PROVA

Indian Challenger Limited 2021

Indian Challenger Limited, la sport bagger che sfida le H-D
La rivale per eccellenza dell'Harley-Davidson propone la "sportiva" di casa in versione top di gamma. I cavalli non mancano, la cilindrata è "esagerata", il comfort elevato e la ricca dotazione di serie invitano a viaggiare. Per averla bisogna staccare un assegno importante, ma si acquista una moto che non passa certo inosservata
Prezzo: 
€ 31.490
Cilindrata: 
1.768,0 cm3
Peso: 
381,0 kg
Potenza: 
122,0 CV
Velocità: 
172,3 km/h
 
  • Comfort: 
    5
  • Posizione di guida: 
    4
  • Tenuta di strada: 
    3
  • Finiture: 
    5
  • Consumo: 
    3
  • Prestazioni: 
    5
    Average: 5 (1 vote)
  • Cambio: 
    5
  • Freni: 
    5
  • Vano sottosella: 
    4
  • Sospensioni: 
    4
Indian Challenger Limited, la sport bagger che sfida le H-D
Pregi: 
Il motore potente e fluido, il cambio preciso, i freni potenti, l'avantreno svelto, il parabrezza regolabile, l'hi-fi potente, l'elettronica completa 
Difetti: 
La sella lontana dal manubrio, l'assenza di appigli per il passeggero, la tendenza ad allargare in curva, il baricentro alto
Le sport bagger sono l'estremizzazione del concetto di custom. Negli Stati Uniti corrono anche un campionato a loro dedicato, a margine dell'American Superbike, ma è chiaro che stiamo parlando di moto con una vocazione turistica, più che sportiva. La Challenger incarna alla perfezione il concetto: muscoli a profusione, un bicilindrico generoso e tanti accessori per rendere il viaggio (soprattutto in due) la dimensione preferita di utilizzo. 
La grande carenatura ingloba il gruppo ottico a tre elementi con luci a led. Il trasparente si regola elettricamente. Sui lati ci sono due prese d’aria per il comfort del pilota in estate. Nel cruscotto c’è il sistema di “infotainment” collegabile allo smartphone, con navigatore e impianto stereo, che monta un amplificatore da ben 100 Watt! I blocchetti hanno un numero di tasti gestibile, sono sempre chiari e facili da raggiungere. Quelli di clacson e abbagliante però dovrebbero stare in basso per maggiore sicurezza. La posizione di guida non ci ha convinti: la sella è lontana dal manubrio e il supporto lombare è migliorabile. Il cinturino di appiglio per il passeggero è nascosto tra le due selle. Lo spazio comunque è tanto e con uno schienale (optional), anche il secondo trova la propria collocazione. Le borse laterali sono capienti e hanno un disegno regolare, ma sono strette. Optional le borse interne, che rivestono il vano. 
Il nuovo motore Indian, denominato PowerPlus, è un bicilindrico a V di 60° raffreddato a liquido con distribuzione monoalbero in testa e 4 valvole per cilindro. La dotazione elettronica comprende tre mappe motore (Sport, Standard e Rain), nonché il controllo di trazione. Il propulsore sembra sospeso, ma in realtà è “appeso” a una struttura in alluminio che corre sopra le due grosse teste, con due supporti sulla parte anteriore.
PROVE CORRELATE
  • 13 Agosto 2020
    La grossa bicilindrica ha nel dna l'esperienza di Indian nelle gare di flat track: Il motore è elastico, le sospensioni eccellenti. La moto è curata nei particolari e si muove bene sia in città che su strade aperte. La guida è confortevole ma il passeggero molto sacrificato

Indian Challenger

  • Prezzo€ 31.490
  • Peso365 Kg
  • Serbatoio22,7 l
  • Altezza sella67 cm
  • Lunghezza250 cm
Eicma 2021
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Kawasaki Ninja 1000 SX 2021
    La "verdona" è una Ninja a tutti gli effetti, ma strizza l'occhio a chi cerca una moto da usare anche per qualche gita senza stancarsi troppo, e all'occorrenza guidabile pure in città. La dotazione di serie ne fa una moto moderna, che "aiuta" il pilota a non andare mai in difficoltà
  • BMW R 18 2021
    Forme classicissime, cura tedesca dei dettagli e l'elettronica non è un tabù: la cruiser della casa tedesca è un mix di moderno e tradizione, una moto con una spiccata personalità, equipaggiata con un possente bicilindrico boxer
  • BMW R nineT Pure 2021
    La stradale tedesca è immediatamente riconoscibile alla prima occhiata, il boxer è garanzia di una guida sempre piacevole e la dotazione è quella "di sostanza" tipica delle moto bavaresi. Chi prende una R Nine T lo fa a ragion veduta... Ma anche il prezzo è da BMW