PRIMI CONTATTI

Ducati DesertX 2022

Ducati DesertX: strada e fuoristrada al meglio
Ispirata alle “navi del deserto” anni 80, la DesertX è una vera Ducati e una vera offroad. Ciclistica e motore sono studiati per  andare forte sullo sterrato, ma se la cava bene anche su asfalto. Prezzo corretto
€ 15.290
Ducati DesertX: strada e fuoristrada al meglio
La decisione di mettere in produzione la DesertX era stata presa a EICMA 2019, osservando le reazioni entusiastiche del pubblico di fronte al prototipo. Lo stesso accade con la versione definitiva: ci si innamora a prima vista di questa reinterpretazione moderna delle  “dakariane” anni 80, con il suo serbatoio da 21 litri e il cupolino con gli “occhioni” a DRL del doppio faro a LED.


Una vera OffRoad
La DesertX è una vera moto da fuoristrada, non una crossover “riadattata”,  e lo mostra in ogni aspetto. Monta ruote a raggi tubeless da 21” all’anteriore e 18” al posteriore, pneumatici Pirelli Scorpion Rally STR e sospensioni Kayaba a lunga escursione: la forcella a steli rovesciati da 46 mm ha ben 230 mm di escursione ed è regolabile in tutte le funzioni; pluriregolabile anche l’ammortizzatore, che consente alla ruota posteriore un’escursione di 220 mm. Il bicilindrico Testastretta 11° di 937 cm3 con raffreddamento a liquido e distribuzione a 4 valvole per cilindro è stato rivisto (rispetto a quello della Multistrada V2) per l’utilizzo fuoristrada e ha una potenza massima di 110 CV a 9.250 giri. La dotazione elettronica è la stessa completissima delle Ducati sportive, con l’aggiunta di due riding mode specifici per l’offroad: Rally (a potenza piena) ed Enduro che riduce la potenza a 75 CV.
Insomma la DesertX vale i soldi che costa. È la più cara del suo segmento, ma è anche la migliore su strada e offroad: il nuovo riferimento per l’adventouring.

Il cruscotto sfrutta un display TFT verticale a colori da 5 pollici che offre tutte, ma proprio tutte le info possibili. Inoltre si può connettere con lo smartphone e (a breve) sarà in grado di visualizzare le indicazioni “Turn by turn” del navigatore
Tanti optional
A conferma della “vocazione offroad” della DesertX, tra gli optional c’è un serbatoio aggiuntivo da 8 litri (costa 1.159 euro) da collocare sotto la sella. Per chi fa fuoristrada sul serio è invece disponibile una sella Rally in un solo pezzo, alta 89 cm da terra: costa 280 euro. Grazie alle diverse omologazioni ottenute, c’è un’ampia scelta di pneumatici alternativi a quelli di serie, dai Pirelli Scorpion Trail 2 “stradali” ai tassellati Pirelli Scorpion Rally. Ducati ha pensato anche a chi è di corporatura minuta: sono disponibili sia una sella ribassata di 1 cm, sia un kit sospensioni ribassate che porta l’altezza della seduta a 84,5 cm da terra (contro gli 87,5 cm di serie). Esistono infine quattro allestimenti per rispondere alle varie esigenze: Urban con top case, Touring con borse laterali, Offroad con piastra paramotore e barre di protezione, Sport con l’immancabile scarico Akrapovic.

La particolare messa a punto di questa versione del V2 Ducati garantisce una coppia vigorosa ai bassi e una “voce” pazzesca alla DesertX

Come va
L’obiettivo dei progettisti era creare una moto “facile”... e ci sono riusciti. Montando in sella alla DesertX si apprezza il peso più che ragionevole (la casa dichiara 223 kg in ordine di marcia). La seduta a 875 mm da terra può mettere in difficoltà chi è di gamba corta, ma la sella stretta rende più facile allungare le gambe per toccare il suolo.



Si viaggia veloci
Su strada è una vera Ducati, nonostante le sospensioni a lunga escursione e i cerchi con misure da offroad. Nel misto basta lasciarla “scorrere” e si viaggia veloci, i trasferimenti di carico in frenata sono contenuti e le Pirelli Scorpion Rally STR garantiscono un ottimo grip. Ma il meglio viene fuori in fuoristrada, guidando la DesertX in piedi sulle pedane come un’endurona 450, ben stretta tra le gambe. Il motore in modalità enduro (con 75 CV) ha tutto quello che serve, l’elettronica lavora alla perfezione, le sospensioni assorbono qualsiasi botta e la generosa luce a terra di 250 mm permette di superare ogni ostacolo.

Carta d'identità
Dati tecnici (dichiarati dalla casa)
Motore bicilidnrico 4 tempi
Cilindrata (cm3) 937
Raffreddamento a liquido
Alimentazione a iniezione
Cambio a 6 marce
Potenza CV (kW)/giri 110 (91)/9000
Freno anteriore a doppio disco
Freno posteriore a disco
Velocità massima (km/h) nd
Dimensioni
Altezza sella (cm) 87,5
Interasse (cm) 160,8
Lunghezza (cm) nd
Peso (kg) 223
Pneumatico anteriore 90/90-21"
Pneumatico posteriore 150/70-18"
Capacità serbatoio (litri) 21
Riserva litri nd
PRIMI CONTATTI CORRELATI
  • 17 Dicembre 2021
    La supersportiva di punta di Borgo Panigale è ancora più efficace tra i cordoli, ma meno faticosa grazie a una posizione di guida più comoda e all’aerodinamica rivista. Invariato il Desmosedici V4 che aumenta di poco la potenza 
  • 19 Novembre 2021
    La "piccola" della famiglia Streetfighter sfodera il V2 Superquadro da 153 CV, pesa 178 kg e ha una posizione di guida stradale che non affatica troppo. L'elettronica e la "frenata" sono da Superbike  
  • 26 Marzo 2021
    Il nome è lo stesso, ma la Monster versione 2021 è una moto tutta nuova, agile e reattiva come sono oggi le naked sportive. Il telaio a traliccio cede il posto a un "front frame" simile a quello della Panigale. Grosse novità anche a livello di motore ed elettronica, che sfruttano l'esperienza delle Ducati più grosse. Prezzo corretto considerate le dotazioni, le prestazioni e il marchio Ducati

Ducati DesertX

  • Prezzo€ 16.290
  • Peso223 Kg
  • Serbatoio21,0 l
  • Altezza sella88 cm
  • Lunghezza0 cm
PRIMI CONTATTI PER MARCA
GLI ULTIMI PRIMI CONTATTI
Eicma 2022
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
Green Planet