NOVITA' MOTOCICLISMO

KTM 2021: 1290 Super Adventure S e R, ecco come cambiano

Arrivano nuove immagini “rubate” di come dovrebbe essere la KTM 1290 Super Adventure in versione 2021. La linea cambia ma resta sempre spigolosamente KTM e si notano anche altri interessanti interventi a partire dalla ciclistica per arrivare all'impianto di raffreddamento

KTM 2021: 1290 Super Adventure S e R, ecco come cambiano
In rete girano nuove foto di quella che dovrebbe essere a tutti gli effetti la versione 2021 della KTM 1290 Super Adventure S.
La spy story parte dai colleghi austriaci di Motorrad-Magazin.at, che hanno pizzicato i collaudatori KTM in sella alle due versioni della crossover austriaca, la stradale "S" con ruota anteriore da 19” e la più fuoristradistica "R", con ruota anteriore a raggi da 21".



790 docet
Balza subito all'occhio che il look cambia completamente, e non solo quello: il serbatoio, come sulle 790 Adventure (qui la nostra prova completa con video) si allunga verso il basso offrendo così tre vantaggi: maggiore capienza, baricentro più basso e una più efficace protezione per le gambe. Inoltre, sempre dall’esperienza maturata con la crossover di media cilindrata, spuntano inedite “bocche” laterali da dove dovrebbe defluire l’aria calda trasmessa dal motore.
Da una vista frontale, poi, sembra di intravedere un sistema di raffreddamento, non più con un singolo radiatore, ma con due elementi distinti.
Dietro, ben celato alla vista, si nasconde il grosso bicilindrico LC8 a V di 75° quasi sicuramente nella configurazione vista sulla 1290 SuperDuke R (qui il video del confronto con le dirette concorrenti), quindi Euro 5 e magari con qualche CV in più rispetto alla Super Adventure S in commercio (se volete sapere di più, cliccate qui).
A variare è anche il frontale, dove spunta un faro totalmente ridisegnato, sempre a “freccia” per non perdere il family feeling con le versioni precedenti, ma con una "bocca" centrale che potrebbe ospitare il radar che dovtebbe servire per il cruse control adattivo e due boomerang superiori per le luci diurne più corti e larghi che ricordano quelli delle Duke.

Cambia anche la ciclistica
Per ultimo, ma non meno importante, il telaio. Dalle foto laterali si vede come i tubi del traliccio abbiano un andamento e un posizionamento differenti rispetto allo stesso adottato dalla Super Adventure attuale. In più, quelli relativi al telaietto posteriore, oltre ad essere in bella vista, hanno spessori maggiorati. Cambia anche l’attacco delle pedane passeggero, così come la struttura basculante su cui verranno ancorate le valigie laterali. Nuovo il disegno delle selle, sempre separate. Per quanto riguarda il forcellone, non sappiamo se cambierà in lunghezza o spessore, di certo dalle foto si nota una nervatura differente.
A cambiare dovrebbe essere anche lo scarico. Usiamo il condizionale perché la moto in foto è un prototipo in via di sviluppo, quindi l’estetica potrebbe non essere la stessa della modello "definitivo".
Le stesse modifiche tecnico-estetiche verranno applicate anche alla versione fuoristradistica, la 1290 Super Adventure R che, a differenza della S, monta un cupolino più corto (ma sempre regolabile in altezza manualmente), la ruota anteriore da 21” e sospensioni con regolazioni tradizionali invece di quelle elettroniche di serie sulla sorella S.

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Spy
    18 Settembre 2020
    Ecco le foto di quella che potrebbe essere la nuova CF Moto MT 800, crossover realizzata utilizzando il bicilindrico Lc8 di KTM. La moto dovrebbe essere prodotta per il solo mercato cinese e solo a marchio CF Moto, anche se c'è chi ipotizza che dietro quelle carene camuffate ci sia in realtà una Adventure "low cost"
  • Moto
    17 Settembre 2020
    Arrivata sul mercato all'inizio del lockdown, l'abbiamo finalmente potuta provare su strada e le sorprese non sono mancate: è potente, fulminea tra le curve e con un'elettronica sofisticatissima, ma costa cara 
  • News
    17 Settembre 2020
    Dopo 18 anni in terra bavarese, per il 2021 i BMW Motorrad Days si trasferiranno a Berlino. Un cambiamento che avvicina la casa tedesca al centro dell'Europa e alla sua storica fabbrica