PROVA

Honda Crossrunner 2015

La giusta media
Facile da guidare e comoda anche nei viaggi in coppia, la crossover “intermedia” di Honda è un po’ pesante ma se la cava bene in ogni situazione, persino in città. Ben rifinita, ha un prezzo un po’ alto
Prezzo: 
€ 12.500
Peso: 
228,0 kg
Potenza: 
94,1 CV
Velocità: 
220,6 km/h
 
  • Comfort: 
    3
  • Posizione di guida: 
    3
  • Tenuta di strada: 
    3
  • Finiture: 
    4
  • Consumo: 
    3
  • Prestazioni: 
    3
    Average: 3 (1 vote)
  • Cambio: 
    3
  • Freni: 
    3
  • Vano sottosella: 
    2
  • Sospensioni: 
    3
La giusta media
Pregi: 
Motore
Fluido e potente, è un vero “concentrato di tecnologia”
Qualità
Dostruita e rifinita con la cura delle “vere” giapponesi
Facilità di guida
Appena in sella sembra di averla sempre guidata
Difetti: 
Prezzo
Superiore alle dirette concorrenti a parità di dotazione
Parabrezza
Non è regolabile in altezza e protegge poco
Forcella
Tarata morbida, gradisce poco le “staccate”
Stavolta Honda ha centrato l’obiettivo. Con la prima versione del 2011 ci era andata vicino ma le linee, le dimensioni e qualche piccolo neo pratico l’avevano penalizzata (fino a che il prezzo era stato abbassato a circa 8.500 euro, poi era andata via come il  pane).  Dopo avere aggiornato la sorella granturismo VFR, Honda ha rinnovato per il 2015 anche la Crossrunner: il risultato è una moto che nel corso della prova si è dimostrata equilibrata e buona un po’ per tutto. Il quattro cilindri a V4 da 782 cm3 con sistema Vtec è più vigoroso e potente (abbiamo rilevato 94 CV, contro gli 86 della vecchia versione). Migliora la dotazione elettronica con ABS e controllo di trazione disinseribile (regolabile su due livelli) di serie; optional il cambio “Quickshifter” (circa 300 euro) che permette cambiate veloci senza frizione. Come nella VFR (con la quale la Crossrunner condivide meccanica e ciclistica) il telaio è di tipo perimetrale, ma c’è un nuovo telaietto reggisella per il montaggio diretto delle borse laterali. Cresce l’escursione delle sospensioni e migliora l’impianto frenante. Purtroppo è cresciuto anche il prezzo, che appare un po’ alto per una 800 e anche rispetto alle concorrenti.
PROVE CORRELATE
  • 18 Marzo 2021
    La bicilindrica di Tokyo cresce nella cilindrata, ma non nelle dimensioni e nel peso. È più potente e con l'allestimento Urban è perfetta nell'uso quotidiano, eppure non disdegna lo sterrato.Elettronica e dotazione di serie sono al top
  • 19 Gennaio 2021
    Nuove linee e nuove doti per l’SH 125. Ha più spazio sottosella, il motore Euro 5 consuma pochissimo e le finiture sono curate. Non costa poco, ma ha l’ABS e il controllo di trazione di serie
  • 13 Novembre 2020
    L'erede della Hornet interpreta l'attualità del settore naked con uno stile essenziale e prestazioni di tutto rispetto. Finiture adeguate e un prezzo corretto la rendono una moto che si fa volere bene subito, a patto di non essere "troppo" alti

Honda Crossrunner

  • Prezzo€ 12.500
  • Peso242 Kg
  • Serbatoio20,8 l
  • Altezza sella82 cm
  • Lunghezza219 cm
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • BMW Serie F GS F 850 GS Rallye 2020
    Il GS negli ultimi anni ci ha abituato a cilindrate e prestazioni "maxi", ma anche nella versione 850 la bicilindrica bavarese sa essere una moto completa e anzi, più gestibile. La versione rallye aumenta la voglia di lasciare l'asfalto per l'off road. Il prezzo? Sempre al top della categoria
  • Indian Challenger Limited 2021
    La rivale per eccellenza dell'Harley-Davidson propone la "sportiva" di casa in versione top di gamma. I cavalli non mancano, la cilindrata è "esagerata", il comfort elevato e la ricca dotazione di serie invitano a viaggiare. Per averla bisogna staccare un assegno importante, ma si acquista una moto che non passa certo inosservata
  • KTM 890 Adventure 2021
    Sin dai primi metri su strada si apprezza la grande agilità ed efficacia della 890 Adventure, merito del peso ridotto e dei fianchi strettissimi per via del serbatoio collocato tutto in basso per abbassare il baricentro. Sugli sterrati poi tira fuori la sua anima KTM e si dimostra efficace in tutte le situazioni