Classifica piloti MotoGP 2019

I punteggi sempre aggiornati, suddivisi in valori della classifica assoluta e relativi ai singoli gran premi

Pos.PilotaPt
1

Marc Marquez

375202502525202520252520202525252525--
2

Andrea Dovizioso

2402516131320160131120250102013169--
3

Alex Rins

183131125206131300131025071197--
4

Maverick Vinales

176905160100252061116161316130--
5

Danilo Petrucci

16910101011162516101387964770--
6

Fabio Quartararo

163089086201609160201120200--
7

Valentino Rossi

15311202010110008101313138808--
8

Jack Miller

1410131601301171016087162616--
9

Cal Crutchlow

133163087809161101001041120--
10

Franco Morbidelli

10550119900117061111010105--
11

Pol Espargaro

89468310795450790354--
12

Joan Mir

778000041089000829811--
13

Takaaki Nakagami

74796701180275006600--
14

Tito Rabat

71001100753500031000--
15

Aleix Espargaro

5367054504002049016--
16

Francesco Bagnaia

50027000020495005313--
17

Andrea Iannone

43204001563006051010--
18

Miguel Oliveira

3305201043038003040--
19

Johann Zarco

3011323060024050003--
20

Jorge Lorenzo

2334045300000220000--
21

Hafizh Syahrin

800002001000310001--
22

Karel Abraham

700000200101100002--

NEWS MOTOGP

  • Puntare sul pilota italiano garantirebbe una soluzione di alto profilo, ma Andrea difficilmente accetterebbe un contratto a chiamata, senza un orizzonte temporale ben preciso e un progetto da sviluppare. Il tedesco è affidabile e nel 2020 si è tolto di dosso la ruggine: può coniugare al meglio il ruolo di tester con quello da pilota
  • MotoGP news – La stagione 2020 della casa di Borgo Panigale non è stata così brillante come le ultime tre, pur avendo conquistato il titolo dei costruttori, le difficoltà tecniche sono state tante, e molte di esse legate all'adattamento alle gomme Michelin. Con le restrizioni dello sviluppo dovute al Coronavirus fino al 2022, la speranza è che Michelin faccia debuttare una nuova gomma anteriore che possa far tornare a sorridere i vertici dell’azienda bolognese
  • Il dottor Marco Berlusconi, responsabile di unità operativa traumatologia presso l'Humanitas di Rozzano, era intervenuto ai microfoni di Sky Sport già a fine ottobre per chiarire le dinamiche di un recupero di questo tipo, che non fa distinzioni tra un atleta e una persona normale: "ma una volta guarita la frattura, l'omero recupera la sua piena funzionalità"