Salta al contenuto principale

BMW R Nine T Pure: un classico che non passa mai di moda

La stradale tedesca è immediatamente riconoscibile alla prima occhiata, il boxer è garanzia di una guida sempre piacevole e la dotazione è quella "di sostanza" tipica delle moto bavaresi. Chi prende una R Nine T lo fa a ragion veduta... Ma anche il prezzo è da BMW
Pregi

Pregi

Il bicilindrico ”pronto” ma facile da gestire, la posizione di guida azzeccata, la stabilità tra le curve, la dotazione elettronica completa
Difetti

Difetti

La sella poco imbottita, lo spazio per il passeggero, la taratura morbida delle sospensioni, il vano sottosella inesistente.

In sintesi

 La R nine T Pure monta il classico bicilindrico Boxer bialbero con raffreddamento ad aria, ora Euro 5 grazie a nuove testate e diversi corpi farfallati. Nella dotazione elettronica troviamo due mappe motore di serie (Road e Rain) e una optional (Dynamic), l’ABS Pro con funzione cornering e il controllo di stabilità ASC. Insomma, un classico sì, ma al passo con i tempi. Anche la linea si muove nel solco della tradizione, eppure alcuni dettagli contribuiscono non poco a dare un tocco di dinamismo all'insieme: il piccolo parabrezza in alluminio spazzolato a mano fa parte del “pacchetto” Alluminium (che costa 1.500 euro), insieme al serbatoio e ad altri particolari in alluminio “naturale”. 
La bella BMW offre le informazioni al pilota in un unico strumento analogico, elegante anche se non ricco di informazioni. I blocchetti al manubrio sono di qualità, “affollati” ma facili da azionare. Su quello di sinistra c’è il selettore del Cruise Control (optional in questa versione Pure). Come ormai tutte le moto di fascia alta, anche la R nine T monta fanali full Led con frecce minuscole e faretti posteriori di piccole dimensioni, potenti e ben visibili la sera ma anche di giorno.
In fase di configurazione della R nine T Pure, BMW offre la possibilità di richiedere anche i cerchi a raggi: una scelta che comporta un sovrapprezzo di 450 euro. Il terminale di scarico sdoppiato Akrapovic (optional, costa 600 euro) cambia parecchio la“voce”. Al posteriore la R Nine T Pure si affida al sistema Paralever, con il monoammortizzatore centrale regolabile nel precarico molla, collegato al forcellone monobraccio. Sotto la sella della R nine T c’è un piccolo spazio dove sistemare i documenti e la trousse degli attrezzi di bordo.

Come va

La posizione di guida è buona, leggermente caricata sui polsi, le pedane sono alla giusta distanza per non interferire con i cilindri. Questa BMW non è molto accogliente per il passeggero: le pedane sono alte, la sella è piccola e poco imbottita e non ci sono appigli per le mani. Il guidatore si trova meglio: la sella è spaziosa anche se poco imbottita, alla lunga stanca. Bene le sospensioni, tarate non troppo rigide.
Le prestazioni sono buone: ai bassi e medi regimi il boxer ha un’erogazione corposa e senza incertezze. Ma l’allungo non emoziona. Nel misto stretto invece la BMW se la cava piuttosto bene, grazie al peso tutto sommato gestibile e a un buon equilibrio generale. Tra le curve la R nine T è ben bilanciata e abbastanza agile, ma non ama la guida troppo aggressiva. Le sospensioni infatti hanno una taratura “neutra”, valida un po’ per tutto ma in crisi quando si spinge un po' troppo. Bene invece in città, dove digeriscono le asperità. In generale la Nine R T Pure riesce a districarsi al meglio nel traffico, grazie al boxer che non strappa in basso, anche sul bagnato la BMW è ben gestibile, sfruttando la mappatura dedicata e il controllo di stabilità evoluto di quest’ultima versione.
Il cambio è preciso e rapido negli innesti anche se “maltrattato”. È assistito da una frizione morbida da azionare. I freni non sono potentissimi, specie l’anteriore che va azionato con decisione per rendere al meglio. Il bicilindrico “beve” solo a velocità illegali, altrimenti non ci si può lamentare: si sta intorno ai 20 km/l. Per quanto riguarda le possibilità di carico, il catalogo ufficiale mette a disposizione borse laterali e da serbatoio, ma di capienza limitata. 
 

Rilevamenti

Velocità massima (km/h) 218,8
Accelerazione secondi
0-400 metri 11,5 
0-1000 metri 22,2 
0-100 km/h 3,6
Ripresa (da 50 km/h) secondi
400 metri 12,1 
1000 metri 22,7
Potenza massima alla ruota  
CV/kW 99,4/74,1
Giri al minuto 7304
Frenata metri
Da 100 km/h 44,2
Consumi km/l
Autostrada 15,4
Extraurbano 17,8
A 90 km/h 19,2
A 120 km/h 16,9
Al massimo 9,5
Autonomia km
A 120 km/h 305,8 
Al massimo 171,4

Acquisizione dati con CORRYS-DATRON DAS1A.
Banco prova Dynojet's 150 Dynamometer.
Bilancia Computer Scales Longacre 7263.

Dati tecnici

Dati tecnici dichiarati dalla casa

Motore 4 tempi bicilindrico boxer
Cilindrata (cm3) 1170
Cambio a sei rapporti
Potenza CV(kW)/giri 109(80)/7.250 
Freno anteriore a doppio disco da 320 mm 
Freno posteriore a disco da 265 mm 
Pneumatico anteriore 120/70-17” 
Pneumatico posteriore 180/55-17” 
Altezza sella (cm) 81 
Peso (kg) 221
Capacità serbatoio (litri) 18+3
Autonomia (km) 305
Velocità massima (km/h) 218,8
Tempo di consegna -

Dimensioni rilevate da inSella

Image
Passo
148.70
Lunghezza
211.00
Altezza sella
81.00
Leggi altro su:
Bmw
BMW R nineT Pure 2021
Prezzo Prezzo
14.200
Cilindrata Cilindrata
1.170
cm3
Peso Peso
221,00
kg
Potenza Potenza
99,40
CV
Velocita Velocità
218,80
km/h
Voto medio
4
Comfort
4
Tenuta di strada
4
Consumo
4
Cambio
5
Vano sottosella
1
Posizione di guida
4
Finiture
4
Prestazioni
4
Freni
3
Sospensioni
3

BMW R nineT Pure 2021

Ti piace questa moto?

Condividi il tuo giudizio! Clicca sulle moto qui sopra per valutare questa moto.

I voti degli utenti
0
0
0
0
0
Voto medio
0
0
0 voti
Aggiungi un commento