PROVA

Kawasaki J125 S.E. - Guidi un "maxi" con la patente B
Grazie al motore 125, brillante e poco assetato, è perfetto per automobilisti “pentiti” e 16enni in cerca di comodità. Ha dimensioni generose, buone finiture e un prezzo corretto
Prezzo: 
€ 4.840
Peso: 
172,0 kg
Potenza: 
11,5 CV
Velocità: 
105,9 km/h
 
  • Comfort: 
    4
  • Posizione di guida: 
    0
  • Tenuta di strada: 
    4
  • Finiture: 
    4
  • Consumo: 
    4
  • Prestazioni: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Cambio: 
    4
  • Freni: 
    3
  • Vano sottosella: 
    4
  • Sospensioni: 
    4
Kawasaki J125 S.E. - Guidi un "maxi" con la patente B
Pregi: 
il motore brillante e parco nei consumi; il comfort da scooter di classe superiore; le sospensioni che assorbono le asperità senza essere cedevoli.
Difetti: 
le dimensioni “importanti” in città si fanno sentire; i freni efficaci ma penalizzati dalla risposta spugnosa delle leve. 
Facile confondere il “piccolo” Kawasaki con il J300. In effetti il J125 riprende quasi in toto le dotazioni e la base tecnica del fratello maggiore. Uguale è anche la “filosofia”: si tratta di uno scooterone della finiture curate con la base tecnica fornita dal partner taiwanese Kymco, mentre le linee sportive, i colori e le grafiche sono anche qui strettamente imparentati con quelli dalle sorelle Ninja. Quello che cambia è il motore, grazie al quale il J125 può essere guidato anche dai 16enni con patente A1 e dagli automobilisti con patente B che vogliono muoversi in città con tutti i vantaggi di uno scooter, ma non vogliono spendere soldi per la patente da moto.
Il monocilindrico 4 tempi raffreddato a liquido da 125 cm3 ha una potenza di 11,5 CV e una coppia massima di 9,5 Nm (rilevati alla ruota), la trasmissione finale ha un classico variatore automatico CVT. Altrettanto tradizionale la ciclistica con telaio “a diamante” in tubi d’acciaio, forcella telescopica da 37 mm e due ammortizzatore posteriori regolabili nel precarico su 5 posizioni. I freni sono entrambi a disco con profilo a margherita (come le Ninja e le naked Z), pinze a doppio pistoncino e ABS. Le ruote sono rispettivamente da 14 e 13 pollici di diametro.
PROVE CORRELATE
  • 14 Settembre 2020
    La categoria delle "medie" non fa più tendenza come in passato, ma la moto di Akashi ha più di un buon motivo per andare controcorrente: divertente da guidare, è la compagna perfetta per chi non vuole finire in soggezione con mezzi troppo sportivi
  • 01 Settembre 2020
    La Ninja 125 è una sportivetta bella, ben rifinita, facile da guidare e parecchio divertente. Noi l'abbiamo messa alla frusta su strada e in pista, ecco come va
  • 18 Agosto 2019
    La Ninja per 18enni (e non solo) è ben fatta e controllabile, ma tira fuori le unghie quando c’è da guidare sul serio. Prezzo OK
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Suzuki GSX-S 750 Yugen Carbon 2019
    La 4 cilindri di Hamamatsu ha muscoli da vendere e li mette in mostra. Generosa ma guidabile, la 750 è una naked sportiva che se la cava bene anche nel traffico. L'elettronica in dotazione è quanto basta, le sospensioni sono abbastanza rigide e il passeggero un po' sacrificato
  • Honda CB 650 R
    L'erede della Hornet interpreta l'attualità del settore naked con uno stile essenziale e prestazioni di tutto rispetto. Finiture adeguate e un prezzo corretto la rendono una moto che si fa volere bene subito, a patto di non essere "troppo" alti
  • Triumph Speed Twin 2020
    La bicilindrica inglese monta un bicilindrico di cubatura generosa, ma nonostante i 1200cc è potente il giusto e facile da guidare. Interpreta in chiave moderna i classici del settore: telaio doppia culla e due ammortizzatori al posteriore, sella ampia e comoda, anche se non è una moto per viaggiare