NOVITA' MOTOCICLISMO

Norton, via ai preordini per Atlas Nomad 650 e Ranger 650

Forte delle risorse messe in campo dalla nuova proprietaria TVS, Norton dà il via alla produzione delle già annunciate Atlas Nomad 650 e Ranger 650. Stradale e scrambler, entrambi i modelli saranno spinti dal bicilindrico da 650 cm3 di cui si parlava già nel 2018

Norton, via ai preordini per Atlas Nomad 650 e Ranger 650
Norton Atlas Nomad 650 e Ranger 650
Annunciate nel 2018 - cioè prima della crisi economica che ha portato all’acquisizione del marchio da parte di TVS -, la Norton Atlas Nomad 650 e la Ranger 650 non sono in realtà mai arrivate in concessionaria.
L’entrata in gioco del gigante indiano, che in aprile ha rilevato il brand per 18 milioni di euro, sembrerebbe tuttavia averne finalmente permesso la produzione. Sul sito web ufficiale di Norton Motorcycles è infatti da oggi possibile registrarsi e accedere all’area prenotazione: entrambi i modelli dovrebbero essere disponibili a partire da maggio 2021, anche se nessuna ulteriore informazione è stata condivisa dalla società. Prezzo compreso, che per il momento rimane sconosciuto. Rimangono comunque alcuni dubbi circa il loro possibile arrivo in concessionaria entro maggio, considerando che lo stesso CEO ad interim di Norton, John Russel, aveva pochi mesi fa rivelato che la gamma Atlas non era  ancora in fase di sviluppo e, soprattutto, che non  lo sarebbe stata entro la fine del prossimo anno (cioè, appunto, entro la fine del 2021). Evidentemente, nonostante la fretta di terminare i lavori sulla Norton V4RR - che a rigor di logica dovrebbe essere presentata entro la fine del 2020 come primo modello  prodotto sotto la proprietà di TVS - in Casa Norton si dispone ora di tutte le risorse necessarie a sfornare nell’arco di 6 mesi di nuovi - e a questo punto parecchio attesi - modelli. Modelli di cui, salvo le caratteristiche del bicilindrico parallelo da 650 cm3, 84 CV e 64 Nm di coppia - non sappiamo ancora praticamente nulla, considerando che le ultime informazioni a riguardo risalgono ormai a quasi tre anni fa e che, forse, nel frattempo qualcosa potrebbe essere cambiato… Attendiamo fiduciosi la prossima dichiarazione del Gruppo. 
 

 



NOTIZIE CORRELATE