PRIMI CONTATTI

Ducati Multistrada 950 S 2019

Ducati Multistrada 950 S: elettronica da SBK
La "piccola" della famiglia Multistrada ora sfoggia piattaforma inerziale e sospensioni a regolazione elettronica. Su strada è sempre efficace e ben gestibile, grazie al motore che spinge forte e risponde con prontezza al comando del gas, mentre la ruota anteriore da 19 pollici la rende precisa e graduale in ingresso di curva. Migliorata la frenata, sempre buono il comfort
€ 16.390
Ducati Multistrada 950 S: elettronica da SBK
Per il 2019 la "piccola" Multistrada 950 si avvicina alle sorelle maggiori per dotazioni e divertimento di guida, grazie a una serie di interventi e a una dotazione elettronica più ricca che la rendono ancora più efficace su strada. Poche invece le novità estetiche: dalla sorellona 1260 arrivano le “ali” laterali che snelliscono il frontale, adesso è difficile distinguerle a prima vista.


Arriva la piattaforma inerziale
Il motore è sempre l'ottimo bicilindrico Testastretta 11° da 937 cm3 e 113 CV a 9.000 giri, che  ora però è dotato di frizione a bagno d'olio con nuovo comando idraulico (con sistema assistito che riduce lo sforzo sulla leva) e antisaltellamento, per evitare di bloccare la ruota posteriore quando si scala velocemente marcia in frenata. 
Si arricchisce parecchio invece il pacchetto elettronico: è di serie la centralina IMU con piattaforma inerziale Bosch a 6 assi che ha permesso di montare l’ABS Cornering (su 3 livelli) in grado di funzionare anche in curva, il controllo di trazione anch'esso cornering (su 8 livelli) e il nuovo Vehicle Hold Control (VHC) che gestisce automaticamente il rilascio dei freni mentre si innesta la marcia nelle partenze in salita. 
La strumentazione sfoggia un bel display TFT a colori da 5 pollici; i blocchetti al manubrio sono retroilluminati.

Ciclistica (ancora) più efficace
Il telaio a traliccio in tubi d'acciaio non cambia, ma c'è un nuovo forcellone bibraccio più leggero, sempre in alluminio. Alleggeriti anche i cerchi. Rispetto alla "base", la versione S ha di serie anche le sospensioni elettroniche semiattive Ducati Skyhook Suspension (DSS), capaci di regolare da sole lo smorzamento di forcella (a steli rovesciati da 48 mm) e ammortizzatore, nonché il cambio elettronico Ducati Quick Shift (DQS) che funziona in scalata e inserimento di marcia.
 
Il frontale è caratterizzato dal parabrezza regolabile e dai fari Full Led; nuovo anche il forcellone bibraccio in alluminio, più leggero.
Dotazione elettronica completa
Sempre sulla "ricca" 950 S troviamo di serie fari anteriori full Led, cruscotto con display TFT a colori da 5”, cruise control e sistema cornering lights per il faro anteriore (che in curva varia l'angolazione del fascio luminoso). Completano la dotazione i nuovi comandi al manubrio retroilluminati e il sistema di accensione keyless con telecomando. La Multistrada 950 è già disponibile dai concessionari al prezzo di 14.390 euro per la versione base (disponibile solo in rosso) che salgono a ben 16.390 euro per la S in versione rossa e 16.590 euro per la grigia.

Come va
La posizione di guida è quasi perfetta: il pilota è ben inserito nella moto, col busto eretto, braccia e gambe piegate correttamente e tanto spazio. Il motore è il vero “pezzo forte” della nuova 950, potente ma nettamente meno impegnativo da gestire di quello della sorellona 1260. Sotto i 2.500 giri “strappa” un po’ (da buon Ducati), poi comincia a spingere con vigore, ha un attimo di incertezza verso i 4.500 giri e dai 5.000 giri si scatena e allunga con una “voce” da SBK fino a 10.000 giri: meglio però cambiare marcia intorno agli 8.000 giri, per sfruttare al massimo la spinta. Bene anche il cambio elettronico, in uscita di curva permette di snocciolare le marce con una rapidità impressionante.



Efficacia da Ducati
Da guidare è una vera "rossa": maneggevole e scattante, scende in piega fluida e graduale, grazie anche al cerchio anteriore da 19 pollici (come quello della Multistrada Enduro). Bene le sospensioni elettroniche che adattano la taratura in base al riding mode selezionato, ma si possono regolare a piacimento per avere un assetto "su misura". OK l'impianto frenante, potente ed estremamente modulabile, molto più che nella precedente versione.



Una vera turistica
La Multistrada 950 è un’ottima moto da viaggio: comoda per pilota e passeggero, offre un buon riparo dall’aria grazie al parabrezza regolabile manualmente. A essere pignoli, però, sarebbe meglio un plexiglass leggermente più largo per riparare a dovere la parte alta delle spalle. Le sospensioni in mappatura Touring assorbono come si deve le irregolarità della strada: si viaggia letteralmente "sul velluto". Anche l’autonomia è elevata, grazie al serbatoio da 20 litri. 

Si guida bene con le borse, ma...
La maneggevolezza resta buona persino con le borse, optional "obbligato" su questa moto (730 euro quelle in plastica e 2.043 euro quelle in alluminio). Discorso diverso per i cerchi a raggi (optional da 1.784 euro per la versione S) che aggiungono ben 5 kg in più in una zona "delicata" come quella delle masse rotanti: nella guida sportiva la differenza si sente, se si ha la giusta esperienza. In ogni caso la Multistrada 950 si conferma una moto validissima, più che mai in questa versione 2019 nella quale sono stati corretti i piccoli "difetti di gioventù" (come le sospensioni troppo morbide o il comando del freno anteriore con effetto on/off) che caratterizzavano la prima serie.  


 
Carta d'identità
Dati tecnici (dichiarati dalla casa)
Motore bicilindrico a L
Cilindrata (cm3) 937
Raffreddamento a liquido
Alimentazione a iniezione
Cambio a sei marce
Potenza CV (kW)/giri 113 (83)/9.000
Freno anteriore a doppio disco
Freno posteriore a disco
Velocità massima (km/h) nd
Dimensioni
Altezza sella (cm) 84
Interasse (cm) 159,4
Lunghezza (cm) nd
Peso (kg) - in odm 227
Pneumatico anteriore 120/70-19"
Pneumatico posteriore 170/60-17"
Capacità serbatoio (litri) 20
Riserva litri nd
PRIMI CONTATTI CORRELATI
  • 03 Febbraio 2019
    Motore più vigoroso a tutti i regimi, posizione di guida migliorata e un ricco pacchetto elettronico di serie per la rinnovata "funbike" bolognese, disponibile in versione normale da strada e SP, più "ricca" e valida anche in pista. Promette tanto divertimento, soprattutto in circuito, ma richiede buona capacità ed esperienza di guida 
  • 19 Ottobre 2018
    Anche la Multistrada Enduro ora monta il potente bicilindrico a fasatura variabile di 1.262 cm3. Migliora la coppia e la faciliità d'uso, grazie alla trattabilità del motore e a piccole, azzeccate modifiche alle quote ciclistiche. La dotazione di serie è ancora più ricca e raffinata. E il prezzo aumenta di 500 euro
  • 18 Marzo 2018
    La nuova Multistrada Enduro Pro sfoggia colori “africani” e un allestimento che le permette di affrontare anche percorsi offroad. Prestazioni, dotazioni e prezzo (purtroppo) al top

Ducati Multistrada

  • Prezzo€ 16.390
  • Peso207 Kg
  • Serbatoio20,0 l
  • Altezza sella82 cm
  • Lunghezza0 cm
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PRIMI CONTATTI PER MARCA
Green Planet
GLI ULTIMI PRIMI CONTATTI