PRIMI CONTATTI

Honda PCX 150 2011

Cresce la cilindrata, scendono i consumi
Il PCX cresce di cilindrata e sfoggia un nuovo motore: Honda promette 44 chilometri con un litro, senza sacrificare le prestazioni. Su strada lo scooter giapponese è agile e scattante. Poco lo spazio per i piedi sulla pedana, sicura la frenata
€ 2.410
Cresce la cilindrata, scendono i consumi

Obiettivo: ridurre i consumi

A due anni dal debutto del 125, che nel 2011 è stato il mezzo a due ruote più venduto in Europa (con oltre 23.000 pezzi ), Honda presenta la versione “autostradale” del PCX. Il PCX 150 monta un motore cresciuto a 153 cm3 con 13,6 CV, ottimizzato per ridurre ulteriormente i consumi: rispetto al 125 sono cambiati parecchi pezzi, in particolare è stato rivisto il cilindri mentre il pistone è più leggero. Il propulsore ha migliorato l'efficienza permettendo di usare una ventola di raffreddamento del motore più piccola. I risultati si vedono, secondo Honda, dal benzinaio: il PCX 150 può percorrere oltre 44 km con un litro di benzina nel ciclo misto (un percorso che comprende città, strade extraurbane e autostrade) e, grazie al serbatoio da 5,9 litri, ha un’autonomia di oltre 260 km.
Per contenere ulteriormente i consumi anche sul 150, come sul 125, c'è il sistema Start & Stop disinseribile: quando ci si ferma per più di 3 secondi, lo scooter si spegne automaticamente, ma basta girare la manopola del gas per ripartire all'istante.


 

Costruito bene

Il PCX 150 è identico al 125, ossia compatto con plastiche e assemblaggi curati, il manubrio è da naked mentre il cruscotto ben leggibile, manca però l’orologio. Lo spazio sulla sella è buono per il pilota mentre risulta un po' sacrificato per il passeggero mentre la pedana, occupata dal serbatoio della benzina, lascia poco posto per i piedi, che non si possono neanche spostare in avanti per distendere le gambe. Il cupolino praticamente inesistente ripara poco e costringe a montare un parabrezza alto (optional da 164 euro). Lo spazio di carico è limitato al sottosella che può contenere un casco integrale e a un piccolo portaoggetti dietro allo scudo, ma si può montare un bauletto (Honda ne propone uno nero opaco da 26 lt) sfruttando il portapacchi posteriore di serie.
Anche ciclistica e freni sono gli stessi del fratello minore: ruote da 14 pollici e frenata combinata che agisce sul disco anteriore e sul tamburo posteriore. Il prezzo cresce di poco rispetto al 125: il PCX 150 infatti costa 2.410 euro ed è già disponibile dai concessionari.


Scattante e agile

Lo scooter si mette in moto silenzioso, appena si accelera si avverte lo scatto più deciso rispetto al 125. Il suo terreno ideale rimane la città: si manovra bene grazie a un raggio di sterzo inferiore ai 2 metri che permette di fare inversione in un fazzoletto.
Il PCX è agile e preciso nelle traiettorie, merito di una corretta distribuzione dei pesi, ottenuta montando il serbatoio nel tunnel centrale (però toglie un bel po’ di spazio sulla pedana).




A prova di sampietrini

Le sospensioni, ben sollecitate nel test effettuato sulle strade di Roma, lavorano più che discretamente anche se il posteriore è risultato un po' rigido; buona la frenata nonostante la presenza del tamburo sulla ruota posteriore, di serie c'è il sistema combinato che ripartisce automaticamente l'azione su entrambe le ruote, garantendo così buoni spazi d'arresto.

Carta d'identità
Dati tecnici (dichiarati dalla casa)
Motore monocilindrico 4T
Cilindrata (cm3) 153
Raffreddamento a liquido
Alimentazione a iniezione
Cambio automatico
Potenza CV (kW)/giri 13,6(10)/8500
Freno anteriore a disco
Freno posteriore a tamburo
Velocità massima (km/h) nd
Dimensioni
Altezza sella (cm) 76
Interasse (cm) 131,5
Lunghezza (cm) 191,5
Peso (kg) 129
Pneumatico anteriore 90/90 - 14"
Pneumatico posteriore 100/90 - 14"
Capacità serbatoio (litri) 5,9
Riserva litri nd
PRIMI CONTATTI CORRELATI
  • 12 Maggio 2020
    Dopo oltre 1.000.000 di veicoli venduti dal 1984 a oggi il best seller a ruote alte di Honda si rinnova profondamente con modifiche estetiche e tecniche importanti: linee più filanti, fari full led, cruscotto digitale, motore esP a 4 valvole più potente e già Euro 5, nuovo vano sottosella più ampio e controllo di trazione di serie
  • 14 Febbraio 2020
    La nuova CBR 1000 RR-R è una supersportiva senza compromessi, progettata e realizzata per primeggiare tra le "derivate di serie". Prestazioni, elettronica evoluta e ciclistica sono da SBK, ma l’aerodinamica arriva direttamente dalla MotoGP  
  • 16 Ottobre 2019
    Più leggere, più compatte, più potenti: le Africa Twin my 2020 sono moto tutte nuove, che conservano le doti della serie precedente e ne aggiungono molte altre. Di serie per tutte le versioni la piattaforma inerziale e i controlli attivi anche in curva. La Adventure Sports ha di serie anche le sospensioni elettroniche. Insieme alle dotazioni, salgono i prezzi

Honda PCX

  • Prezzo€ 2.570
  • Peso129 Kg
  • Serbatoio5,9 l
  • Altezza sella76 cm
  • Lunghezza192 cm
COMMENTI
Ritratto di geo80
25 Luglio 2012 ore 19:51
Veramente bello, tecnologico e ben rifinito come scooter economico considerato il prezzo di vendita, ma mi chiedo e mi rivolgo a Honda, perchè usare un freno a tamburo dietro al posto di uno a disco che non dovrebbe far lievitare di chi sa quanto il prezzo di vendita? Ma soprattutto visti i consumi ridotti, a quando una versione 300 (279cc) adatto anche ad autostrade e tangenziali? Comunque complimenti davvero a Honda in tempi di crisi sono idee come queste a risultare veramente utili e vincenti specie se come risultato danno un prodotto così curato, ben rifinito, utile e bello da vedere!!!
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PRIMI CONTATTI PER MARCA
Green Planet
GLI ULTIMI PRIMI CONTATTI