PRIMI CONTATTI

Kawasaki Z400 2019

Kawasaki Z 400: naked "facile" ma con grinta
La nuova Kawasaki è una naked adatta a tutti, perfetta per cominciare ma capace di divertire anche i piloti esperti. È leggera e rapida nell'impostare le curve, mentre il motore spinge con decisione ai medi e alti regimi. Prezzo corretto
€ 5.590
Kawasaki Z 400: naked "facile" ma con grinta
La sorella della Ninja
Dopo la Ninja 400 carenata, anche la piccola naked Z guadagna il motore da 400 cm3. Per l'occasione Kawasaki aggiorna anche le linee: è nuovo il frontale, fedele allo stile aggressivo delle Z più grosse, e anche la carrozzeria in cui risaltano il serbatoio ben sagomato e la coda appuntita.



La “base” tecnica è quella (validissima) della Ninja 400: il motore bicilindrico di 399 cm3 capace di erogare 45 CV a 10.000 giri è sfruttato come elemento portante della ciclistica e contribuisce alla rigidità del telaio a traliccio in tubi di acciaio. Anche per il robusto forcellone è a traliccio in tubi di acciaio. L’impianto frenante invece vede al lavoro un disco da 310 mm all’anteriore con pinza a due pistoncini e uno da 220 mm al posteriore, sempre con pinza a doppio pistoncino. Anche le sospensioni sono quelle della Ninja: la forcella con steli da 41 mm è equipaggiata però con molle diverse che garantiscono un miglior comfort, mentre il monoammortizzatore a gas è collegato al forcellone da un leveranno progressivo (Uni-Track) ed è regolabile nel precarico. La “piccola” Z è facile da gestire anche perché pesa poco: solo 167 kg in ordine di marcia. Il cambio, a 6 rapporti, è assistito da una frizione morbida e ora dotata di sistema antisaltellamento.  
Il cruscotto digitale (piuttosto affollato) è uguale a quello della Z 650. Il disco freno anteriore con profilo a margherita è da 310 mm

Anche in versione Performance
Novità anche per la fanaleria, ora full led, mentre il cruscotto completamente digitale è quello (ricco ma un po' affollato) della “sorella maggiore” Z 650. Già dai concessionari in due colorazioni (il classico verde/nero e un grintoso nero opaco/amaranto), la Z 400 è disponibile anche nella versione Performance (6.290 euro) dotata di terminale di scarico in titanio Akrapoviç, kit coprisella passeggero in tinta e protezione adesiva per il dorso del serbatoio.
Il motore bicilindrico raffreddato ad acqua ha 45 CV, perfetto per la patente A2. Scarsa la sella per il passeggero

Come va
Snella e accogliente, grazie alla sella spaziosa, la Z 400 ha un'impostazione di guida corretta. La seduta posta a 78,5 cm da terra (5 cm in più della carenata Ninja 400), la rende facile da gestire per i piloti di tutte le taglie, anche quelle minute. Una posizione poco caricata sui polsi che rappresenta una azzeccata via di mezzo, comoda nei trasferimenti ma anche efficace quando arrivano le curve e la guida si fa più “allegra”. Solo le pedane montate vicino alla sella costringono i più alti a stare con le gambe piuttosto rannicchiate. Il problema comunque si risolve facilmente montando la sella rialzata di 3 cm (optional da 183 euro). Il bicilindrico è facile da gestire ma allo stesso tempo divertente: ha un’erogazione lineare, è pronto ai bassi (favorito da una rapportatura del cambio “corta” nelle prime tre marce) ma diventa decisamente grintoso ai medi e alti regimi, dove sfodera un bell’allungo... e trasmette un po’ di vibrazioni (leggere) su manubrio e pedane, che alla lunga però possono infastidire.



Rapida in ingresso
Leggera e ben bilanciata, nei percorsi misti la Z 400 è maneggevolissima. Veloce in ingresso e stabile in percorrenza di curva, preferisce una guida “rotonda” e fluida per evitare di mettere in crisi le sospensioni, ben tarate per viaggiare ma poco inclini alla guida “spigolosa". Potente il giusto la frenata, modulabile e sicura grazie all'ABS. Preciso il cambio e morbidissima la frizione, dotata dell'utile sistema antisaltellamento: un accorgimento che evita il bloccaggio della ruota posteriore quando si scala marcia rapidamente nelle frenate violente.  

 
Carta d'identità
Dati tecnici (dichiarati dalla casa)
Motore bicilindrico 4 tempi
Cilindrata (cm3) 399
Raffreddamento a liquido
Alimentazione a iniezione
Cambio a 6 marce
Potenza CV (kW)/giri 45 (33,4)/10.000
Freno anteriore a disco
Freno posteriore a disco
Velocità massima (km/h) nd
Dimensioni
Altezza sella (cm) 79
Interasse (cm) 137
Lunghezza (cm) 199
Peso (kg) 167
Pneumatico anteriore 110/70-17"
Pneumatico posteriore 150/60-17"
Capacità serbatoio (litri) 14
Riserva litri nd

PRIMI CONTATTI CORRELATI
  • 20 Settembre 2019
    La Kawasaki “classica” ora è proposta in due versioni: la comoda Street e la sportiva Cafe, piacevoli e ben rifinite
  • 12 Febbraio 2019
    La rinnovata crossover giapponese è efficace su strada, offre un ricco "pacchetto" elettronico e tanto comfort. Il quattro cilindri spinge forte e regolare sin dai regimi più bassi, la frenata è potente ma sempre modulabile. La versione SE è la più interessante: costa parecchio, ma ha una dotazione completa e monta componentistica di alto livello
  • 20 Dicembre 2018
    La Z 125 e la Ninja 125 sono ben fatte e offrono una buona tenuta di strada. Hanno un motore brillante ma “pigro” sotto i 5.000 giri, frenata efficace con ABS di serie e buone sospensioni

Kawasaki Z400

  • Prezzo€ 5.590
  • Peso167 Kg
  • Serbatoio14,0 l
  • Altezza sella79 cm
  • Lunghezza199 cm
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PRIMI CONTATTI PER MARCA
Green Planet
GLI ULTIMI PRIMI CONTATTI