Salta al contenuto principale

Honda Africa Twin 1100 ES, ora non ha paura di nulla!

L'Africa Twin con ruota anteriore da 21 pollici è dotata di sospensioni elettroniche e un motore pronto e ben trattabile. Nonostante le dimensioni è una moto facile e intuitiva anche in off road

Per il 2024 Honda ha rinnovato in maniera decisa la sua maxi crossover ed ha introdotto la versione ES che abbiamo provato, dotata di sospensioni elettroniche Showa EERA fino a oggi riservate solo alla Adventure Sports (qui il nostro primo contatto). Il sistema prevede cinque modalità di smorzamento idraulico predefinite integrate nei riding mode e la possibilità di modificare il precarico molla posteriore, anche in movimento, tramite i comandi al manubrio. 

 

 

Tante novità

La ES sfoggia le tante migliorie introdotte da Honda sulle Africa Twin (qui l'approfondimento), la linea è stata rinfrescata grazie a cupolino e carena più estesi, parabrezza regolabile in altezza su cinque posizioni e fianchetti ridisegnati.

Novità anche per il bicilindrico parallelo da 1084 cm³: ha sempre 102 CV, ma più coppia: si passa da 105 Nm a 6250 giri/minuto a 112 Nm a 5500 giri/minuto. Gli interventi hanno toccato i pistoni, le bielle e l'albero motore, ed è cresciuto anche il rapporto di compressione (da 10,1:1 a 10,5:1). Inoltre canali che alimentano l'airbox sono più larghi (ora 35 mm, erano 29 mm) e i cornetti aspirazione più lunghi (+65 mm). In più, grazie al nuovo scarico, cambia il sound, caratterizzato da una tonalità che diventa più profonda e corposa all’aumentare dei giri.

A sinistra il cruscotto da 6,5", completo e facile da consultare. A destra il nuovo parabrezza regolabile manualmente su cinque posizioni

 

Debuttano i tubeless

Sull'Africa Twin le ruote restano da 21” all'anteriore e da 18” al posteriore, ma i cerchi ora sono a raggi tangenziali e montano pneumatici tubeless. Confermato il telaio a semi doppia culla in acciaio, così come il forcellone in alluminio derivato da quello della cross CRF450. Il ricco pacchetto di elettronica comprende la piattaforma inerziale a sei assi su cui poggia l'ABS regolabile su due livelli e disinseribile e il controllo di trazione regolabile su 7 livelli, entrambi cornering.

Presente anche il sistema anti-wheelie regolabile su 3 livelli che limita il sollevamento della ruota anteriore. Ci sono poi quattro modalità di guida predefinite, Urban, Tour, Gravel e Offroad, più due "user" completamente personalizzabili. Il tutto si gestisce attraverso un cruscotto con schermo touch da 6,5 pollici connesso e dotato di apple car play e android auto. Inoltre l'ES è l'unica della famiglia a montare di serie le manopole riscaldabili e la presa 12V. 

 

Maxi in tutti i sensi

Le misure sono ovviamente da maxi: 233 kg con il pieno di benzina (il serbatoio è da 18,8 litri) che salgono a 244 kg per la versione con DCT. La sella (regolabile) è a 85-87 cm da terra mentre l’escursione della forcella è di 230 mm e il mono si ferma a 220 mm. La luce a terra (cioè la distanza del motore dal suolo) invece è di 250 mm. La ES è proposta a 16.290 euro in versione con cambio manuale che salgono a 17.490 euro per quella con DCT. Due i colori, Tricolour e nero, è disponibile anche la livrea rossa ma solo per la versione con sospensioni meccaniche.

 

Come va

La prova si è svolta su un percorso al 90% in offroad, dalla strada bianca al brecciolino fino ad alcuni passaggi in zone parecchio fangose. Bisogna riconoscere che in ogni condizione la maxi di Honda si è comportata molto bene, offrendo sicurezza e stabilità anche nei passaggi più complicati. Godibilissima la versione con cambio DCT che ormai ha raggiunto livelli estremamente elevati di feeling ed è dotato di mappature dedicate al fuoristrada. Il peso elevato si sente solo da fermi, una volta in movimento l’Africa Twin sembra parecchio più leggera, rendendo le manovre a bassa velocità e in piedi quasi un gioco da ragazzi. Abbiamo apprezzato inoltre la trattabilità del motore in ogni condizione di marcia e la precisione dei sistemi elettronici che aiutano a tenere tutto sotto controllo. Su asfalto piace la comodità della posizione di guida e la protettività della carena e del parabrezza (regolabile manualmente).   

 

Carta d'identità

Dati tecnici (dichiarati dalla casa)
Motorebicilindrico 4 tempi
Cilindrata (cm3)1084
Raffreddamentoa liquido
Alimentazionea iniezione
Cambioa 6 marce/automatico DCT
Potenza CV (kW)/giri102(75)/7500
Freno anteriorea doppio disco
Freno posteriorea disco
Velocità massima (km/h)nd
Dimensioni
Altezza sella (cm)85/87 cm
Interasse (cm)157,5
Lunghezza (cm)233
Peso (kg) con il pieno244
Pneumatico anteriore90/90 - 21"
Pneumatico posteriore150/70 - 18"
Capacità serbatoio (litri)nd
Riserva litrind

 

Leggi altro su:

Honda Africa Twin L3 DCT 2024

Ti piace questa moto?

Qual è il tuo giudizio?

I voti degli utenti
2
0
0
0
0
Voto medio
5,0
5
2 voti

Aggiungi un commento