ACCESSORI

Gomme moto invernali: multa per chi non le sostituisce entro il 15 maggio

Chi durante l’inverno ha montato pneumatici invernali M+S deve ricordarsi di tornare alle gomme estive entro la metà del prossimo mese, altrimenti si rischiano una contravvenzione da 422 a 1.695 euro e il ritiro della carta di circolazione. Ecco cosa prevede la legge

Gomme moto invernali: multa per chi non le sostituisce entro il 15 maggio
Una legge imcomprensibile
Sono sempre di più i motociclisti che scelgono di montare gomme invernali omologate M+S per sfruttare anche nella brutta stagione scooter e moto in tutta sicurezza. Ora però siamo agli sgoccioli e bisogna fare attenzione: si rischiano contravvenzioni salate: la normativa infatti concede tempo fino al 15 maggio per sostituire le gomme invernali con quelle "normali". Chi non lo fa rischia un salasso: l’art. 78 del Codice della Strada prevede una multa da 422 a 1.695 euro, con il ritiro della carta di circolazione e l'obbligo di revisione presso la Motorizzazione. Fortunatamente rischia la contravvenzione solo chi monta gomme con un indice di velocità inferiore a quello previsto dalla carta di circolazione, le norme infatti permettono che le gomme invernali possano essere omologate per velocità inferiori a quelle di cui è capace il mezzo su cui sono montate. Pertanto, se le vostre gomme invernali hanno il codice di velocità corretto, potete tenerle per tutto l'anno (l'aderenza è maggiore), ricordate solo che con temperature estive si consumeranno più rapidamente perchè sono fatte con una mescola più morbida delle gomme estive.
Il codice di velocità è indicato sul libretto di circolazione insieme alle misure delle gomme, è una lettera (da A a Y) a cui corrisponde una velocità massima, mentre sul pneumatico si trova sul fianco, insieme a tutte le altre indicazioni. 
L'Asaps (Associazione sostenitori e amici della Polizia stradale) ha espresso perplessità sulla severità di questa norma e la rigidità delle date: "Ci hanno costretto a tenere montati pneumatici invernali fino al 15 aprile quando da due mesi viaggiavamo a una temperatura media in Italia fra i 17 e i 20 gradi. Abbiamo consumato gomme invernali viaggiando con parametri di sicurezza inferiori perché c’era il sacro dogma della data di scadenza del 15 aprile (come se fossero yogurt), poi invece dobbiamo cambiarli “manu militari” dal 15 maggio pena sanzioni severe. No questo sistema non ci piace proprio per niente".