NOVITA' MOTOCICLISMO

Givi Oldster, nuova linea di caschi jet vintage per EICMA

A salone di Milano GIVI porterà in anteprima una nuova linea di caschi jet dallo stile vintage. Gli Oldster hanno la calotta in fibra composita e sono leggerissimi. Optional la visiera “a bolla”, prezzo molto interessante

Givi Oldster, nuova linea di caschi jet vintage per EICMA
Caschi vintage in casa GIVI
Nel mondo delle due ruote lo stile vintage è ormai un filone “ricco” e sicuro, case, marchi di abbigliamento e produttori di accessori  stanno cavalcando con profitto questa moda. GIVI non sta a guardare e al prossimo Salone di Milano presenterà una nuova linea di caschi jet: gli Oldster che riprendono lo stile e le forme dei caschi degli anni Sessanta, ma hanno caratteristiche tecniche moderne. La calotta  (disponibile in due taglie) è in fibra e, grazie ai bottoni automatici in metallo, è possibile montare il classico frontino, fornito "di serie", o, tocco ancora più vintage, la visiera “a bolla”, disponibile come optional.
Grazie alla struttura in fibra composita il peso del casco non supererà il chilogrammo, mentre gli interni sono in materiale anallergico e completamente removibili e lavabili. Gli Oldster saranno disponibili nelle taglie  da XS a XXL e il prezzo al pubblico è già stato fissato: costeranno 149 euro.


NOTIZIE CORRELATE
  • News
    25 Marzo 2020
    Si parla da anni in sede europea di una revisione delle normative che regolamentano l’omologazione dei caschi, le discussioni stanno andando avanti ma ancora non c’è nulla di certo, anche per quanto riguarda i tempi di approvazione. Facciamo il punto su quelle che potrebbero essere le novità più importanti 
  • News
    09 Novembre 2019
    GIVI a EICMA denuncia il moltiplicarsi di tentativi di plagio ad opera di aziende, per lo più orientali, che al salone di Milano espongono prodotti “copiati” da quelli del proprio catalogo 
  • News
    15 Febbraio 2019
    L’obbligo di utilizzare caschi omologati FIM per i piloti che partecipano a Motomondiale e SBK scatterà il 3 giugno 2019, un ritardo dovuto alla complessità della procedura di omologazione e al numero di richieste ricevute dal laboratorio che si occupa di questa speciale certificazione