ogni situazione, mentre il motore spinge bene anche ai regimi medio-bassi, per viaggiare in relax senza tirare le marce. L’assetto “morbido” permette di destreggiarsi bene anche su strade sterrate, grazie al grip offerto dagli pneumatici tassellati montati dalla moto in prova.

In autostrada
La Alp 4.0 non è una moto da granturismo e neppure da “tirate” a tutta manetta, lo si capisce al primo sguardo. La protezione aerodinamica è praticamente inesistente e agli alti regimi ci sono vibrazioni su pedane e manubrio, anche se non molto fastidiose. A tutto gas inoltre si avverte un alleggerimento dell’avantreno e gli spazi di frenata tendono ad allungarsi. Per affrontare invece le tangenziali e brevi tratti autostradali da commuting quotidiano la Alp 4.0 va benissimo: protettività a parte, può sostituire uno scooterone.

In citta
Altro che sterrati: la Alp sembra nata per affrontare il traffico. Grazie al peso “piuma”, alle dimensioni ridotte, all’agilità e al raggio di sterzo da record riesce a passare ovunque. Le sospensioni ad ampia escursione e con taratura “soffice” assorbono asperità, buche e rotaie senza alcun problema. La frizione è leggera e graduale, anche i meno esperti si trovano bene, il cambio ha innesti abbastanza precisi e la modulabilità dei comandi dei freni è di grande aiuto su fondi a scarsa aderenza (anche perché l’ABS non è disponibile neanche a richiesta).
PROVE CORRELATE
  • 08 Marzo 2014
    La Track è la versione più curata nella gamma RR di Betamotor. Ha sospensioni di qualità, numerosi dettagli racing e un prezzo elevato ma corretto
  • 28 Luglio 2011
    Grintosa e costruita con cura, ha una buona dotazione di serie e sospensioni di qualità. Sella dura, prezzo alto.
  • 27 Luglio 2011
    Ha linee immutate da anni, ma con le nuove grafiche sembra più aggressivo. Compatto e leggero, ha un motore brillante ed è robusto. La dotazione di serie è superiore alla media.

Betamotor Alp

  • Prezzo€ 5.490
  • Peso133 Kg
  • Serbatoio10,5 l
  • Altezza sella86 cm
  • Lunghezza221 cm
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Verve Moto
    La guidano i 16enni, ma  piace anche ai fratelli maggiori. Il motore consuma poco, sospensioni ok, prezzo corretto
  • MV Agusta Brutale 800 2019
    La più “economica” tra le naked di MV Agusta vanta le stesse doti delle sorelle più costose. Ha prestazioni da vera sportiva, è rifinita con cura e sfoggia una dotazione tecnica di alto livello
  • Yamaha Niken 2018
    Con la Niken tra le curve si va alla stessa andatura di una moto “normale” con metà dell’impegno, lo stesso divertimento e il doppio della sicurezza. Comoda e ben costruita, va bene per viaggiare ma ripara poco dall’aria. Prezzo adeguato alle doti tecniche e alla qualità