PROVA

Sym HD HD2 125 i 2011

Più curato e scattante
Le dimensioni (e il prezzo) non cambiano, ma ha nuove linee e un motore più brillante e parsimonioso. Buoni qualità e materiali.
Prezzo: 
€ 2.750
Cilindrata: 
124,6 cm3
Peso: 
125,0 kg
Potenza: 
13,0 CV
 
  • Comfort: 
    3
  • Posizione di guida: 
    3
  • Tenuta di strada: 
    3
  • Finiture: 
    2
  • Consumo: 
    3
  • Prestazioni: 
    3
    Average: 3 (1 vote)
  • Cambio: 
    3
  • Freni: 
    3
  • Vano sottosella: 
    2
  • Sospensioni: 
    3
Più curato e scattante
Pregi: 
Stabilità
La ciclistica a punto non teme neppure il pavé.
Carico
L’HD2 è molto spazioso sulla pedana e sotto la sella.
Prestazioni
Motore migliorato nella prontezza e nei consumi.
Difetti: 
Protezione
Scarsa, lo scudo è stretto e manca un parabrezza.
Specchietti
Il taglio “sportivo” riduce la visibilità.
Gancio portaborse
Scomodo, è posizionato troppo in alto.
Nella gamma Sym, l'HD era già tra i modelli più interessanti, una specie di “anti SH” a prezzo concorrenziale. Lo è ancora di più questa nuova versione HD2 dotata di un motore più brillante e pronto in partenza, pur consumando meno del precedente. Il SYM HD2 si riconosce per il nuovo frontale con i fari e le frecce sullo scudo, il freno a disco anteriore "wave", il nuovo vano nel retroscudo e il codino più filante sotto un portapacchi irrobustito.

Comodo e spazioso in città

L'HD2 è compatto in larghezza ma lungo abbastanza per ospitare comodamente pilota e passeggero, lasciando spazio sulla pedana piatta per il carico della spesa. Il sottosella è tra i più capienti della sua categoria.



Qualità migliore

Rispetto al precedente HD Evo, le plastiche sono più curate e l’assemblaggio è ulteriormente migliorato. Il prezzo invece è rimasto lo stesso e molto interessante: 2.750 euro.
PROVE CORRELATE

Sym HD

  • Prezzo€ 2.750
  • Peso139 Kg
  • Serbatoio8,0 l
  • Altezza sella79 cm
  • Lunghezza205 cm
COMMENTI
Ritratto di MarcoCaste
27 Aprile 2014 ore 20:47
Ho acquistato il Sym HD2 125 da circa un mese ed ho già percorso circa 1800 km. Esteticamente non ho nulla di dire: è uno scooter che unisce linee classiche con un frontale sportivo e accattivante, grazie al doppio faro, al piccolo cupolino e alle varie prese d'aria. La sella è abbastanza ampia, e il secondo passeggero lo si porta comodamente. Il sotto - sella non è dei più spaziosi: ci sta giusto un casco non integrale (anche per questo consiglio vivamente l'acquisto di un bauletto); gli specchietti retrovisori, nonostante la loro forma sportiva, offrono una buona visibilità. I fari (quello di sinistra anabbagliante, mentre quello di destra abbagliante) sono ben piazzati e gli indicatori di direzione sono ben visibili a tutti. Utilizzo questo scooter per recarmi al lavoro, ed ogni giorno percorro 80 km di strade miste: in città a mio avviso è perfettamente agile e scattante; lo uso anche in strade extra-urbane a scorrimento veloce, dove per circa una 20ina di minuti mantengo velocità costanti comprese tra gli 80 km/h e i 90 km/h, e devo dire che anche qui non ha nessun problema. Oltre i 95 / 100 km/h si iniziano a sentire le vibrazioni del motore, dovute all'alta velocità (giustamente, il mio è un 125 cc). Al contrario dello scatto da fermo, che lo trovo molto buono, la ripresa non è molto scattante. Inoltre, nei week-end lo sfrutto anche per fare "gite fuori porta" con la morosa, portandolo anche per strade di montagna: il motore si scalda velocemente, e quando la lancetta della temperatura oltrepassa i tre quarti dell'indicatore (quindi quando è quasi in prossimità della zona rossa) parte la ventola di raffreddamento, che riporta la temperatura e quindi la lancetta a metà indicatore (anche se consiglio di fermarsi e far raffreddare il motore in caso di viaggi lunghi con un 125 cc). Tengo a precisare che questa lancetta, rimane quasi sempre bassa nei percorsi extraurbani o quando le temperature climatiche sono basse: non preoccupatevi, non è guasta, e per provarlo potete lasciare lo scooter per circa 6 o 7 minuti fermo con motore accesso e vedrete che la temperatura sale piano piano. Dalle due prese d'aria esterne frontali fuoriesce l'aria calda del motore che, in alcune traiettorie, si fa sentire anche al guidatore (anche se è un piccolo difetto che si sente solo se si vuole essere pignoli). I consumi direi che sono ottimi: io personalmente con 5 euro di benzina (che ora sono tra i 2,5 e i 3 litri), ci faccio quasi 110 km, portandomi a casa circa 36 km con un litro; ovviamente i consumi cambiano se viaggiate sempre al massimo. Personalmente ho una guida molto lineare e di brusche accellerate ne faccio poche. Comunque, i consumi non scendono mai sotto i 25 km/l. Il pieno si fa con 9 o 10 euro al massimo, e si percorrono 200 km. Il sistema frenante è più che buono, e soprattutto è da tenere conto che sia sul frontale che sul posteriore sono montati i freni a disco, cosa che non tutti gli scooter di questa gamma ne sono dotati. E' un motore 4 tempi e raffreddato a liquido, quindi l'importante è tenere controllato che ci sia sempre olio (per chi non se ne intende, è il tappino bianco da svitare dalla parte destra dello scooter, vicino alla pedana) e liquido di raffreddamento (nel finto cruscotto frontale). Quindi, per dare una valutazione personale finale al SYM HD2 125, direi che è uno scooter più che buono e che, se si sa come trattarlo, può essere usato anche per coprire distanze maggiori rispetto ai soliti viaggetti "casa - lavoro", nonostante la piccola cilindrata.
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Me Me Scooter 6.0 kW 2018
    L’elettrico bresciano ha la pedana piatta e una sella comoda, ruote piccole per mantenere l’agilità nel traffico e sospensioni Paioli dalla taratura sportiva. Il motore è potente (13,6 CV di picco), i freni grintosi a metà. 
  • BMW Serie S S 1000 XR 2020
    La crossover dell'Elica ha un motore da superbike, ma non ha paura di viaggiare, anche con un passeggero. Più leggera della versione precedente, ha un equipaggiamento molto ricco. Attenzione però: non tutto è di serie
  • Triumph Street Scrambler 2020
    La bicilindrica inglese è la perfetta incarnazione dello stile modern classic: il suo motore spinge a sufficienza per divertirsi, le linee non passano mai di moda e il parafango alto dona alla 900 un look aggressivo. Se lo stile è retrò, la dotazione elettronica è al passo con i tempi e offre grande sicurezza