PRIMI CONTATTI

Yamaha YZF R3 2019

Yamaha YZF-R3: la sportiva per l'A2
A quattro anni dal lancio la casa di Itawa ha rinnovato la sua "media" carenata, che ora sfoggia linee ispirate alle "sorellone" da MotoGP e SBK. Confermato il brillante bicilindrico frontemarcia da 42 CV, arriva una nuova forcella e cambia la posizione di guida. Prezzo interessante
€ 5.790
Yamaha YZF-R3: la sportiva per l'A2
Per il 2019 Yamaha ha ridisegnato completamente il "vestito" della R3, la sportiva utlizzabile anche dai neopatentati A2. Lo stile richiama quello delle "sorellone" più grandi, a partire dalla MotoGP  M1 di Valentino Rossi, mentre il propulsore è sempre il bicilindrico frontemarcia da 321 cm3 raffreddato a liquido, con distribuzione bialbero quattro valvole e pistoni e cilindri in alluminio. Un motore brillante con una potenza di 42 CV e una coppia massima di 29.6 Nm a 9000 giri. Per quanto riguarda la ciclistica troviamo ancora il conosciuto telaio a diamante in tubi d’acciaio. Nuove invece le sospensioni: davanti troviamo una forcella KYB a steli rovesciati da 37 mm (non regolabile) con piastra di sterzo in alluminio; al posteriore c’è invece un classico monoammortizzatore regolabile nel precarico. L’impianto frenante fa affidamento su un disco da 298 mm all’anteriore con pinza a doppio pistoncino e un disco da 220 mm al posteriore con pinza a singolo pistoncino. Rispetto alla “vecchia” R3 cambia un po’ la posizione di guida: i semimanubri sono più bassi di 22 mm rispetto alla precedente versione e la cover del serbatoio è stata ridisegnata, allargando la parte sopra le ginocchia e abbassando l’area vicino al tappo. Nuovi anche il doppio faro anteriore con luci di posizione a Led e il cupolino, che integra una presa d’aria ed è stato sviluppato nella galleria del vento per ridurre le turbolenze sul casco del pilota quando si “accuccia” sul serbatoio. La cura dell'aerodinamica migliora il confort e fa guadagnare (promette Yamaha) ben 8 km/h di velocità massima.
Ricco il catalogo di accessori che comprende, tra gli altri, terminale di scarico Akrapovic in carbonio (603 euro), l'unghia coprisella del passeggero (193  euro) e la borsa serbatoio (120  euro). La moto è già disponibile nei concessionari nelle colorazioni Yamaha Blue e Potenza Black al prezzo di 5.790 euro.
 
Tutta nuova strumentazione LCD che equipaggia la R3 è di dimensioni generose e sempre ben leggibile, a completare la dotazione ci sono il doppio faro anteriore con luci di posizione a Led

Come va
La posizione di guida della R3 è un giusto compromesso fra comfort e sportività. Il rapporto fra semimanubri, pedane e sella (posta a 78 cm da terra) è corretto e permette di assumere una posizione ben caricata in avanti quando si è fra i cordoli, senza essere però troppo scomoda per l’uso in città: braccia e polsi si stancano poco. L'abitabilità è buona: nonostante le dimensioni abbastanza compatte della moto, c’è spazio sufficiente anche per chi è sul metro e 80. Sorprendente il motore, ha grinta sin dai bassi regimi con un leggero effetto on-off fino ai 4000 giri, dopodichè  la spinta è lineare e corposa fino alla zona rossa. Le sospensioni hanno una taratura azzeccata e buona anche per l’utilizzo cittadino, assorbendo discretamente buche e imperfezioni del fondo stradale. Migliorabile invece la frenata all’anteriore: la leva va strizzata con decisione, mentre il posteriore ha un buon mordente; in ogni caso l'ABS  ben tarato e non invasivo. Il cambio a sei rapporti è rapido e preciso negli innesti, divertente da utilizzare nel misto per tenere la moto su di giri e sfruttare la coppia in uscita di curva. Anche in pista la sportiva 300 di casa Yamaha non delude, offre anzi un buon feeling fra i cordoli; quando si comincia a spingere con decisione però l’assetto stradale della moto va un po’ in crisi. Gli smanettoni però possono stare tranquilli: Yamaha metterà a disposizione un kit per trasformare la R3 stradale in una moto “pronto pista”. Peccato che costerà caro: circa 7.000 euro.

Carta d'identità
Dati tecnici (dichiarati dalla casa)
Motore bicilindrico 4 tempi
Cilindrata (cm3) 321
Raffreddamento a liquido
Alimentazione a iniezione
Cambio a 6 marce
Potenza CV (kW)/giri 42 (30,9)/10.750
Freno anteriore a disco da 298 mm
Freno posteriore a disco da 220 mm
Velocità massima (km/h) nd
Dimensioni
Altezza sella (cm) 78
Interasse (cm) 138
Lunghezza (cm) 209
Peso (kg) 169
Pneumatico anteriore 110/70-17"
Pneumatico posteriore 140/70-17"
Capacità serbatoio (litri) 14
Riserva litri nd

PRIMI CONTATTI CORRELATI
  • 28 Settembre 2019
    Yamaha ha rinnovato profondamente le supersportive R1 e R1M. Arriva l’omologazione Euro 5, ma le prestazioni sono sempre elevatissime grazie all'affinamento dell'elettronica e alle modifiche al motore quattro cilindri Crossplane. Sulla R1M debuttano le sospensioni elettroniche. Prezzi corretti
  • 15 Giugno 2019
    Ispirata alla XT 500 presentata nel 1981, la nuova Yamaha è una scrambler da città, comoda e divertente da usare. Il motore bicilindrico da 689 cm3 è brillante e affidabile, la tenuta di strada è sempre sicura anche con le gomme tassellate di serie. Costa 800 euro più della XSR 700 da cui deriva
  • 20 Maggio 2019
    Finalmente abbiamo provato la Ténéré 700, l'endurona della casa giapponese destinata ai viaggi, all'adventouring e al fuoristrada anche duro. Purtroppo sarà dai concessionari solo dal prossimo autunno: per adesso si può solo sognarla... e ordinarla online

Yamaha YZF

  • Prezzo€ 5.790
  • Peso169 Kg
  • Serbatoio14,0 l
  • Altezza sella78 cm
  • Lunghezza209 cm
Vinci EICMA 2019 con inSella.it
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PRIMI CONTATTI PER MARCA
Green Planet
GLI ULTIMI PRIMI CONTATTI