ACCESSORI

Liqui Moly, l'app che "consiglia" l'olio giusto

Resa più facile e intuitiva da utilizzare, l’app Liqui Moly si presenta come un valido aiuto a automobilisti e motociclisti “indecisi” su quale prodotto moto acquistare. Disponibile sia per iOS che per Android, l’app “consiglia” il giusto prodotto - oli e additivi - in base alle caratteristiche del mezzo e del motore

Liqui Moly, l'app che "consiglia" l'olio giusto
Liqui Moly App
Approdata in Italia con una filiale sul nostro territorio (una Srl con sede a Milano che andrà a sostituire gli importatori e i distributori indipendenti utilizzati finora), l’azienda tedesca specializzata in oli e additivi per moto e auto Liqui Moly punta a porsi come punto di riferimento anche per quanto riguarda l’assistenza personale al cliente, aiutandolo a scegliere la soluzione che meglio si addice alle sue esigenze.
Sempre più evoluti sia dal punto di vista meccanico che tecnologico, i motori di oggi necessitano, più di ieri, di prodotti specifici che ne garantiscano il corretto funzionamento e, con esso, la necessaria manutenzione. Da qui l’idea di consigliare automobilisti e motociclisti sul giusto prodotto da utilizzare: se mai vi è capitato di contemplare lo scaffale dei prodotti additivi senza sapere come scegliere quello giusto, l’app recentemente rielaborata (rispetto alle versioni precedenti ora è più “snella” e intuitiva da utilizzare) fa al caso vostro.
Disponibile gratuitamente per iOS e Android anche in lingua italiana, l’app Liqui Moly funziona in modo molto semplice: inserendo negli appositi campi la marca, il modello e la motorizzazione del mezzo (auto e moto), verrà mostrato in base alle specifiche tecniche il prodotto più adatto, completo di descrizione, caratteristiche e funzioni. “Un aiuto pratico per ogni conducente che si ritrova perplesso davanti a un lungo scaffale pieno degli oli diversi, oppure indeciso gira a vuoto nello shop online“, ha spiegato Harry Hartkorn, direttore del settore tecnologia e applicazione di Liqui Moly. “Inoltre elimina le insicurezze dei professionisti, sia per l’utilizzo in officina, sia per la vendita agli automobilisti“.