PRIMI CONTATTI

Yamaha XSR 900 Abarth 2017

Yamaha XSR 900 Abarth, bella ma scomoda
Prodotta in “tiratura limitata”, sfoggia tanti particolari in carbonio e lo scarico in titanio. Ottimi motore e telaio, piuttosto stancante la posizione di guida
€ 12.490
Yamaha XSR 900 Abarth, bella ma scomoda
Come è fatta
Con il progetto Yard Built, Yamaha ha inaugurato un modo nuovo di sviluppare nuovi modelli: affida le sue moto di serie a customizer più o meno famosi, ricavando dalle loro “special” modelli più o meno di serie. Lo ha fatto in particolare per le versioni speciali delle XSR: dopo quelle  dell’americano Roland Sands e del giapponese Kimura, ecco ora una café racer con il marchio Abarth realizzata in soli 695 esemplari.
Telaio in alluminio e motore tre cilindri sono gli stessi della XSR 900, come la  frizione antisaltellamento assistita. Per il resto, troviamo un manubrio basso (preso dal catalogo Yamaha, costa 146 euro), cupolino retrò in carbonio e sella rivestita in pelle scamosciata. In carbonio anche il parafango anteriore e il codone, quest’ultimo dotato di faro a led integrato e un portatarga ridotto al minimo. Chiudono la dotazione lo scarico Akrapovic in titanio con doppio terminale e la cover serbatoio in alluminio. Il “vestito” è la storica livrea grigio/rossa di casa Abarth.

Come va
In sella si sta con il busto inclinato in avanti e con il peso caricato sui polsi, una posizione che consente di “sentire” bene l’avantreno, ma che stanca parecchio. Il manubrio basso inoltre rende la Abarth un po’ più nervosa della XSR 900 “normale”: lo si nota soprattutto nei percorsi con molte curve strette, dove la moto quasi “anticipa” i comandi del pilota. Bisogna farci l’abitudine. Il motore invece non cambia, per fortuna. Il tre cilindri Yamaha da 115 CV fa innamorare ogni volta per fluidità e gestibilità: si può andare via con un filo di gas, sfruttando la coppia generosa ai bassi e medi regimi, oppure spalancare l’acceleratore e godersi sensazioni “forti” fino a 11.000 giri. Bene i freni e il lavoro delle sospensioni che digeriscono a dovere la guida sportiva.
Carta d'identità
Dati tecnici (dichiarati dalla casa)
Motore tre cilindri quattro tempi
Cilindrata (cm3) 847
Raffreddamento a liquido
Alimentazione a iniezione
Cambio a 6 marce
Potenza CV (kW)/giri 115(85)/10000
Freno anteriore a doppio disco
Freno posteriore a disco
Velocità massima (km/h) nd
Dimensioni
Altezza sella (cm) 83
Interasse (cm) 144
Lunghezza (cm) 207,5
Peso (kg) 195
Pneumatico anteriore 120/70 - 17"
Pneumatico posteriore 180/55 - 17"
Capacità serbatoio (litri) 14
Riserva litri 3,7
PRIMI CONTATTI CORRELATI
  • 26 Giugno 2020
    Arriva nelle concessionarie a luglio il Tricity 300. Il nuovo tre ruote ha motore Blue Core da 28 CV e un telaio leggero, derivato  da quello dell'Xmax 300, ma con sospensione anteriore di tipo LMW come quella utilizzata sulla Niken e sui "fratellini" Tricity 125-155. La ricca dotazione di serie comprende il controllo di trazione e la smart key. Il nuovo sistema di blocco del rollio delle ruote anteriori Standing Assist facilita il parcheggio e permette di non appoggiare i piedi a terra al semaforo 
  • 22 Febbraio 2020
    La crossover media di Yamaha per il 2020 ha un look tutto nuovo e l’omologazione Euro 5, senza perdere potenza e brillantezza. Migliorano le doti dinamiche, il comfort e il divertimento di guida in ogni situazione 
  • 12 Dicembre 2019
    La nuova MT 125 monta il motore dotato di fasatura variabile che ha debuttato sulla sportiva YZF-R 125. Le prestazioni sono brillanti, la posizione di guida comoda e le sospensioni efficaci: questa naked va bene per chiunque cerchi una "prima moto" leggera e divertente da guidare anche con la patente B

Yamaha XSR 900

  • Prezzo€ 12.490
  • Peso181 Kg
  • Serbatoio14,0 l
  • Altezza sella83 cm
  • Lunghezza208 cm
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PRIMI CONTATTI PER MARCA
Green Planet
GLI ULTIMI PRIMI CONTATTI